fbpx

Londra, trovato poliovirus in acque reflue nel Nord ed Est della città

Londra, trovato poliovirus in acque reflue nel Nord ed Est della città

K metro 0 – Londra – La Uk Heath Security Agency (Ukhsa), in collaborazione con la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (Mhra), ha trovato il poliovirus nei campioni di acque reflue raccolti dal London Beckton Sewage Treatment Works nel Nord e nell’Est della metropoli inglese, riferisce l’Adnkronos. Le indagine sono ancora in corso, ma

K metro 0 – Londra – La Uk Heath Security Agency (Ukhsa), in collaborazione con la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (Mhra), ha trovato il poliovirus nei campioni di acque reflue raccolti dal London Beckton Sewage Treatment Works nel Nord e nell’Est della metropoli inglese, riferisce l’Adnkronos.

Le indagine sono ancora in corso, ma diversi poliovirus sono stati trovati tra febbraio e marzo durante i campionamenti delle acque reflue. “Il virus ha continuato a evolversi ed è ora classificato come un poliovirus di tipo 2 (Vdpv2) derivato da un vaccino che in rare occasioni può causare malattie gravi, come la paralisi, in persone che non sono completamente vaccinate”, avverte l’Ukhsa.

L’ultimo caso di forma selvaggia della poliomielite nel Regno Unito risale al 1984 e il Paese è stato dichiarato ‘polio-free’ nel 2003. Secondo l’Ukhsa, però “è normale ogni anno che vengano rilevati da uno a 3 poliovirus ‘simili al vaccino’ nei campioni di acque reflue del Regno Unito. Questi ‘casi’ sono però collegati a persone vaccinate all’estero con il vaccino orale (Opv), le cui tracce finiscono poi attraverso le feci nelle fogne”.

Secondo gli esperti, è probabile “che ci sia stata una certa diffusione del virus nella zona Nord ed Est di Londra tra persone collegate e ora rileviamo il ceppo di poliovirus di tipo 2 attraverso le loro feci”. Infatti ad oggi a Londra non sono stati segnalati casi di polio con paralisi, ma “le indagini puntano a stabilire se si sta verificando una trasmissione nella comunità”, chiarisce ancora la Ukhsa.

Secondo Vanessa Saliba, epidemiologa dell’agenzia, “il poliovirus di derivazione vaccinale è raro e il rischio per le persone in generale è estremamente basso”. La maggior parte della popolazione del Regno Unito è protetta dal virus della polio perché vaccinata durante l’infanzia, “ma in alcune comunità con bassa copertura vaccinale alcune persone potrebbero essere a rischio”.

Intanto, “l’Oms Europa è a conoscenza del poliovirus derivato dal vaccino rilevato in campioni nelle acque reflue a Londra. Grazie alla vaccinazione il rischio per i cittadini rimane basso. L’Oms sta lavorando a stretto contatto con le autorità britanniche”, scrive in un tweet l’Oms Europa che rimanda al The Global Polio Laboratory Network (Gpln).

Condividi su:
Joseph Villeroy
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: