fbpx

L’Ue approva il DSA, una nuova legislazione su Internet

L’Ue approva il DSA, una nuova legislazione su Internet

K metro 0 – Bruxelles – L’Unione europea ha approvato una nuova legislazione che farà pressione sui grandi giganti della tecnologia come Meta, Google e Twitter per eliminare i contenuti illegali sulle loro piattaforme o rischiare di pagare miliardi di multe. Dopo circa 16 ore di negoziati, l’Ue ha raggiunto difatti un accordo all’inizio di

K metro 0 – Bruxelles – L’Unione europea ha approvato una nuova legislazione che farà pressione sui grandi giganti della tecnologia come Meta, Google e Twitter per eliminare i contenuti illegali sulle loro piattaforme o rischiare di pagare miliardi di multe. Dopo circa 16 ore di negoziati, l’Ue ha raggiunto difatti un accordo all’inizio di sabato a Bruxelles sul Digital Services Act, legge storica che richiede alle aziende di controllare i loro contenuti e di eliminare rapidamente tutto ciò che è ritenuto dannoso o illegale. Non solo. Ieri, 28 aprile, la nuova dichiarazione sul futuro di internet è stata firmata da Ue, Usa e altri importanti paesi del mondo per riconoscere nel mondo online gli stessi diritti umani e principi democratici seguiti nel mondo offline. Lanciata in un evento ibrido a Washington DC, la dichiarazione immagina pertanto un futuro della Rete che sia “libero, aperto, globale, interoperabile, affidabile e sicuro”.

Tutti gli stati membri dell’Ue, inclusa l’Irlanda, sono stati raggiunti dagli Stati Uniti e da altri 32 paesi nel firmare la dichiarazione, e ci si aspetta che altri seguano l’esempio. Alcuni degli altri grandi firmatari includono il Regno Unito, il Canada, l’Australia, Israele, il Giappone, Taiwan e l’Ucraina. La Russia e la Cina non sono tuttavia sulla lista.

La Commissione europea ha detto nel suo annuncio che l’attuale situazione in Ucraina “dimostra drammaticamente il rischio di gravi interruzioni di internet” sotto forma di blocchi totali o parziali, esacerbati dalle minacce della Russia di disconnettersi dalla rete globale. Ha anche notato altri problemi con l’uso improprio di internet, come l’aumento globale dei cyberattacchi, la censura online e la diffusione della disinformazione. Nonostante queste preoccupazioni, il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen ha detto che internet ha “unito l’umanità, come mai prima nella storia”. “Paesi di tutto il mondo che la pensano come noi stanno definendo una visione condivisa per il futuro di internet, per assicurarsi che i valori che riteniamo veri offline siano protetti anche online”, ha detto al lancio. “Perché il futuro di internet è anche il futuro della democrazia, dell’umanità”.

All’evento di lancio organizzato dal Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca si sono uniti virtualmente anche il capo della concorrenza dell’Ue Margrethe Vestager e quello del mercato interno Thierry Breton. Hanno approvato la dichiarazione, che non è legalmente vincolante, e hanno offerto una prospettiva europea. “Online, così come offline, le persone dovrebbero essere libere, sicure e autorizzate a perseguire le loro aspirazioni”, ha affermato Breton. “Questo è nel Dna dell’Europa, e siamo impegnati a lavorare con i nostri partner internazionali per promuovere un internet aperto, neutrale, interoperabile e sicuro”.

Vestager, uno degli attori chiave dietro il Digital Services Act (DSA) dell’Ue concordato la scorsa settimana, ha detto che l’approccio dell’Europa a internet è di prendere il potere dalle mani delle aziende e degli stati e metterlo nelle mani della gente per un bene maggiore. “La nostra visione è un internet globale e aperto dove le persone possono esprimersi liberamente e le aziende hanno la possibilità di competere e innovare”, ha detto.

Il DSA, il cui principio fondamentale è che ciò che è illegale offline sarà illegale online, stabilisce nuove regole per i servizi digitali e chiede alle aziende tecnologiche di prendere il controllo della moderazione dei contenuti. “Le nostre nuove regole proteggeranno gli utenti online, garantiranno la libertà di espressione e le opportunità per le imprese”, ha twittato il presidente dell’Ue Ursula von der Leyen. “Ciò che è illegale offline sarà effettivamente illegale online nell’Ue. Un segnale forte per le persone, le imprese e i paesi di tutto il mondo”.

L’Ue ha dichiarato che la legislazione è la prima al mondo a mirare alla regolamentazione digitale. Le piattaforme con più di 45 milioni di utenti attivi mensili nell’Ue sono soggette alla legge. Una parte critica della legge limiterebbe dunque il modo in cui i grandi giganti tecnologici bersagliano gli utenti con annunci online. La DSA impedirebbe effettivamente alle piattaforme di puntare gli utenti con algoritmi che utilizzano dati basati sul loro sesso, razza o religione. Inoltre, il targeting dei bambini con gli annunci sarà vietato. La nuova legge dell’Ue avrà un impatto sulle popolari piattaforme di contenuti generati dagli utenti, compresi i siti di proprietà di Meta, Facebook e Instagram, così come Twitter, TikTok e YouTube.

Spirano dunque venti di cambiamento planetario sulla Rete. Si passa pertanto dalla rimozione dei contenuti illegali senza limitare la libertà di espressione, fino alla neutralità stessa di internet, e all’accessibilità economica.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: