fbpx

Olanda, cresce il senso di solitudine fra i giovani

Olanda, cresce il senso di solitudine fra i giovani

K metro 0 – Amsterdam – I giovani olandesi si sentono più soli. L’anno scorso, il 43% della popolazione ha dichiarato di sentirsi un po’ o addirittura molto solo, mentre nel 2019 la percentuale era solo del 35%. Un dato riportato dall’Ufficio centrale di statistica (CBS) sulla base di un’indagine pubblicata dalle testate online nu

K metro 0 – Amsterdam – I giovani olandesi si sentono più soli. L’anno scorso, il 43% della popolazione ha dichiarato di sentirsi un po’ o addirittura molto solo, mentre nel 2019 la percentuale era solo del 35%. Un dato riportato dall’Ufficio centrale di statistica (CBS) sulla base di un’indagine pubblicata dalle testate online nu e hartvannederland.

La CBS ha sottoposto un questionario sulla solitudine a circa 7.000 olandesi di età pari o superiore ai 15 anni; tra le domande, anche se le persone si sentissero spesso abbandonate o provassero un senso di vuoto intorno a loro. Gli statistici hanno concluso che lo scorso anno l’11% degli olandesi si è sentito molto solo. Nel 2019, prima del diffondersi del Covid, la percentuale era ancora del 9%.

I single dichiarano più spesso di sentirsi soli, ma in tutti i gruppi di età è aumentato il senso di solitudine sociale ed emotiva. Nella solitudine sociale manca la sensazione di contatto sociale, mentre in quella emotiva viene meno la sensazione di vicinanza. Rispetto al 2019, i giovani in particolare sono molto più propensi a dire di sentirsi emotivamente molto soli. Secondo la sociologa della CBS Tanja Traag, nel caso dei giovani si può affermare con certezza che la pandemia ha avuto un impatto negativo sui sentimenti di solitudine. In altri gruppi di popolazione, questo collegamento non può essere fatto con certezza al momento.

Oltre ai dati sulla solitudine, la CBS ha pubblicato anche una ricerca sulle persone che hanno difficoltà a stare al passo con la società. Secondo l’ufficio statistico, una buona parte di questi “esclusi sociali” si trova ancora nella stessa posizione di vulnerabilità dopo dieci anni.

Una buona notizia arriva, invece, sul fronte dei salari, aumentati in media di quasi il 5%. Si tratta del livello più alto dalla fine degli anni ‘70, come hanno mostrato giovedì i dati preliminari dell’associazione dei datori di lavoro AWVN. “Sono cifre elevate, notiamo che i datori di lavoro sono disposti ad aumentare i salari”, ha dichiarato un portavoce dell’AWVN. “Ciò è dovuto in parte alla rigidità del mercato del lavoro; le aziende vogliono fidelizzare i propri dipendenti. Inoltre, l’obiettivo è di correggere in qualche modo il potere d’acquisto a causa dell’inflazione alle stelle. E anche la crescita economica aiuta”.

L’AWVN non può dire se i salari aumenteranno ulteriormente nei prossimi mesi. “Inoltre, c’è ancora molta incertezza a causa di tutti i tipi di problemi nel mondo. Ma finora il numero di contratti collettivi stipulati è superiore alla norma”, ha dichiarato il portavoce.

Quest’anno sono stati in effetti stipulati in totale 237 contratti collettivi per 3,8 milioni di lavoratori, e nel 2022 saranno ancora conclusi alcuni importanti contratti collettivi: per i Comuni, il trasporto professionale di merci, il settore del lavoro temporaneo, l’assistenza all’infanzia e il commercio al dettaglio.

Condividi su:
Joseph Villeroy
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: