fbpx

La guerra in Ucraina minaccia l’equilibrio geopolitico nell’Artico

La guerra in Ucraina minaccia l’equilibrio geopolitico nell’Artico

K metro 0 – Artico – Giaccio bollente. Non è soltanto un ossimoro (due termini in stridente antitesi). La questione dell’Artico sta diventando realmente “scottante”. Il “quinto Oceano in cima al mondo”, al Polo Nord, è ormai teatro di sempre più forti tensioni fra la Russia e Stati Uniti e i membri europei della NATO,

K metro 0 – Artico – Giaccio bollente. Non è soltanto un ossimoro (due termini in stridente antitesi). La questione dell’Artico sta diventando realmente “scottante”.

Il “quinto Oceano in cima al mondo”, al Polo Nord, è ormai teatro di sempre più forti tensioni fra la Russia e Stati Uniti e i membri europei della NATO, che recentemente hanno partecipato a un’esercitazione militare a guida norvegese. Manovre congiunte, dal 14 marzo al 1° aprile, con la mobilitazione di 30.000 soldati, 200 aerei e 50 navi provenienti da 27 Stati. L’operazione Cold Response (Risposta Fredda) che ricorda Cold War… non è stata vista di buon occhio da Nikolai Korchunov, alto diplomatico del forum intergovernativo del Consiglio artico (composto da Svezia, Danimarca, Finlandia, Canada, Islanda, Norvegia e Stati Uniti).

Con questi paesi, la Russia condivide un confine marittimo nell’Artico. E le esercitazioni militari a lungo pianificate tra NATO, Finlandia e Svezia nella regione a marzo sono state “motivo di preoccupazione” per la Russia.

“L’internazionalizzazione delle attività militari dell’Alleanza alle alte latitudini, che coinvolge Stati Nato non artici – ha detto Korchunov – non può che destare preoccupazione… vi sono rischi di incidenti non intenzionali che… possono anche causare seri danni alla fragile ecosistema artico”.

Un ecosistema le cui dure condizioni climatiche hanno portato a stringere accordi sul diritto marittimo, l’equilibrio ambientale e le esigenze di sicurezza fondamentali (come le operazioni di ricerca e salvataggio).

L’Artico è una miniera potenziale di risorse energetiche e importanti vie di comunicazione (come il famoso Passaggio a Nord Ovest che collega l’Atlantico al Pacifico). Una regione spesso governata da complessi accordi bilaterali fra gli Stati della regione. Ma se le preoccupazioni ambientali e gli interessi economici hanno tipicamente dominato la collaborazione nella regione, la guerra in Ucraina minaccia di sconvolgere questo attento equilibrio. L’invasione russa ha ritardato progetti di cooperazione internazionali per lo studio dei cambiamenti climatici nell’Artico. Un equilibrio mantenuto in piedi per trent’anni, pericolosamente incrinato dalla decisione presa agli inizi di marzo da tutti i membri del Consiglio Artico di boicottare i colloqui in Russia, che attualmente presiede il Consiglio fino al 2023, a causa della sua “flagrante violazione” della sovranità dell’Ucraina.

La Russia ora condivide la costa artica con cinque Stati membri della NATO, oltre a Finlandia e Svezia, che inviano tutti armi e soldi per aiutare l’Ucraina a combattere l’invasione russa.

Le preoccupazioni politiche ed economiche nell’Artico sono definite dal suo clima unico e in rapido cambiamento.

Negli ultimi 30 anni il ghiaccio più spesso dell’Artico è diminuito del 95%. Se le emissioni di gas serra continuano ad aumentare al ritmo attuale, l’Artico potrebbe essere libero dai ghiacci d’estate entro il 2040.

L’urgenza della situazione climatica è stata una delle ragioni principali della cooperazione internazionale. Il primo passo verso la formazione del Consiglio Artico è stata la Strategia di protezione ambientale artica firmata nel 1991 come accordo tra gli Stati artici e le organizzazioni dei popoli indigeni. Ma la drammatica perdita di ghiaccio sta cambiando il panorama politico ed economico della regione. “Abbiamo praticamente una quinta apertura oceanica in cima al mondo”, ha affermato Katarzyna Zysk, Istituto norvegese per gli studi sulla difesa. “E quando quell’oceano sarà aperto, sarà utilizzato per scopi economici e militari”.

Il 53% della costa totale dell’Oceano Artico è russo. È un’area vastissima protetta dal ghiaccio, che ora sta scomparendo. Ciò significa che potrebbe essere utilizzata per un attacco alla Russia.

Di conseguenza, la Russia ha aumentato la sua presenza militare nell’estremo nord, ad esempio con la sua Flotta del Nord, con base nella penisola di Kola al confine con Finlandia e Norvegia.

Il suo arsenale comprende sottomarini armati di missili nucleari, aerei anti-sottomarini, portaerei e navi armate di missili, tra gli altri.

L’Ucraina ha cambiato le regole del gioco

Nel 2014, lo stesso anno in cui la Russia ha annesso la penisola di Crimea, la Flotta del Nord è diventata la componente principale di una presenza militare rafforzata nel nord, denominata Comando Strategico Congiunto della Flotta del Nord.

Ciò significava anche aumentare la presenza della NATO. Tuttavia, anche la Russia ha continuato ad aumentare le sue forze. Dal 2016, ha aumentato la frequenza delle esercitazioni militari nell’Artico, mostrando anche una “capacità di proiettare potenza oltre le sue acque artiche”.

La guerra in corso in Ucraina ha alzato la posta in gioco ancora una volta. Tuttavia, la Russia non sta necessariamente costruendo la sua forza militare nell’Artico per un attacco: ha anche molto da proteggere.

Se la crisi climatica ha cambiato la dieta dell’orso polare, ha cambiato anche quella dell’orso russo…

La febbre bianca

Lo scioglimento dei ghiacci artici ha scatenato la cosiddetta “febbre bianca”, alimentando le mire delle superpotenze mondiali (Russia, Cina e Stati Uniti).

Uno studio del 2008 dell’US Geological Survey ha scoperto che l’Artico potrebbe ospitare le più grandi riserve di petrolio e gas inesplorate sulla terra. Ne custodisce 412 miliardi di barili: circa il 22% delle riserve globali (valore approssimativo, 29.000 miliardi di dollari). Si pensa che gran parte siano offshore, nei mari russi.

Ma petrolio e gas non sono gli unici potenziali tesori. “La regione è molto ricca anche di risorse minerarie, molte delle quali si trovano nell’Artico russo”, spiega Katarzyna Zysk: una nuova terra emergente con ricche riserve di uranio, terre rare, oro, diamanti, zinco, nickel, carbone, grafite, palladio, ferro.

Ma anche “stock ittici molto ben conservati che sono preziosi, considerando la crescente crisi alimentare nel mondo”, aggiunge Zysk.

Per non parlare poi delle potenzialità future come snodo dei trasporti. La rotta del Mare del Nord che corre lungo la costa settentrionale della Russia è attualmente bloccata dal ghiaccio per la maggior parte dell’anno, ma se non lo fosse, potrebbe diventare un canale di navigazione altamente redditizio. Tempi di spedizione e costi del carburante per il trasporto di merci tra la Cina e l’Europa verrebbero ridotti drasticamente se potessero viaggiare attraverso l’Artico invece dell’attuale rotta attraverso l’Asia meridionale e il Canale di Suez.

Scenari futuri che hanno accresciuto l’interesse internazionale per l’Artico. Oltre ai suoi otto membri, il Consiglio Artico ha anche 13 osservatori che possono proporre progetti nella regione. Fra questi, Francia, Germania, Regno Unito e, in particolare, la Cina, che ha creato stazioni di ricerca nell’Artico e investito in miniere ed energia.

Questo interesse internazionale per le ricchezze dell’Artico ha spinto la Russia a svolgere un ruolo più preponderante nella regione.

Finora, tuttavia, la Russia sembra poco propensa a estendere questo ruolo fino a eventuali confronti militari nell’estremo nord, nonostante lo scontro in Ucraina abbia messo gli Stati artici l’uno contro l’altro.

Dopo le esercitazioni della NATO con Finlandia e Svezia, all’inizio di marzo, le truppe della NATO hanno partecipato a un’altra esercitazione in Norvegia il 25 marzo. La risposta della Russia è stata attenuata: ha protestato e ha condotto le proprie esercitazioni militari lo stesso giorno.

“La Russia protesta sempre quando la NATO fa esercitazioni militari vicino ai suoi confini”, aggiunge Zysk. “Ma non abbiamo visto alcun comportamento provocatorio dalla Russia nell’Artico. Penso che stia effettivamente cercando di evitare l’escalation [della reazione internazionale al] conflitto in Ucraina, dove il suo esercito è già pienamente impegnato”.

Anche tra gli alleati occidentali, la guerra in Ucraina potrebbe rivelarsi un punto di svolta per le relazioni politiche nell’Artico, ma non necessariamente una rottura.

“Il Consiglio Artico ha sospeso, temporaneamente, il suo lavoro, ma non si sta rompendo”, afferma Melanie Garson. “Si è gravemente incrinata la fiducia nelle relazioni con la Russia, e gli Stati artici stanno ripensando a come andare avanti”.

Può darsi che in una parte del mondo dominata da un paesaggio naturale così impegnativo la necessità di collaborazione e cooperazione tra gli Stati artici alla fine prevalga sulle tensioni politiche.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: