fbpx

Bosnia, riformisti vincitori alle elezioni? Il cambiamento sembra però improbabile

Bosnia, riformisti vincitori alle elezioni? Il cambiamento sembra però improbabile

K metro 0 – Sarajevo – I riformisti candidati per combattere la corruzione e il clientelismo nelle cariche pubbliche sembrano destinati a vincere nelle elezioni di domenica scorsa in Bosnia, che potrebbe dare loro maggiore influenza sulla direzione del Paese mai del tutto ripreso dalla guerra settaria del 1992-95 e diviso da differenze etniche. L’ha

K metro 0 – Sarajevo – I riformisti candidati per combattere la corruzione e il clientelismo nelle cariche pubbliche sembrano destinati a vincere nelle elezioni di domenica scorsa in Bosnia, che potrebbe dare loro maggiore influenza sulla direzione del Paese mai del tutto ripreso dalla guerra settaria del 1992-95 e diviso da differenze etniche. L’ha riferito Associated Press.

I primi risultati preliminari diffusi dalla commissione elettorale centrale bosniaca nelle prime ore di lunedì hanno rivelato che i contendenti Denis Becirovic e Zeljko Komsic, inclini alla cooperazione, sono in procinto di vincere i rispettivi seggi bosniaci e croati nella presidenza tripartita. I riformisti potrebbero però essere affiancati da Zeljka Cvijanovic del più forte partito serbo-bosniaco, il secessionista filorusso SNSD.

Mosca è stata spesso accusata dall’Occidente di voler destabilizzare il Paese e il resto dei Balcani attraverso i suoi alleati serbi nella regione, e lo scrutinio di domenica si è svolto tra i crescenti timori che il Cremlino possa tentare di riaccendere il conflitto in Bosnia per distogliere l’attenzione dalla sua campagna in Ucraina.

Le elezioni hanno visto in gara le competizioni per i tre membri della presidenza condivisa e multietnica della Bosnia, per il presidente di una delle sue due parti fortemente autonome e per i deputati del parlamento a diversi livelli di governo, in parte sovrapposti. L’assetto istituzionale della Bosnia, spesso descritto come uno dei più complicati al mondo, è stato introdotto da un accordo di pace mediato dagli Stati Uniti che ha posto fine alla guerra degli anni ’90 tra i tre principali gruppi etnici: bosniaci musulmani, serbi ortodossi e croati cattolici.

La Bosnia è stata così divisa in due entità altamente indipendenti – una gestita dai serbi e l’altra condivisa da bosniaci e croati – che godono di ampia autonomia ma sono collegate da istituzioni comuni e multietniche. Tutte le azioni a livello nazionale richiedono il consenso di tutti e tre i gruppi etnici.

Se i risultati preliminari saranno confermati, dunque, Cvijanovic prenderà il posto del capo del suo partito politico, Milorad Dodik, che ha scelto di candidarsi alla presidenza della parte serba della Bosnia piuttosto che cercare un secondo mandato nella presidenza condivisa del Paese.

Sia Dodik sia la sua principale concorrente, Jelena Trivic, hanno proclamato la vittoria nella corsa alla presidenza serbo-bosniaca. Le loro affermazioni saranno messe alla prova oggi, quando la commissione elettorale dovrebbe annunciare i risultati preliminari dello scrutinio presidenziale per la parte serba della Bosnia e le gare per i deputati del Parlamento a livello statale, di entità e regionale.

Prima dello scrutinio, gli analisti avevano previsto che i nazionalisti di tutte le etnie, da tempo radicati, che hanno arricchito le clientele e ignorato i bisogni del popolo, sarebbero rimasti dominanti nelle legislature a tutti i livelli, soprattutto perché il sistema di governo settario del dopoguerra lascia i bosniaci pragmatici e riformisti poco incentivati a votare. L’affluenza alle urne domenica è stata del 50%, ovvero oltre 2 punti percentuali in meno rispetto alle elezioni generali del 2018.

Domenica, poco dopo l’inizio del conteggio dei voti, il supervisore internazionale della Bosnia, Christian Schmidt, ha annunciato in un video su YouTube che stava modificando la legge elettorale del Paese “per garantire la funzionalità e la tempestiva attuazione dei risultati elettorali”. Nel video Schmidt ha assicurato ai cittadini che le modifiche “non influiranno in alcun modo” sui voti espressi domenica.

L’accordo di pace del 1995 ha conferito ampi poteri all’Alto rappresentante internazionale, la carica attualmente ricoperta da Schmidt, compresa la capacità di imporre leggi e licenziare funzionari e dipendenti pubblici che minano il fragile equilibrio etnico postbellico del Paese. I cambiamenti imposti da Schmidt influenzeranno le dimensioni del parlamento della parte bosniaco-croata del Paese e impediranno il blocco della formazione del suo governo.

Intanto nove Paesi dell’Europa centrale e orientale prendono di mira l’annessione “illegale” di regioni ucraine da parte della Russia. “Non riconosciamo e non riconosceremo mai i tentativi russi di annettere alcun territorio ucraino”, si legge in una dichiarazione congiunta dei presidenti di Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Macedonia del Nord, Montenegro, Polonia, Romania e Slovacchia. Lo ha riferito l’Agenzia turca Anadolu. Com’è noto, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato venerdì l’annessione di quattro regioni ucraine a seguito di referendum molto contestati che sono stati denunciati dall’Occidente come una “farsa”. I territori ammontano a più di 90.000 chilometri quadrati (34.749 miglia quadrate), ovvero quasi il 15% della superficie totale dell’Ucraina.

I nove Paesi aggiungono che “non possono rimanere in silenzio di fronte alla palese violazione del diritto internazionale da parte della Federazione Russa”; hanno così dichiarato di “sostenere fermamente la decisione del vertice NATO di Bucarest del 2008 sulla futura adesione dell’Ucraina”. Nella dichiarazione, diffusa dalla presidenza polacca, hanno chiesto a Mosca di ritirarsi immediatamente da tutti i territori occupati e incoraggiato gli alleati ad aumentare in modo sostanziale gli aiuti militari a Kiev. Tutti coloro che commettono crimini di aggressione devono essere ritenuti responsabili e consegnati alla giustizia”, hanno affermato.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: