fbpx

Gas e luce: consumatori in ansia, ecco cosa fare

Gas e luce: consumatori in ansia, ecco cosa fare

K metro 0 – Roma – Le domande che negli ultimi giorni, con la guerra che prosegue in Ucraina e le preoccupanti notizie che arrivano sul fronte energia, assillano milioni di famiglie in Italia. Sono sopra tutto: Se si interrompono le forniture di gas, come riscaldo casa? Quanto mi costerà? A queste Domande, riporta l’Adnkronos,

K metro 0 – Roma – Le domande che negli ultimi giorni, con la guerra che prosegue in Ucraina e le preoccupanti notizie che arrivano sul fronte energia, assillano milioni di famiglie in Italia. Sono sopra tutto: Se si interrompono le forniture di gas, come riscaldo casa? Quanto mi costerà? A queste Domande, riporta l’Adnkronos, prova a dare risposta l’associazione di consumatori Consumerismo no profit.

“In caso di tagli alle forniture di gas da parte della Russia – spiega Consumerismo – il governo italiano sarebbe costretto a ricorrere al razionamento dell’energia e ad imporre ai distributori di limitare il prelievo di elettricità e gas dai contatori. Sicuramente i primi soggetti colpiti dalla misura saranno proprio le famiglie. Per l’energia ogni nucleo rischia di ritrovarsi con una capacità massima di consumo pari a 1 kW anziché 3 come previsto dagli attuali contratti per uso domestico. Intervento che può essere attivato in pochi secondi e con semplice clic da parte delle società energetiche grazie ai contatori elettronici di nuova generazione, e che impedirà alle famiglie l’uso contemporaneo di più elettrodomestici (forno, phon, stufe elettriche, microonde, ecc.) imponendo una modifica sostanziale delle abitudini quotidiane”.

Per il gas – osserva – la situazione è più complicata: il governo potrebbe decidere di sospendere le forniture in determinati orari del giorno, lasciando così condomini e abitazioni al freddo e senza la possibilità di utilizzare il gas per cucinare, lavarsi, scaldare l’ambiente. In tale contesto, come potrebbero difendersi i consumatori? Nell’immediato ricorrendo a metodi di riscaldamento alternativi al gas come stufe a pellet, legna, camini a bioetanolo ecc. Nel breve periodo, la soluzione consiste nel migliorare l’isolamento termico delle abitazioni e rendere la propria casa autonoma sul fronte energetico installando pompe di calore e impianti fotovoltaici, così da coprire il 100% del fabbisogno familiare”.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: