fbpx

Turchia, evacuate 150 persone per un devastante incendio sulla costa del Mar Egeo

Turchia, evacuate 150 persone per un devastante incendio sulla costa del Mar Egeo

K metro 0 – Ankara – Oltre 2.500 vigili del fuoco, con l’aiuto di aerei ed elicotteri che lanciano acqua, sono stati impiegati per combattere le fiamme scoppiate martedì in due località della regione di Bordubet, vicino a Marmaris, sulla costa del Mar Egeo. Le fiamme si sono diffuse rapidamente, alimentate dai venti. Le autorità

K metro 0 – Ankara – Oltre 2.500 vigili del fuoco, con l’aiuto di aerei ed elicotteri che lanciano acqua, sono stati impiegati per combattere le fiamme scoppiate martedì in due località della regione di Bordubet, vicino a Marmaris, sulla costa del Mar Egeo. Le fiamme si sono diffuse rapidamente, alimentate dai venti. Le autorità hanno evacuato finora più di 150 persone dalla zona per precauzione, ha dichiarato il ministro delle Foreste turco Vahit Kirisci ai giornalisti nella tarda serata di mercoledì.

“Non possiamo ancora dire che sia tutto sotto controllo”, ha commentato. Un totale di 27 elicotteri per il lancio di acqua, 14 aerei e 2.600 persone sono state coinvolte negli sforzi per domare le fiamme. I procuratori stanno indagando sulle cause, compresa la possibilità di incendio doloso. Le prolungate condizioni di siccità in diversi paesi del Mediterraneo, l’ondata di calore che la scorsa settimana ha raggiunto la Germania settentrionale e gli alti costi del carburante per gli aerei necessari a combattere gli incendi selvaggi hanno aumentato le preoccupazioni in tutta Europa quest’estate. La scorsa estate, le fiamme alimentate da forti venti e temperature roventi hanno devastato le foreste delle regioni mediterranee ed egee della Turchia, tra cui Marmaris. Gli incendi, che hanno ucciso almeno otto persone e innumerevoli animali, sono stati descritti come i peggiori nella storia della Turchia.

È stato così necessario evacuare villaggi e località turistiche e alcune persone sono fuggite sulle spiagge per essere salvate via mare. Gli incendi hanno minacciato anche due centrali elettriche a carbone. Il governo di Erdogan è stato duramente criticato per l’inadeguatezza della risposta e della preparazione a combattere gli incendi su larga scala, compresa la mancanza di moderni aerei antincendio.

Gli incendi boschivi e selvaggi continuano a divampare nei paesi dell’emisfero settentrionale tra le preoccupanti notizie di temperature record in tutto il mondo. Le ondate di calore estremo dovute ai cambiamenti climatici sono considerate uno dei problemi più urgenti del mondo e aggravano gli incendi selvaggi come risultato inevitabile dell’aumento della frequenza e della gravità dei cambiamenti del clima globale. Dagli Stati Uniti all’Afghanistan, le fiamme continuano a scoppiare durante il mese di giugno, lasciando migliaia di acri di foresta carbonizzati. Nel frattempo, le istituzioni e le organizzazioni internazionali continuano ad avvertire i responsabili politici di intensificare gli sforzi per affrontare il cambiamento climatico globale. Germania, Spagna e Turchia sono i tre paesi europei più colpiti da incendi boschivi, mentre l’ondata di caldo continua a imperversare nel continente. I vigili del fuoco spagnoli hanno annunciato che la Catalogna è la regione più colpita del Paese. Le fiamme nella provincia di Zamora hanno bruciato più di 70.000 acri, diventando uno dei più grandi incendi forestali del paese da diversi decenni. Anche se in Germania sono bruciati solo 60 ettari di terreno, gli incendi si sono avvicinati a un’area a sud-ovest della capitale Berlino, mentre le temperature nel Paese hanno raggiunto i 36 gradi Celsius.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: