fbpx

Londra, vendite a picco, i consumatori britannici tagliano le spese

Londra, vendite a picco, i consumatori britannici tagliano le spese

K metro 0 – Londra – I consumatori inglesi non se la passano affatto bene, sono molto preoccupati dell’inflazione crescente e piuttosto timorosi di affrontare nuove spese in vista delle vacanze pasquali. Lo conferma il British Retail Consortium (BRC), associazione di categoria per le imprese di vendita al dettaglio nel Regno Unito, secondo cui le

K metro 0 – Londra – I consumatori inglesi non se la passano affatto bene, sono molto preoccupati dell’inflazione crescente e piuttosto timorosi di affrontare nuove spese in vista delle vacanze pasquali. Lo conferma il British Retail Consortium (BRC), associazione di categoria per le imprese di vendita al dettaglio nel Regno Unito, secondo cui le vendite nei negozi sono rallentate e i bilanci delle famiglie sono sotto pressione a causa dell’aumento del costo della vita.

I dati mostrano che la crescita delle vendite per marzo è aumentata del 3,1%, il più lieve incremento finora quest’anno e in calo rispetto all’aumento del 6,7% di febbraio. Il tutto a peggiorare però una situazione sempre più insostenibile con milioni di britannici a fare i conti con bollette energetiche e tasse più alte. Il BRC ha detto che la pressione sulle finanze e la guerra in Ucraina hanno “scosso la fiducia dei consumatori”. Helen Dickinson, capo esecutivo del BRC, ha dichiarato in particolare che i clienti hanno affrontato “un’enorme sfida quest’anno” intorno alle loro finanze, e che è “probabile si rifletta nella spesa al dettaglio in futuro”.

Il gigante della moda online Asos, ad esempio, ha riferito che le sue previsioni di vendita per i prossimi mesi portano più incertezza del solito, poiché non è ancora chiaro come le crescenti pressioni finanziarie sui consumatori incideranno sulla loro spesa. I proprietari di piccole imprese hanno detto alla televisione nazionale BBC di aver notato un recente calo delle vendite rispetto ai mesi precedenti, in un momento in cui hanno anche dovuto affrontare costi operativi più elevati. Secondo Lucy Rushton, proprietaria e fondatrice della Cheshire Gift Company, molti stanno iniziando ad essere più prudenti con le spese. “Andando verso la Pasqua, le vendite sono state sicuramente più contenute rispetto all’anno scorso”, ha detto.

Sempre la Rushton, che ha iniziato la sua attività online e ha immagazzinato i prodotti nel suo garage prima di trasferirsi in un magazzino, ha detto alla BBC che la presenza dell’azienda sui social media ha aiutato le vendite dei clienti fedeli. Ma ha aggiunto: “Mentirei se non fossi preoccupata per il prossimo anno”.

Non solo; lei e il suo staff indossano tute termiche per evitare di accendere il riscaldamento nel magazzino della società a causa degli alti costi energetici. “Fa freddo qui, ma preferisco che il mio staff abbia un lavoro”, ha aggiunto. E ha poi riferito che i costi maggiori di imballaggio e di trasporto stavano avendo un notevole impatto sui suoi profitti, ma la sua squadra “s’è adattata”, e così non ha dovuto far scontare grandi aumenti di prezzo sui clienti finali.

Si profilano comunque nuvole all’orizzonte. Con l’inflazione che cresce al ritmo più veloce degli ultimi 30 anni, nel Regno Unito sale la pressione del costo della vita. I prezzi di carburante, energia e cibo hanno segnato in particolare alcuni dei maggiori aumenti. Il tasso di incremento dei prezzi è previsto dell’8,7% negli ultimi tre mesi del 2022, il che significa che le famiglie potrebbero essere costrette a tagliare.

Bev Logan, che ha avviato la sua attività online di abbigliamento sportivo femminile Badass Mother Runners durante il primo blocco Covid, ha detto che le vendite erano andate bene fino a quando non sono “crollate” in aprile. “È spaventoso essere un piccolo imprenditore, perché le tue bollette stanno salendo come quelle di tutti gli altri, ma le tue vendite stanno precipitando. È comprensibile che la gente debba stare attenta, ma è anche una forte preoccupazione per molte piccole imprese”.

Don Williams, partner retail di KPMG, ha spiegato che il rallentamento delle vendite a marzo ha suggerito “nubi all’orizzonte mentre i bilanci delle famiglie sono sotto pressione a causa dell’aumento dei costi, di una crescente pressione fiscale e della concorrenza delle vacanze estive”. Inoltre, “i rivenditori stanno affrontando la loro battaglia con l’aumento dei costi e l’inflazione, e camminano sul filo del rasoio tra l’assorbimento dei costi crescenti o il loro trasferimento sui consumatori”, ha aggiunto. Ha detto che la grande domanda è se gli acquirenti ridurranno i loro panieri fisici e online a loro volta.

Le cifre del BRC-KPMG retail sales monitor hanno mostrato che le vendite complessive sono scese dello 0,4% a marzo rispetto a 12 mesi prima. Le vendite di cibo per il mese sono calate, infine, su base annua e anche quelle online di articoli non alimentari sono diminuite del 29%, rispetto alla crescita del 64,7% dell’anno precedente.

In conclusione, vendite di cibo e bevande sono piuttosto in sofferenza e in calo anche rispetto al 2021, quando alcune restrizioni delle chiusure dovute al Covid 19 hanno iniziato sono venute meno.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: