fbpx

Moldavia, alta tensione dopo il fermo dell’ex presidente filorusso Dodon

Moldavia, alta tensione dopo il fermo dell’ex presidente filorusso Dodon

K metro 0 – Chişinău – L’ex presidente moldavo Igor Dodon è stato arrestato ieri nell’ambito di un’indagine giudiziaria per sospetto tradimento, corruzione, arricchimento illecito e finanziamento illegale del partito, secondo quanto dichiarato dai pubblici ministeri. Le foto hanno mostrato i membri del Servizio di informazione e sicurezza della Moldavia che scortavano l’ex presidente verso

K metro 0 – Chişinău – L’ex presidente moldavo Igor Dodon è stato arrestato ieri nell’ambito di un’indagine giudiziaria per sospetto tradimento, corruzione, arricchimento illecito e finanziamento illegale del partito, secondo quanto dichiarato dai pubblici ministeri. Le foto hanno mostrato i membri del Servizio di informazione e sicurezza della Moldavia che scortavano l’ex presidente verso un furgone dopo che era stato arrestato nella sua casa nella capitale, Chisinau. Dodon è a capo del principale blocco di opposizione filo-russo del paese dell’Europa orientale.

Il procuratore capo anticorruzione Elena Cazacov ha dichiarato in una conferenza stampa che lui e una seconda persona sono stati tenuti in custodia per 72 ore dopo che le autorità hanno ritenuto che altrimenti ci fosse il “rischio di distruzione delle prove”. I media moldavi hanno dunque riferito della detenzione di Dodon, ma le autorità non l’hanno confermata ufficialmente.

Cazacov ha dichiarato che l’indagine si è concentrata su presunti atti di “arricchimento illecito, corruzione passiva, finanziamento illegale dei partiti e (tradimento), che hanno avuto luogo dal 2014”. Non ha fornito altri dettagli. “I soggetti dell’indagine sono principalmente uno degli ex Presidenti della Repubblica di Moldova e le persone a lui vicine, ma anche altre persone che hanno un legame con la commissione dei presunti atti”, ha così dichiarato.

Durante la perquisizione della polizia, numerosi sostenitori dell’ex premier e altri manifestanti si sono riuniti in strada. Decine si sono riuniti anche fuori dal Parlamento moldavo, nella capitale Chişinău, chiedendo le dimissioni del governo. Il partito dell’ex presidente controlla 22 dei 101 seggi del parlamento ed è la principale forza di opposizione, in coalizione con il partito comunista moldavo. Cazacov ha dichiarato che sono state perquisite dieci sedi e sequestrate somme di denaro in lei moldavi e in valuta estera.

“Durante le perquisizioni, una delle persone ha cercato di distruggere, ingoiandoli, i documenti, che confermavano transazioni immobiliari per un valore di circa 700.000 euro”, ha aggiunto.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha dichiarato che Mosca è “in allarme” per la “persecuzione” di Dodon, ma ha commentato che si tratta di un affare interno della Moldavia. “Siamo ovviamente turbati dal fatto che ancora una volta una simile pratica e persecuzione venga usata contro coloro che sono sostenitori dello sviluppo di relazioni amichevoli e reciprocamente vantaggiose con la Federazione Russa”, ha detto Peskov ai giornalisti durante una teleconferenza.

La Moldavia, uno dei Paesi più poveri d’Europa, è una repubblica ex sovietica che ha ottenuto l’indipendenza nel 1991. La Russia mantiene truppe – nominalmente di pace – nella regione separatista moldava della Transnistria, uno Stato separatista conteso e sostenuto dalla Russia che confina con l’Ucraina sud-occidentale.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: