fbpx

Aliyev: il fabbisogno di risorse di idrocarburi dell’Azerbaigian è aumentato

Aliyev: il fabbisogno di risorse di idrocarburi dell’Azerbaigian è aumentato

K metro 0 – Baku ospita, dal 16 al 18 giugno, il lX Global Forum, il cui tema di quest’anno è “Sfide all’ordine mondiale globale“. Il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian Ilham Aliyev è intervenuto all’apertura dell’evento, a cui partecipano anche capi di Stato e di governo attuali e passati, importanti personalità pubbliche e politiche, esponenti

K metro 0 – Baku ospita, dal 16 al 18 giugno, il lX Global Forum, il cui tema di quest’anno è “Sfide all’ordine mondiale globale“. Il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian Ilham Aliyev è intervenuto all’apertura dell’evento, a cui partecipano anche capi di Stato e di governo attuali e passati, importanti personalità pubbliche e politiche, esponenti di spicco della comunità di esperti.

Il Global Baku Forum è divenuto una popolare piattaforma globale per discutere di questioni di attualità internazionale. Temi di quest’anno: sicurezza globale, energetica e alimentare, guerra in Ucraina, problemi di moderna assistenza sanitaria, pace, cooperazione e integrazione nel Caucaso meridionale, un’Europa che cambia, questioni di sicurezza nei Balcani, problemi del Medio Oriente e ricerca di modi per garantire la pace, la stabilità e lo sviluppo nel mondo arabo, problemi di globalizzazione e crescente disuguaglianza, diritti umani e democrazia, grandi sfide del 21° secolo,

Il Presidente Ilham Aliyev, intervenendo al Forum, ha innanzi tutto espresso la sua fiducia nei risultati dell’evento.

Il capo di Stato ha evidenziato che: “È chiaro che il mondo è cambiato dopo il nostro incontro qui l’anno scorso al Palazzo Gulustan. I cambiamenti sono fondamentali e hanno conseguenze imprevedibili. Ma è evidente che il mondo sarà diverso ed è già diverso.

“Sono fiducioso che uno dei principali temi all’ordine del giorno sarà il ruolo dei principali organismi internazionali, delle principali istituzioni finanziarie nella lotta alla crisi alimentare. Perché è inevitabile ed è già alle porte. Le organizzazioni internazionali e i paesi leader devono anche affrontare il potenziale aumento della migrazione che risulterà dalla crisi alimentare. A questo si può aggiungere anche la situazione imprevedibile dei mercati energetici, che causa disuguaglianza tra produttori e consumatori. Questa situazione è rischiosa anche per i produttori stessi. Se qualcuno pensa che i paesi produttori di petrolio e gas siano realmente contenti di questi prezzi elevati, è un malinteso. Equilibrio tra produttori e consumatori, un mercato stabile: i produttori ne hanno bisogno. A questo puntano gli sforzi dell’OPEC+, a cui partecipa anche l’Azerbaigian”, ha affermato il Presidente Ilham Aliyev.

La domanda di risorse energetiche dell’Azerbaigian è in crescita. Nel febbraio di quest’anno abbiamo tenuto una riunione del Consiglio consultivo del corridoio del gas meridionale e abbiamo cercato di pianificare le misure future. Tuttavia, la situazione in Europa è cambiata radicalmente. Pertanto, il fabbisogno di risorse di idrocarburi dell’Azerbaigian è aumentato. Negli ultimi mesi abbiamo ricevuto richieste di forniture di gas da diversi paesi europei. Dobbiamo cercare di soddisfare le loro esigenze. Ovviamente il problema non è così facile da risolvere. Dobbiamo aumentare la produzione di gas. Attualmente stiamo collaborando con la Commissione europea su questo tema”, ha dichiarato il Capo di Stato.

Il Presidente ha poi affrontato il tema della situazione post conflitto con l’Armenia. Sull’approccio postbellico dell’Azerbaigian, il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che “La guerra era inevitabile e ha portato al ripristino della giustizia, del diritto internazionale e della dignità nazionale del popolo azerbaigiano. La risoluzione del conflitto del Karabakh ha creato nuove opportunità per la pace e stabilità nella regione. È un caso unico al mondo che dopo un lungo conflitto, uno stato abbia espulso un occupante dalle sue terre e ristabilito la giustizia. Perché vogliamo la pace? Perché vogliamo creare una regione stabile, sostenibile e sviluppata”.

“Per quanto riguarda il processo di normalizzazione delle relazioni con l’Armenia, il Presidente Ilham Aliyev ha detto che la proposta dell’Azerbaigian era di iniziare a lavorare su un accordo di pace, e ciò è stato offerto. “L’Armenia non ha risposto, quindi abbiamo fatto un altro passo e proposto cinque principi fondamentali del diritto internazionale, compreso il rispetto reciproco e il riconoscimento dell’integrità territoriale di entrambi i paesi, nonché l’astensione reciproca da qualsiasi rivendicazione territoriale, sia ora che in futuro. Siamo molto contenti di vedere che il governo armeno ha adottato questi cinque principi. Questa è una dinamica positiva, ma ora dobbiamo metterla in pratica. Perché sappiamo dalle discussioni nella storia dell’occupazione che a volte anche le parole espresse dalla dirigenza armena ai massimi livelli non significavano molto. Dobbiamo agire. L’Azerbaigian ha già istituito una commissione per un accordo di pace e ci aspettiamo che l’Armenia faccia lo stesso passo. Se ciò sarà fatto, inizieranno le trattative”, ha affermato il Capo di Stato.

Ci aspettiamo che l’Armenia rispetti la dichiarazione trilaterale firmata il 10 novembre 2020 sull’apertura delle comunicazioni con la Repubblica autonoma di Nakhchivan per l’Azerbaigian. Purtroppo è passato un anno e mezzo da quando l’Armenia ha firmato l’atto di capitolazione, ma finora non c’è stato alcun movimento. Questo è inaccettabile. In primo luogo, si tratta di una violazione delle disposizioni della dichiarazione tripartita dell’Armenia. Crea anche uno squilibrio nella regione, perché secondo la stessa dichiarazione, l’Azerbaigian ha intrapreso un accesso senza ostacoli dall’Armenia alla regione del Karabakh dell’Azerbaigian, dove vive la popolazione armena. L’Armenia utilizza il corridoio di Lachin per questo collegamento senza ostacoli da un anno e mezzo. Tuttavia, gli azerbaigiani non possono utilizzare il corridoio di Zangazur, la strada attraverso l’Armenia che ci collegherà con Nakhchivan. Questo non è giusto e non saremo d’accordo con ciò. Pertanto, penso che il deliberato ritardo dell’Armenia nel concederci questo passaggio sia improduttivo. Mi ricorda il periodo di negoziati in cui la parte armena cercava costantemente di guadagnare tempo con ritardi. Qual è stato il risultato? La totale sconfitta sul campo di battaglia e nell’arena politica. Il risultato è stato che le fondamenta ideologiche armene sono state completamente distrutte”, ha sottolineato il Capo dello Stato.

Il Presidente Ilham Aliyev ha evidenziato anche che non esiste un’unità amministrativa denominata “Nagorno-Karabakh” in Azerbaigian e qualsiasi riferimento da parte armena a questo problema porterà a un nuovo confronto: “Abbiamo iniziato a sentire parlare da parte dell’Armenia dello status del “Nagorno–Karabakh”. Questo è completamente improduttivo e pericoloso per la stessa Armenia. Perché il “Nagorno-Karabakh” non esiste. La Regione Autonoma del Nagorno-Karabakh è stata abolita con decisione del parlamento azerbaigiano alla fine del 1991 e non esiste una tale struttura amministrativa nel nostro territorio. Pertanto, qualsiasi riferimento allo status porterà solo a nuovi conflitti. Il governo armeno deve capirlo e smettere di cercare di riscrivere la storia. La storia è già qui, ed è stata una specie di accordo verbale per cui nessuno parlerà di status. Sfortunatamente, questo accade e può portare a conseguenze molto gravi. Se l’Armenia continua a mettere in discussione l’integrità territoriale dell’Azerbaigian, l’Azerbaigian non avrà altra scelta e metterà in discussione l’integrità territoriale dell’Armenia. Da un punto di vista storico, abbiamo un diritto maggiore a farlo. Perché la storia del secolo scorso mostra chiaramente che nel novembre 1920, sei mesi dopo la sovietizzazione dell’Azerbaigian, il governo sovietico fece a pezzi Zangazur, una parte storica dell’Azerbaigian, e la consegnò all’Armenia. Pertanto, se l’Armenia richiede lo status per gli armeni nel Karabakh, perché l’Azerbaigian non dovrebbe richiedere lo status per gli azerbaigiani allo Zangazur occidentale? Perché gli azerbaigiani si erano completamente stabiliti lì. Pertanto, può portare a un dilemma. Penso che il governo armeno non dovrebbe dimenticare le lezioni della seconda guerra del Karabakh, studiare bene queste lezioni e astenersi da qualsiasi pretesa territoriale contro l’Azerbaigian “.

Il Presidente Ilham Aliyev ha affermato che la dichiarazione di Bruxelles mostra chiaramente che saranno presi in considerazione i diritti e la sicurezza degli armeni che vivono nel Karabakh. “Penso che la dichiarazione fatta dal Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel e il risultato di un incontro trilaterale tra il presidente Michel, il sottoscritto e il primo ministro Pashinyan a Bruxelles affermi chiaramente che i diritti e la sicurezza del popolo armeno in Karabakh saranno presi in considerazione. Lo supportiamo pienamente. I diritti e la sicurezza dell’intero popolo azerbaigiano sono garantiti dalla nostra costituzione. L’Azerbaigian è un paese multietnico e la popolazione armena non è la più grande minoranza etnica in Azerbaigian. Pertanto, la nostra costituzione ha garantito per molti anni uguali diritti a tutte le nazioni, compresi gli armeni che vivono in Azerbaigian. Ovviamente, ci occuperemo della legge e della sicurezza”, ha affermato il Presidente Ilham Aliyev.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: