fbpx

Docenti di diritto dell’Università di Lisbona denunciati per molestie e discriminazioni

Docenti di diritto dell’Università di Lisbona denunciati per molestie e discriminazioni

K metro 0 – Lisbona – Ventinove casi di molestie morali, 22 di molestie sessuali; 8 pratiche discriminatorie di sessismo, 5 di xenofobia/razzismo e uno di omofobia. Questo è il risultato di 11 giorni di un “canale aperto”, dal 14 al 25 marzo, presso la Facoltà di Diritto dell’Università di Lisbona (FDUL), per l’invio di

K metro 0 – Lisbona – Ventinove casi di molestie morali, 22 di molestie sessuali; 8 pratiche discriminatorie di sessismo, 5 di xenofobia/razzismo e uno di omofobia. Questo è il risultato di 11 giorni di un “canale aperto”, dal 14 al 25 marzo, presso la Facoltà di Diritto dell’Università di Lisbona (FDUL), per l’invio di segnalazioni di molestie/cattivi comportamenti da parte del personale docente.

Secondo il rapporto di questo esperimento, al quale la testata giornalistica locale DN ha avuto accesso, ci sono state 70 denunce, 50 delle quali sono state convalidate come rilevanti. Riguardano 31 docenti, cioè circa il 10% del numero totale di docenti e assistenti della scuola. Sette di loro rappresentavano più della metà (30) delle denunce, una con nove e due con cinque; 19 delle testimonianze si riferivano a “pratiche ripetute”.

La maggior parte delle situazioni riportate sono avvenute con contatti personali, ma anche attraverso social network ed e-mail. La stragrande maggioranza dei rapporti riguardanti le azioni personali, è riportato, “si riferiscono ad attività in classe o successive, anche se ci sono casi riguardanti esami orali (cinque) e uno riguardante un esame scritto”.

Il documento, redatto da un comitato congiunto di tre insegnanti e tre studenti creato su iniziativa del Consiglio pedagogico, comitato che ha deciso di aprire il suddetto “canale” per le denunce, non descrive tuttavia alcuna situazione concreta (i rapporti sono stati resi anonimi per l’analisi; solo una persona del comitato sa a chi si riferiscono) ma elenca ciò che è stato considerato molestia sessuale. Vale a dire: “Ripetere sistematicamente osservazioni suggestive, battute o commenti sul proprio aspetto o sulla propria condizione sessuale; fare telefonate indesiderate, inviare lettere, messaggi o e-mail, con testi o immagini, di natura sessuale in modo esplicito o insinuato; promuovere un contatto fisico intenzionale e non richiesto, o eccessivo, o provocare approcci fisici non necessari; inviare inviti persistenti a partecipare a programmi sociali o ricreativi, quando la persona presa di mira ha dimostrato che l’invito non è desiderato”. E ancora: “Presentare inviti e richieste di favori sessuali associati alla promessa di ottenere vantaggi accademici o professionali”.

Secondo quanto scoperto dal DN, nelle denunce ci sarebbe un riferimento a un determinato professore della FDUL. Nella metà dei rapporti, le pratiche descritte sarebbero state rivolte a una persona o, nel caso di comportamenti ripetuti, a più persone in maniera separata; nell’altra metà, rivolte agli alunni in generale, o a categorie di alunni. Gli obiettivi della xenofobia/razzismo sarebbero stati in particolare studenti brasiliani, studenti neri o provenienti da paesi africani dove il portoghese è la lingua ufficiale; nel caso del sessismo, tutti i casi si riferiscono alla discriminazione di persone di genere femminile. Il bersaglio dell’unico caso di omofobia menzionato non è identificato.

Catarina Preto, presidente dell’Associazione accademica della facoltà di Diritto dell’Università di Lisbona, fa parte della commissione congiunta che ha analizzato i rapporti. E ammette a DN che non era sorpresa. “Era in linea con quanto sapevo già: infatti anche se non avevo accesso ai nomi dei professori sono stata in grado di identificare alcuni di loro attraverso la conoscenza del caso, anche se alcuni incidenti specifici mi hanno scioccata. Secondo le conversazioni che ho con altre associazioni, questo succede in tutte le facoltà, in alcune più e in altre meno”, dice. “Bisogna porre fine comunque a queste situazioni, che sono estremamente gravi in un’istituzione educativa. Dobbiamo cercare di ristabilire la fiducia nella facoltà e passare al manuale di buone pratiche e al codice di condotta”.

Proprio da Catarina è arrivata la segnalazione sul problema delle molestie a scuola in una riunione del consiglio pedagogico del 12 gennaio (i cui verbali, come tutti, sono pubblici). Menzionando il caso di un insegnante nei confronti del quale sono state fatte diverse denunce, senza alcuna conseguenza, ha assicurato che c’è, da parte degli studenti, una paura di rappresaglie che li porta a non denunciare le situazioni.

Miguel Prata Roque ha dichiarato che FDUL non è uno “spazio libero” (nel senso che non è uno spazio sicuro), affermando addirittura che nella scuola regna “un clima di terrore”. Un altro insegnante, João Miranda, ha menzionato la “speciale relazione di potere” che esiste tra insegnanti e studenti, chiedendo che la facoltà sia “proattiva nell’investigazione di queste situazioni”, poiché, riconosce, “molte volte queste non vengono denunciate dagli studenti in assenza di un quadro di libertà per farlo”. Ha concluso confessando di essere imbarazzato di trovarsi “nella stessa istituzione di persone che compiono questo tipo di atti che considera degradanti”.

Queste dichiarazioni sono state fatte davanti all’apparente stupore del presidente del Consiglio pedagogico, António Barreto Menezes Cordeiro, che ha detto di non sapere che nei diversi mandati precedenti dell’organismo fossero stati presentati casi di molestie, almeno con “contorni di questa gravità”. Nonostante questo, solo il 2 marzo è apparsa una proposta per affrontarla. È guidata da un altro insegnante, Miguel Lemos, che propone, oltre alla creazione di un manuale specifico di buone pratiche e un comitato congiunto di insegnanti e studenti per indagare la portata del problema, anche un sistema di reclami. La proposta è stata approvata all’unanimità ed è stata creata la commissione, che è andata avanti con il canale di raccolta delle denunce il 14 marzo.

Catarina Preto ha aggiunto: “Cercheremo di far sì che gli studenti vadano avanti con queste denunce. Ma c’è una sensazione di impunità, perché i casi di molestie sessuali che sorgono nell’università sono di solito ricorrenti. Quindi è molto importante che le indagini non siano condotte da membri della facoltà, come lo sono state finora. Spero che la direzione ammetta finalmente il problema”.

A DN Dejanira Vidal, presidente del nucleo femminista recentemente formato alla FDUL dichiara: “È inaccettabile che le facoltà nascondano questi casi per mantenere “il buon nome dei professori”. Da quando sono entrata al college – sono al secondo anno – si parla di molestie morali (umiliazioni, commenti) e pressioni, e di casi di molestie sessuali”, dice la 19enne. “Ma tutti hanno paura, tutti dicono ‘non voglio parlare, non voglio essere associato a questo’. Spero che finalmente la direzione ammetta che c’è un problema all’interno del college. Ci deve essere una commissione specifica centralizzata per le molestie nell’università, ci devono essere persone esterne che valutano, con una formazione specifica. E ci deve essere un sostegno psicologico”.

La direttrice della FDUL, Paula Vaz Freire, ha assicurato di non essere ancora a conoscenza del rapporto sulle molestie e le discriminazioni, che sarà analizzato questo martedì dal Consiglio pedagogico, e presentato anche al consiglio. Per ora sostiene la proposta di formulare un codice di condotta: “Mi sembra buono, le molestie sono difficili da definire. La creazione di un codice di condotta ci permette di valutare certi comportamenti come infrazioni”.

Per quanto riguarda il clima di paura descritto sia dagli studenti sia dagli insegnanti, lo respinge: “Non ho idea che ci sia un clima di terrore generalizzato nel college”. La richiesta che le inchieste siano dirette da persone esterne alla scuola e con una formazione adeguata resta un’ipotesi poco fondata: “Non escludo che si possa avere l’aiuto e la partecipazione di persone esterne in questo processo e la creazione di meccanismi specifici per affrontare questo, ma ci deve essere una segretezza funzionale, perché le inchieste sono riservate”.

Miguel Lemos, l’autore della proposta presentata al consiglio pedagogico contenuta nel rapporto, si rallegra del fatto di vedere la situazione “trattata con il coinvolgimento di tutti gli organi della facoltà e la collaborazione degli studenti in una politica di tolleranza zero”, anche se vede il processo ancora all’inizio: “C’è ancora molto da migliorare. È necessario – continua il professore, “soddisfare quanto richiesto dagli studenti e anche mettere in atto le migliori pratiche prodotte da entità che si dedicano allo studio e all’implementazione di questi meccanismi, salvaguardando, almeno in un primo momento, l’anonimato delle vittime; raccogliere le testimonianze con l’aiuto di psicologi; creare una procedura che permetta di accompagnare i procedimenti; definire delle scadenze e coinvolgere i rappresentanti degli studenti affinché sia assicurata la pubblicità dell’esistenza delle denunce e il loro trattamento da parte degli organi della facoltà e, nei casi in cui ciò sia applicabile, il Ministero pubblico”.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: