fbpx

Disoccupazione ai minimi storici nell’Ue, ma cresce l’incertezza

Disoccupazione ai minimi storici nell’Ue, ma cresce l’incertezza

K metro 0 – Berlino – Nonostante la pandemia e la guerra in Ucraina, il mercato del lavoro europeo è più robusto che mai. Il tasso di disoccupazione nella zona euro è così precipitato al 6,8%, non solo nel mercato del lavoro tedesco, ma in tutta Europa. Secondo l’Agenzia federale del lavoro, il numero di

K metro 0 – Berlino – Nonostante la pandemia e la guerra in Ucraina, il mercato del lavoro europeo è più robusto che mai. Il tasso di disoccupazione nella zona euro è così precipitato al 6,8%, non solo nel mercato del lavoro tedesco, ma in tutta Europa. Secondo l’Agenzia federale del lavoro, il numero di disoccupati in Germania è sceso di 462.000 disoccupati rispetto a un anno fa.

Tuttavia non mancano le incertezze che potrebbero mettere in pericolo la ripresa dinamica del mercato del lavoro tedesco ed europeo. L’economia europea è difatti gravemente colpita in particolare dai continui problemi della catena di approvvigionamento. Inoltre, è del tutto incerto cosa succederà in Cina con la politica del lockdown ad oltranza. Ampie parti della metropoli finanziaria di Shanghai e quindi anche il porto più importante del mondo per le navi container sono state sigillate. Inoltre, si prevede che i prezzi dell’energia aumentino ulteriormente sulla scia della guerra in Ucraina.

Una possibile interruzione della fornitura di gas russo è, soprattutto, la più probabile causa di notevoli difficoltà per il mercato del lavoro tedesco nel prossimo futuro. Se importanti impianti dell’industria chimica si fermano, non possono essere riavviati così rapidamente. Il risultato potrebbe essere una reazione a catena. E poi gli effetti sarebbero così massicci che questa volta non potrebbero essere assorbiti dal solo lavoro a orario ridotto.

Troppe incertezze dunque segnalano che la tendenza positiva dei dati sulla disoccupazione rischia di rallentare. Sempre più spesso, poi, la mancanza di lavoratori qualificati sta diventando un problema per l’economia tedesca. L’esperto di mercato del lavoro dell’Unione al Bundestag, Marc Biadacz dichiara: “Il problema del mercato del lavoro tedesco non è la disoccupazione, ma la mancanza di lavoratori. I tagli come risultato della guerra in Ucraina e la questione delle strozzature dell’offerta saranno probabilmente le nuove e vecchie sfide per il mercato del lavoro”.

Nel frattempo, l’organizzazione Reporter senza frontiere declassa la Germania al 16° posto nella “classifica della libertà di stampa”. Tra le altre cose, la violenza contro i giornalisti è aumentata, ha detto Reporter senza frontiere. La Repubblica Federale si trova ora tre posti più in basso, dietro a paesi come la Lituania, la Giamaica e le Seychelles.

La classifica, pubblicata dall’organizzazione dei giornalisti in occasione della Giornata internazionale della libertà di stampa, mostra come i conflitti violenti e la repressione statale ostacolano il lavoro della stampa. Sono stati difatti esaminati un totale di 180 paesi, e RSF ha spiegato la scivolata della Germania con diversi fattori negativi. “Tre ragioni sono centrali in questo sviluppo: la legislazione che mette in pericolo i giornalisti e le loro fonti, la diminuzione della diversità dei media e, soprattutto, la violenza durante le manifestazioni. Con 80 casi verificati, il numero di attacchi violenti è stato così più alto che mai dall’inizio della documentazione nel 2013. L’anno precedente aveva già visto un record negativo di 65 casi, ha aggiunto l’organizzazione. Fanalino di coda Turkmenistan (177), Eritrea (179) e Corea del Nord (180). Tutti e tre i regimi totalitari hanno in comune il fatto che i rispettivi governi detengono il controllo completo su tutti i flussi di informazione; non sembra esserci spazio per un miglioramento della libertà di stampa sotto gli attuali regimi. In cima alla classifica svettano Norvegia (1), Danimarca (2) e Svezia (3).

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: