fbpx

Azerbaigian 27 settembre, “Giornata della Memoria”. Dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri

Azerbaigian 27 settembre, “Giornata della Memoria”. Dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri

K metro 0 – Baku – “Oggi sono trascorsi due anni dalle misure di ritorsione delle Forze armate della Repubblica dell’Azerbaigian, nel 2020, per contrastare l’ennesima provocazione militare delle Forze armate della Repubblica di Armenia. Tali misure, che hanno segnato l’inizio della Guerra Patriottica di 44 giorni, sono state attuate nel quadro del diritto all’autodifesa

K metro 0 – Baku – “Oggi sono trascorsi due anni dalle misure di ritorsione delle Forze armate della Repubblica dell’Azerbaigian, nel 2020, per contrastare l’ennesima provocazione militare delle Forze armate della Repubblica di Armenia.

Tali misure, che hanno segnato l’inizio della Guerra Patriottica di 44 giorni, sono state attuate nel quadro del diritto all’autodifesa e nel pieno rispetto del diritto internazionale umanitario, al fine di fermare la ricorrente aggressione militare da parte dell’Armenia e di provvedere alla sicurezza della popolazione civile.

La guerra patriottica ha posto fine all’aggressione militare durata quasi 30 anni dell’Armenia contro le terre sovrane dell’Azerbaigian, ha assicurato l’integrità territoriale dell’Azerbaigian e ripristinato i diritti fondamentali di quasi un milione di azerbaigiani. L’Azerbaigian ha combattuto da solo per garantire l’attuazione delle pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 1993.

La Vittoria che abbiamo ottenuto grazie al coraggio dell’Esercito della Repubblica dell’Azerbaigian, sotto la guida del Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian, Comandante in Capo Supremo delle Forze Armate Ilham Aliyev, ha aperto una nuova era nella storia della Repubblica dell’Azerbaigian e ha stabilito la giustizia internazionale.

La fine dell’occupazione dei territori dell’Azerbaigian ha rivelato la portata delle massicce attività illegali da parte dell’Armenia su queste terre negli ultimi tre decenni. Sono state debitamente documentate e condivise con la comunità internazionale prove evidenti della diffusione di mine nelle terre dell’Azerbaigian, della deliberata distruzione e appropriazione indebita del patrimonio storico, culturale e religioso dell’Azerbaigian, del saccheggio delle risorse naturali, della distruzione delle infrastrutture e di altre violazioni del diritto internazionale. Al fine di ritenere l’Armenia responsabile per le sue violazioni dei suoi obblighi internazionali, nonché del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, l’Azerbaigian ha presentato ricorsi interstatali contro l’Armenia presso la Corte europea dei diritti dell’uomo e la Corte internazionale di giustizia . Il 7 dicembre 2021, la Corte internazionale di giustizia ha adottato all’unanimità misure provvisorie contro l’Armenia sulla base del ricorso presentato dall’Azerbaigian.

Sin dai primi giorni della liberazione, l’Azerbaigian ha avviato lavori di restauro e ricostruzione su larga scala, inclusa l’attuazione di progetti infrastrutturali chiave, volti a garantire il rimpatrio sicuro di quasi un milione di sfollati azerbaigiani nelle loro case e il risveglio della vita in queste terre. In conformità con la Dichiarazione Trilaterale del 10 novembre 2020, l’Azerbaigian sta adottando misure proattive per raggiungere una pace e una stabilità durature nella regione.

Al contrario, l’Armenia non rispetta gli obblighi che ha assunto, dimostrando una posizione di revanscismo, creando una seria minaccia alla sicurezza trattenendo i resti delle sue formazioni armate dalla regione e impiantando nuove mine nell’area. Inoltre, l’Armenia non avvia quasi nessun passo pratico per aprire le comunicazioni nella regione e continua le sue provocazioni militari, minando così gravemente gli sforzi di normalizzazione postbellica.

L’Azerbaigian agisce come iniziatore della normalizzazione delle relazioni con l’Armenia sulla base della stretta osservanza dei principi del diritto internazionale, in particolare la sovranità, l’integrità territoriale e l’inviolabilità dei confini internazionali. Chiediamo all’Armenia di osservare questi principi fondamentali per garantire pace, sicurezza e prosperità nella regione e rispettare i suoi obblighi internazionali. L’Armenia dovrebbe finalmente cessare di imitare i negoziati e adottare misure autentiche e costruttive. Non c’è altra alternativa per lo sviluppo pacifico della regione.

Il 27 settembre è celebrato come Giorno della Memoria nel nostro paese per ordine del Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian e oggi ricordiamo con profondo rispetto e custodiamo la memoria di tutti i nostri martiri che hanno dato la vita per l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale dell’Azerbaigian.”

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: