fbpx

Ue, la denuncia del BEUC: i diritti dei consumatori europei violati da Google?

Ue, la denuncia del BEUC: i diritti dei consumatori europei violati da Google?

K metro 0 – Bruxelles – Secondo l’Ufficio Europeo delle Unioni dei Consumatori (BEUC), con sede a Bruxelles, il gigante del web Google non rispetterebbe i diritti di milioni di cittadini europei. Esattamente, Google è accusato di mettere le mani sui dati personali degli utenti nella rete, nel proprio esclusivo interesse e non rispettando il

K metro 0 – Bruxelles – Secondo l’Ufficio Europeo delle Unioni dei Consumatori (BEUC), con sede a Bruxelles, il gigante del web Google non rispetterebbe i diritti di milioni di cittadini europei.

Esattamente, Google è accusato di mettere le mani sui dati personali degli utenti nella rete, nel proprio esclusivo interesse e non rispettando il Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati (GDPR).

Milioni di europei, continuamente, utilizzano diversi servizi del colosso del web: motore di ricerca di Googler YouTube, Android, Google Maps. Per accedere a determinati servizi, come Google Play Store o Gmail, naturalmente devi prima creare un account. Ed è qui, secondo il BEUC, che iniziano i problemi. Perché daremmo quindi, a Google, i nostri dati personali senza che ce ne rendiamo veramente conto, anche “senza saperlo di nostra spontanea volontà ”.

Innanzitutto, in una prima pagina in cui ti viene promesso” Tutto Google in un account “, devi creare un indirizzo email e una password. Devi quindi fornire alcuni dati personali (nome, età, sesso). Di seguito arriva il passaggio in cui dovrai fornire “i tuoi parametri di personalizzazione”. Il tempismo è importante. Perché, in realtà, è l’utente a decidere a quali dati avrà accesso Google e come li tratterà. Ma dove basta un solo passo per dare pieno accesso al proprio account personale, ce ne vogliono invece 5 per esprimere il proprio rifiuto. È questa procedura che viene denunciata dal BEUC. Sébastien Pant, addetto stampa dell’European Bureau of Consumers’ Unions precisa, citato da Rtbf: “Quando i consumatori creano un account con Google, vengono ingiustamente indirizzati al sistema di “sorveglianza” (attenzione: Google parla di “personalizzazione”), che il colosso tecnologico privilegia a spese della privacy; ovvero è molto più facile accettare ogni sorveglianza, in quanto, il tracciamento da parte di Google avviene attraverso tutti i vari prodotti e servizi che sono collegati all’account, i quali, è assai più rapido accettare, piuttosto che rifiutarli”.

“E quindi, al contrario, per cercare di proteggere la tua privacy, – prosegue Pant – devi passare attraverso cinque diverse fasi con opzioni, termini poco chiari che possono risultare addirittura fuorvianti. Ad esempio, Google utilizza termini che suggeriscono che l’utente perderebbe, se non ha accettato le impostazioni di Google che portano a monitorare l’utente stesso tramite il suo account.”

Durante la creazione del proprio account, Google garantisce che “tu controlli i dati raccolti e il loro utilizzo”. In altre parole, i tuoi interessi sono protetti. Mentre per il BEUC sarebbe tutto il contrario. “L’account stesso consente a Google di monitorare tutto ciò che facciamo attraverso i suoi vari prodotti e servizi, ovvero dove andiamo, cosa ci piace, cosa non ci piace; non con chi comunichiamo, tutto questo per indirizzarci meglio verso la pubblicità”, afferma ancora Sébastien Pant. Altro fatto interessante da evidenziare, è che secondo i dati del BEUC, i ricavi di Google nel 2021 hanno raggiunto i 256,7 miliardi di euro, l’80% dei quali proveniva dalla pubblicità.

“Google genera le sue entrate raccogliendo quantità impressionanti di dati sui suoi utenti per alimentare la sua macchina di sorveglianza commerciale”, sottolinea Sébastien Pant. Infatti, grazie a questi enormi dati, consente ad “altre aziende che vendono tutti i tipi di prodotti, che si tratti di aspirapolvere o di polizze assicurative, di indirizzare sempre meglio i loro prodotti ai consumatori”. Il grosso problema è che tutto questo sistema viene messo in atto a scapito della riservatezza e della nostra privacy.

Per difendere i diritti dei cittadini europei, il BEUC e una dozzina di organizzazioni nazionali dei consumatori hanno reagito lanciando un’azione comune il 30 giugno. Hanno presentato, infatti, reclami o inviato lettere alle rispettive autorità nazionali per la protezione dei dati, con l’obiettivo di svolgere rapidamente un’indagine a livello europeo e infliggere sanzioni a Google se le norme del GDPR non vengono rispettate. Già nel 2018 il BEUC aveva sporto denuncia contro Google per il suo sistema di geolocalizzazione. Ad oggi, le autorità per la protezione dei dati non si sono ancora pronunciate su questa prima azione. Il BEUC esamina le decisioni e gli sviluppi dell’UE che potrebbero riguardare i consumatori. È riconosciuto, infatti, come un rappresentante affidabile, grazie in particolare alle competenze collettive, alle conoscenze e alle competenze delle organizzazioni aderenti.

La Rtbf, ha interpellato Google dopo l’azione avviata dal BEUC. Nella sua risposta scritta, il colosso del web sostiene che al momento della creazione di un account, le opzioni offerte agli utenti “sono presentate in modo chiaro e di facile comprensione”, e che tali opzioni sono sviluppate “secondo le linee guida dei dati delle autorità di protezione”. Il colosso californiano afferma poi, di accogliere “con favore l’opportunità di confrontarsi con le associazioni per la tutela dei consumatori e le autorità europee per la protezione dei dati “.

Infine, uscendo dal nostro Continente, negli Stati Uniti, sempre in tema di Privacy degli utenti, Google ha fatto sapere che eliminerà i dati sulla localizzazione degli utenti che visitano cliniche per l’aborto. La decisione del colosso americano arriva, dopo la sentenza della Corte Suprema Usa che ha annullato il diritto federale all’interruzione volontaria di gravidanza.

Oltre a Google, a raccogliere i dati dei trackers c’è Meta, la capofila di Facebook, Instagram o Whattsapp, che ancora non si è espressa sulla questione. Il tracciamento online degli utenti è legale ed è una pratica diffusa nel commercio elettronico. Ma nel caso delle donne che cercano di abortire, cosa oramai illegale in almeno 7 Stati americani, il tracciamento e la condivisione di informazioni di identificazione personale potrebbero creare un consistente problema per la privacy.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: