fbpx

In Giappone l’aborto è legale, ma serve il consenso dei mariti

In Giappone l’aborto è legale, ma serve il consenso dei mariti

K metro 0 – Tokyo – Il Giappone è uno degli 11 Paesi – e l’unico del gruppo dei sette delle maggiori economie del mondo – che obbliga le donne a ottenere il consenso del coniuge per abortire, con rare eccezioni, secondo il Center for Reproductive Rights, un’organizzazione internazionale. In pratica, secondo i sostenitori, il

K metro 0 – Tokyo – Il Giappone è uno degli 11 Paesi – e l’unico del gruppo dei sette delle maggiori economie del mondo – che obbliga le donne a ottenere il consenso del coniuge per abortire, con rare eccezioni, secondo il Center for Reproductive Rights, un’organizzazione internazionale. In pratica, secondo i sostenitori, il requisito si applica spesso anche alle donne non sposate e ha portato a rari e tragici casi di donne che abbandonano i loro bambini in luoghi pubblici per farli morire, fenomeno che l’ospedale Jikei intende affrontare. Lo riferisce oggi il Washington Post.

L’aborto è dunque legale, ma solo attraverso costosi interventi chirurgici, l’uso dei contraccettivi è basso; le pillole del giorno dopo sono costose e disponibili solo su prescrizione medica. Il Giappone sta però valutando se rendere disponibili le pillole abortive. L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce il loro uso un modo sicuro e non invasivo per interrompere una gravidanza. Ma un paese dominato dagli uomini, che si colloca costantemente ai primi posti tra le economie sviluppate per quanto riguarda l’emancipazione e l’avanzamento delle donne, ha tuttavia tardato a fornire opzioni riproduttive alle donne. Ad esempio, ha adottato la pillola anticoncezionale solo nel 1999, diventando l’ultima nazione industrializzata a farlo dopo 44 anni di dibattiti. Nello stesso anno, il Ministero della Salute e del benessere ha approvato il Viagra in sei mesi.

“Il Giappone è nel Medioevo o qualcosa del genere? L’aborto costa molto denaro e l’accesso agli ospedali è molto difficile. Ecco perché non c’è fine al numero di casi, anno dopo anno, di persone che fanno nascere i bambini nei bagni e poi li abbandonano o li uccidono”, ha detto Mizuho Fukushima, una donna politica della minoranza socialdemocratica, durante una riunione della commissione il mese scorso. “In che razza di Paese viviamo?”.

Solo nell’anno fiscale 2018, ci sono stati 28 casi di infanticidio di bambini sotto l’anno di età. Sette di loro sono stati uccisi il giorno stesso della nascita, secondo il Ministero della Salute. Finora quest’anno, ci sono stati almeno sei casi noti di donne che hanno abbandonato i neonati in luoghi pubblici. La mancanza di opzioni può avere gravi conseguenze per donne come Yuriko, 26 anni, che ha visto le sue speranze per il futuro infrangersi a causa di un figlio non pianificato. Aveva programmato di laurearsi e non era pronta a crescere un bambino. Ma quando si è recata all’ospedale di Hokkaido, nel nord del Giappone, dove vive, le è stato detto che avrebbe dovuto aspettare due settimane per l’intervento perché il feto era troppo piccolo. Nel frattempo, le è stato detto di ottenere il consenso del padre del bambino, anche se non erano sposati. “Mi sentivo molto nervosa per quello che poteva andare storto, preoccupata che il padre non si presentasse nemmeno al mio arrivo” ha raccontato la donna. Prendendo la pillola, Yuriko era già nella minoranza delle donne giapponesi che avevano scelto la contraccezione orale.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: