fbpx

Wall Street, titoli in discesa per i timori di risalita dei tassi di interesse

Wall Street, titoli in discesa per i timori di risalita dei tassi di interesse

K metro 0 – New York – Un rapido balzo dei rendimenti del Tesoro ha scosso la Borsa mercoledì, pesando sugli indici azionari all’inizio di un altro mese di un anno a dir poco turbolento. L’S&P 500 è sceso difatti dello 0,3% nelle contrattazioni pomeridiane, dopo aver oscillato tra un guadagno dello 0,8% e una

K metro 0 – New York – Un rapido balzo dei rendimenti del Tesoro ha scosso la Borsa mercoledì, pesando sugli indici azionari all’inizio di un altro mese di un anno a dir poco turbolento.

L’S&P 500 è sceso difatti dello 0,3% nelle contrattazioni pomeridiane, dopo aver oscillato tra un guadagno dello 0,8% e una perdita dell’1,4% nel corso di scambi molto incerti. Le azioni hanno iniziato a scivolare subito dopo la pubblicazione di diversi rapporti sull’economia statunitense, tra cui uno che mostrava che il mese scorso la crescita del settore manifatturiero era più forte del previsto. Ciò ha rafforzato le aspettative degli investitori che la Federal Reserve Bank continui ad aumentare i tassi di interesse in modo aggressivo per rallentare l’economia nella speranza di contenere l’inflazione.

Il Dow Jones Industrial Average è così sceso di 112 punti, o dello 0,3%, a 32.881, alle 14:55 ora orientale, dopo aver perso un guadagno iniziale di 282 punti. Il Nasdaq composite era in calo dello 0,2% dopo aver ceduto un guadagno iniziale dell’1,3%. Tali oscillazioni sono diventate una routine a Wall Street, tra le preoccupazioni che un rialzo troppo aggressivo dei tassi da parte della Fed possa costringere l’economia a una recessione. Anche se riuscisse a non soffocarla, l’aumento dei tassi eserciterebbe comunque una pressione al ribasso su titoli e altri investimenti.

La Fed ha segnalato che potrebbe continuare ad aumentare il tasso di interesse di riferimento a breve termine del doppio rispetto al solito nelle prossime riunioni. La settimana scorsa si è creata la speculazione che la Fed potesse prendere in considerazione una pausa nella riunione di settembre, il che ha favorito il rialzo delle azioni. Ma queste speranze sono diminuite dopo il rapporto dell’Institute for Supply Management sulla produzione manifatturiera di mercoledì. Il rapporto ha mostrato che la crescita del settore manifatturiero statunitense è accelerata il mese scorso, al contrario di quanto si aspettavano gli economisti. Un rapporto separato ha dichiarato che il numero di posti di lavoro disponibili in tutta l’economia è sceso leggermente ad aprile, ma rimane molto più alto, a 11,4 milioni, del numero di disoccupati.

A seguito di queste notizie, gli operatori scommettono ora su una probabilità del 60% che la Fed aumenti il tasso di riferimento a breve termine a un intervallo compreso tra il 2,25% e il 2,50% nella riunione di settembre.

Mercoledì 1° giugno inizia anche il programma della Fed di ridurre alcuni dei trilioni di dollari di Treasury e altre obbligazioni che ha accumulato durante la pandemia. Questa mossa dovrebbe esercitare una pressione al rialzo sui tassi a lungo termine. Le compagnie aeree e i titoli di altre società legate al settore dei viaggi sono stati tra i maggiori perdenti di mercoledì a Wall Street, a causa delle preoccupazioni che l’inflazione riduca i loro guadagni. Il titolo Delta è sceso del 4,8% anche se la compagnia ha dichiarato che l’andamento dei ricavi si sta rafforzando. Con tariffe più alte, potrebbe in effetti riportare i ricavi ai livelli del 2019. Norwegian Cruise Line è scesa invece del 4,2% e United Airlines del 4,3%.

Vincenti i titoli energetici, aumentati con il prezzo del greggio: ConocoPhillips ha guadagnato il 3,4% e la Exxon Mobil l’1,9%, mentre il barile di greggio statunitense di riferimento è salito dello 0,5% a 115,26 dollari. Il Brent, lo standard internazionale, è salito dello 0,6% a 116,29 dollari. Il maggior guadagno nell’S&P 500 è stato ottenuto da Salesforce.com, che ha riportato un utile per l’ultimo trimestre superiore alle aspettative degli analisti e ha alzato le previsioni per l’anno in corso. Il titolo è salito così del 10,9%.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: