fbpx

Europa, torna il dibattito sulla “settimana” lavorativa corta

Europa, torna il dibattito sulla “settimana” lavorativa corta

K metro 0 – Reykjavík – In Spagna torna il dibattito sulla riduzione della settimana lavorativa a quattro giorni. Se i progetti pilota a livello nazionale e nella Comunità Valenciana per sovvenzionare le aziende che optano per questa giornata lavorativa senza riduzione di stipendio andranno in porto, la Spagna diventerà una delle poche nazioni al

Condividi su:

K metro 0 – Reykjavík – In Spagna torna il dibattito sulla riduzione della settimana lavorativa a quattro giorni. Se i progetti pilota a livello nazionale e nella Comunità Valenciana per sovvenzionare le aziende che optano per questa giornata lavorativa senza riduzione di stipendio andranno in porto, la Spagna diventerà una delle poche nazioni al mondo in cui questa misura è approvata con il sostegno pubblico.

Finora l’Islanda è stata pioniera nell’attuazione della riduzione dell’orario di lavoro nella pubblica amministrazione. Nel Regno Unito, il più grande progetto pilota del pianeta, che coinvolge circa 3.300 lavoratori in 70 aziende, inizierà il 6 giugno. Il Portogallo ha invece approvato un progetto pilota simile a quello spagnolo alla fine di maggio, mentre il Belgio ha scelto di dare ai lavoratori la possibilità di concentrare la settimana lavorativa di 40 ore in soli quattro giorni. In Islanda, dunque, l’86% dei lavoratori opta per un orario di lavoro più breve. Il piccolo paese nordico ha lanciato tra il 2015 e il 2019 due progetti pilota, uno nel consiglio comunale di Reykjavík e l’altro nel governo nazionale, per ridurre la settimana lavorativa di 40 ore a 35 o 36. Il risultato è stato un “successo travolgente”, secondo uno studio del think tank britannico Autonomy e dell’Associazione per la sostenibilità e la democrazia in Islanda (ALDA).

È migliorata difatti la salute mentale, l’equilibrio tra lavoro e vita privata e gli stessi rapporti sul posto di lavoro. La produttività non è affatto calata, è rimasta invariata o addirittura migliorata in alcuni settori e, soprattutto, è aumentato il tempo libero da riservare alla propria famiglia. Nel complesso, l’orario di lavoro è stato ridotto ogni giorno, ma è stata mantenuta la giornata lavorativa di cinque giorni.

L’esempio islandese ha ispirato i promotori di una campagna globale di quattro giorni che ha lanciato esperimenti simili nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada, Australia, Nuova Zelanda e Israele. Il progetto britannico è il più ambizioso e coinvolge aziende di “tutti i settori dell’economia”, secondo il presidente della campagna Joe Ryle. Si va dalle società di consulenza alle telecomunicazioni, fino alla Royal Society of Biology. “Ci auguriamo che sia un grande successo e che dimostri che questa giornata è vantaggiosa sia per i dipendenti sia per le aziende. I vantaggi sono particolarmente evidenti in questo momento, con l’impennata dei prezzi dell’energia e dei carburanti in tutta Europa. “Si riducono i costi di trasporto per andare al lavoro e la benzina, e anche in ufficio, dove si consuma meno energia, soprattutto nei settori ad alta intensità energetica”, aggiunge Ryle.

Il progetto britannico durerà sei mesi, tra giugno e dicembre di quest’anno, mentre altri progetti “gemelli” sono già stati avviati. In Irlanda e Scozia sono stati avviati a gennaio, mentre negli Stati Uniti e in Canada lo scorso aprile con 38 aziende, tra cui la piattaforma di crowdfunding Kickstarter e altre del settore tecnologico. L’Australia e la Nuova Zelanda inizieranno ad agosto. Tutti seguono il modello 100:80:100, che prevede di mantenere il 100% dello stipendio lavorando l’80% del tempo, in cambio di una produttività del 100%. In Francia la giornata lavorativa standard è già di 35 ore, mentre sia il Belgio sia la Grecia consentono quattro giorni se si recuperano più ore nel resto della settimana. Gli attivisti globali rifiutano questa soluzione e sono favorevoli a una riduzione dell’orario di lavoro mantenendo la retribuzione.

La grande differenza tra queste iniziative e il progetto pilota in Islanda o quello in preparazione in Spagna è che nel caso anglosassone sono le aziende stesse a finanziarlo, mentre il piano in preparazione qui dal governo, basato su una proposta del partito politico Más País, comporterebbe la distribuzione di sussidi alle aziende che implementano la nuova giornata lavorativa. Ryle spera che se il progetto pilota avrà successo, il governo di Johnson “prenderà sul serio la questione” e la promuoverà a livello statale.

Ryle sostiene che esiste un forte sostegno sociale a questa misura, con più di due terzi della popolazione britannica a favore di un orario di lavoro più breve. La pandemia è stata un “catalizzatore per ripensare il nostro modo di lavorare”, aggiunge il direttore della campagna britannica. “Ora i lavoratori sono alla ricerca disperata di un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. Ci ha anche insegnato che è possibile cambiare le cose da un giorno all’altro, come è successo con il telelavoro”.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Marzo, mese della Donna! su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: