fbpx

I bosniaci avvertono gli ucraini: ottenere giustizia per i crimini di guerra non è semplice

I bosniaci avvertono gli ucraini: ottenere giustizia per i crimini di guerra non è semplice

K metro 0 – Sarajevo – I bosniaci ne sanno qualcosa. E parlano per esperienza. Indipendentemente da come finirà la guerra russa in Ucraina, ottenere giustizia per le violazioni dei diritti umani subite durante il conflitto sarà inevitabilmente un processo lungo e doloroso. Questo è il messaggio dei sopravvissuti alla guerra intestina della Bosnia del

K metro 0 – Sarajevo – I bosniaci ne sanno qualcosa. E parlano per esperienza. Indipendentemente da come finirà la guerra russa in Ucraina, ottenere giustizia per le violazioni dei diritti umani subite durante il conflitto sarà inevitabilmente un processo lungo e doloroso.

Questo è il messaggio dei sopravvissuti alla guerra intestina della Bosnia del 1992-95, che hanno dedicato gli anni successivi a riraccontare e rivivere il loro trauma nella speranza di assicurare i responsabili alla giustizia.

“Sto ancora cercando i resti di mio fratello. Non posso concentrarmi su qualcos’altro e non pensarci più”, ha detto Edin Ramulic, che vive a Prijedor, nella Bosnia nordoccidentale.

Era un neolaureato di 22 anni quando, nell’aprile 1992, fu arrestato, insieme al padre, al fratello maggiore e ai suoi parenti maschi, dai serbo- bosniaci, insieme a migliaia di altri civili non serbi di Prijedor e dei villaggi circostanti, poi espulsi, imprigionati, torturati o uccisi.

Più di 3.000 non serbi, fra i quali 102 bambini, vennero uccisi a Prijedor. Alcuni furono gcoustiziati nelle loro case o nelle strade, altri rinchiusi in tre campi di prigionia dove subirono violenze, stupri e torture. Il fratello, lo zio e quattro cugini di Ramulic non sopravvisero ai campi.

Proprio come le prove documentate di uccisioni e torture a Bucha emerse ai primi di aprile dopo il ritiro delle forze russe, anche la scoperta, da parte di giornalisti internazionali, dei campi di Prijedor, nell’agosto 1992, provocò indignazione ovunque e appelli dei leader mondiali per consegnare ala giustizia i responsabili.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite avviò un processo per istituire un tribunale speciale per i crimini di guerra nell’ex-Jugoslavia. Insediato all’Aia nel 1993, fu il primo tribunale internazionale a indagare sui crimini di guerra, i crimini contro l’umanità e il genocidio dopo i tribunali di Norimberga e di Tokyo all’indomani della seconda guerra mondiale.

All’inizio tutti erano scettici. L’accesso degli investigatori alle scene del crimine a Prijedor e altrove venne bloccato per anni e i leader politici dei serbo-bosniaci e della vicina Serbia continuarono a negare qualsiasi violazione dei diritti umani e a nascondere i documenti e le persone incriminate.

La giustizia tardava a venire. Il leader serbo-bosniaco in tempo di guerra, Radovan Karadzic, e il suo comandante militare, Ratko Mladic, rimasero latitanti sino alla fine degli anni 2000, quando furono infine rintracciati in Serbia.

Quando chiuse i battenti, nel 2017, il tribunale aveva condannato 83 alti funzionari politici e militari in tempo di guerra, provenienti per lo più dalla Bosnia. E aveva trasferito inoltre una montagna di prove e di fascicoli contro persone sospette di rango inferiore nei loro paesi d’origine nei Balcani.

Nel disperato tentativo di trovare informazioni sul destino dei loro cari e costringere il mondo a riconoscere le loro sofferenze, i sopravvissuti come Ramulic hanno creanto gruppi di sostegno per potenziali testimoni, raccogliendo informazioni sugli scomparsi e commemorando le vittime.

“Ho trascorso molti mesi della mia vita in diverse aule di tribunale (come testimone), ascoltando avvocati difensori che cercavano di negare le prove”, ha detto Ramulic, che ancora non sa dove siano i resti di suo fratello o chi precisamente lo abbia ucciso e come. Ma le sentenze del tribunale, alcune delle quali aveva contribuito a portare a termine, “sono la cosa più preziosa che abbiamo”, ammette, perché la verità basata sulle prove che forniscono non può essere ignorata e negata per sempre”.

Prima della guerra, Munira Subasic era una negoziante, moglie e madre di due figli. Perse il marito e un figlio nel massacro di Srebrenica del 1995 in cui morirono 8.000 uomini e ragazzi. È stato l’unico episodio della guerra in Bosnia ad essere legalmente definito genocidio.

Nella frenetica ricerca dei familiari scomparsi, lei ed altre donne crearono un’associazione, “Le madri di Srebrenica”, e organizzarono manifestazioni di protesta e altre azioni per mantenere viva l’attenzione dell’opinione pubblica e chiedere che venissero trovate le fosse comuni e assicurati alla giustizia i responsabili del massacro una volta identificati. Ad oggi, quasi il 90% dei dispersi denunciati per la caduta di Srebrenica sono stati rintracciati.

“Conoscevamo i nomi degli assassini, li abbiamo raccolti e condiviso le informazioni con i pubblici ministeri, abbiamo visitato ogni sito di fosse comuni, abbiamo cercato informazioni su dove potessero essere gli altri. Non abbiamo dato tregua a nessuno, senza mai stancarci di chiedere giustizia”, ha detto Munira.

E ha aggiunto: “Le madri dell’Ucraina dovranno fare lo stesso”.

Insieme a molte altre persone, ha testimoniato davanti al tribunale per i crimini di guerra delle Nazioni Unite per l’ex Jugoslavia, aiutando a mettere dietro le sbarre quasi 50 funzionari serbo-bosniaci in tempo di guerra, condannati collettivamente a oltre 700 anni di prigione.

La giustizia assoluta, in Bosnia, resta tuttavia sfuggente. La guerra civile nel nella piccola repubblica balcanica ha causato 100.000 morti, in maggior parte civili, e oltre 2 milioni di persone, ovvero più della metà della popolazione, sono state cacciate dalle loro case. A trent’anni dall’inizio della guerra, circa 7.000 dispersi rimangono ancora non identificati e la magistratura bosniaca ha un arretrato di oltre 500 cause irrisolte per crimini di guerra, che coinvolgono circa 4.500 sospetti. Col passare degli anni, mentre i testimoni e i sospettati invecchiano, si ammalano o muoiono, molti procedimenti rimangono in sospeso e probabilmente non si andrà mai a processo.

Jasminka Dzumhur, difensore civico bosniaco per i diritti umani, è stata nominata il mese scorso, dal Consiglio per i diritti umani dell’ONU, membro di una commissione di tre persone incaricate di indagare su possibili violazioni dei diritti umani durante l’invasione russa dell’Ucraina.

“È molto importante sapere per esperienza quali informazioni sono rilevanti per accertare eventuali violazioni e quali fatti possono poi aiutare gli organi giudiziari competenti a dimostrare la responsabilità penale individuale per tali violazioni”, ha affermato Dzumhur.

“La commissione non è un organismo che stabilisce la responsabilità penale per possibili violazioni dei diritti umani e crimini di guerra (in Ucraina), ma è un meccanismo per raccogliere fatti che possono aiutare a stabilire la responsabilità penale individuale”, ha precisato.

Ma ha è importante per i sopravvissuti alle violazioni dei diritti umani e ai possibili crimini di guerra in Ucraina capire “che il loro percorso verso la giustizia sarà lungo e incerto, che richiederà loro molti sacrifici e che lungo la strada sarà difficile trovare molti alleati” altrettanto propensi alla ricerca della verità.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: