fbpx

Madrid, medici di base e pediatri scioperano a tempo indeterminato

Madrid, medici di base e pediatri scioperano a tempo indeterminato

K metro 0 – Madrid – Circa 400 medici e pediatri dei centri sanitari di Madrid, convocati dal sindacato Amit, si sono riuniti questo lunedì alle porte della Grecia Assistenziale de Attenzione Primaria per incrociare le braccia contro “il sovraccarico di lavoro, le agende infinite e la mancanza di tempo per assistere i pazienti”. Questo

K metro 0 – Madrid – Circa 400 medici e pediatri dei centri sanitari di Madrid, convocati dal sindacato Amit, si sono riuniti questo lunedì alle porte della Grecia Assistenziale de Attenzione Primaria per incrociare le braccia contro “il sovraccarico di lavoro, le agende infinite e la mancanza di tempo per assistere i pazienti”. Questo è dunque il primo giorno di sciopero a tempo indeterminato, al quale sono stati chiamati 4.240 medici di famiglia e 720 pediatri dei 430 centri sanitari della Comunità di Madrid.  

“L’assistenza primaria sta morendo”, ha denunciato a rtve.es Maria Rusticai, delegata di Amit, a proposito del “maltrattamento” imputato alla “cattiva gestione, al sottofinanziamento e alla negligenza” dell’amministrazione di Madrid. La protesta ha visto la partecipazione di 400 persone, secondo quanto riferito da fonti della Delegazione governativa di Madrid, ed è stata presieduta da uno striscione che recitava “L’assistenza primaria a Madrid è rimasta senza medici” e dal messaggio “SOS assistenza primaria”, scritto in lettere rosse sul terreno.

Il sindacato Amit, organizzatore dello sciopero a tempo indeterminato iniziato alle 8.00, ha dichiarato in un comunicato che l’adesione alla protesta in queste prime ore è stata “estremamente alta e storica” e ha ringraziato i professionisti per “la loro convinzione” di continuare uno stop che considerano “decisivo”.

Il ministro della Salute, Enrique Quiz Escluderò, ha invece assicurato che lo sciopero è seguito solo dal 31% e ha espresso l’intenzione di “andare avanti e cercare di raggiungere un accordo” con i sindacati. La presidente di Madrid, Isabel Diaz Auso, ha chiesto ad Amit di sospendere lo sciopero in considerazione dell’aumento dei casi di influenza, bronchiolite e altre malattie legate al freddo, per le quali il suo governo ha predisposto un rinforzo di 27 pediatri e 167 infermieri.

“Ci sono momenti in cui non è il momento giusto per scioperare, perché il danno è ancora maggiore se possibile per i cittadini”, ha commentato nelle dichiarazioni ai giornalisti durante una visita al cantiere di Pubertà del Sol. “Quello che non possiamo fare è saturare gli ospedali. Pertanto, chiedo loro di continuare a negoziare con la Comunità di Madrid”.

L’obiettivo è “salvare le cure primarie”, ha spiegato il sindacato Amit dopo che venerdì scorso si è concluso senza un accordo l’incontro con il ministero della Salute regionale a causa del rifiuto del governo regionale di aumentare i finanziamenti. Con 50 – 60 pazienti al giorno, il comitato di sciopero chiede come minimo di ridurli a un massimo di 31 pazienti nel caso dei medici di famiglia, per consentire un minimo di 10 minuti per ciascuno di essi, e a 21 per i pediatri, con un tempo di dedica di 15 minuti.

Chiedono inoltre l’istituzione di un’unica agenda per medico nominale, senza dover assistere i pazienti di altre agende, come secondo Amit avviene al momento. Un’altra delle richieste è il consolidamento di orari che consentano l’equilibrio tra lavoro e vita privata, che secondo loro è una delle ragioni principali che spingono i professionisti ad abbandonare le cure primarie.

“Al momento”, spiegano dal comitato di sciopero, “non c’è nemmeno un minimo avvicinamento” e, sebbene non considerino le trattative interrotte, la gestione “a costo zero”, senza investimenti da parte della Comunità nelle cure primarie, rende difficile la negoziazione. “Su alcuni punti ci potrebbe essere un riavvicinamento”, ma poiché l’Assessorato regionale alla Sanità parte da “un secco no a tutto ciò che riguarda i finanziamenti”, il comitato di sciopero non li ha nemmeno presi in considerazione, ha spiegato il portavoce del comitato di sciopero.

Secondo Amit, Madrid è la comunità autonoma che investe meno nell’assistenza primaria in Spagna e il governo regionale “non rispetta” gli accordi firmati, in un “continuo maltrattamento” dei professionisti. L’Assessorato regionale alla Sanità ribatte che molte delle richieste del comitato di sciopero sono già state elaborate nel Piano globale per il miglioramento delle cure primarie 2022-2023, che prevede un investimento di 200 milioni di euro con misure per la creazione di 1.200 posti in diverse categorie professionali, miglioramenti salariali, digitalizzazione delle consultazioni e nuove infrastrutture.

Inoltre, ricordano che, per il prossimo anno, la Comunità aumenterà gli investimenti nelle cure primarie del 22,2%, raggiungendo i 2.444 milioni di euro, 444 milioni in più rispetto a quest’anno.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: