fbpx

A Mosca, Putin esalta la guerra, Zelenskyy lo esorta trattare

A Mosca, Putin esalta la guerra, Zelenskyy lo esorta trattare

K metro 0 – Mosca – Mentre le sue truppe continuano a bombardare le città ucraine, Vladimir Putin – informa AP – è apparso, a Mosca, a un’enorme manifestazione pubblica in cui ha elogiato le forze russe; intanto, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy accusa nuovamente il Cremlino di voler creare deliberatamente “una catastrofe” nel suo

K metro 0 – Mosca – Mentre le sue truppe continuano a bombardare le città ucraine, Vladimir Putin – informa AP – è apparso, a Mosca, a un’enorme manifestazione pubblica in cui ha elogiato le forze russe; intanto, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy accusa nuovamente il Cremlino di voler creare deliberatamente “una catastrofe” nel suo Paese.

Il presidente russo si è rivolto ieri a un gremitissimo stadio di Mosca, dicendo che le truppe del Cremlino in Ucraina avevano combattuto “spalla a spalla” e si erano sostenute a vicenda. “Non abbiamo avuto un’unità come questa per molto tempo”, ha detto alla folla esultante. E’ apparso evidente, però, che questa dimostrazione di patriottismo era stata accuratamente organizzata dal Cremlino: in tutta la Federazione russa, infatti, la decisione di invadere l’ Ucraina ha provocato un’esplosione di proteste con migliaia di arresti, specie negli ultimi giorni, quando la Russia ha dovuto affrontare perdite assai più pesanti del previsto.

Mentre Zelenskyy incalza, affermando che le forze russe stanno cercando di bloccare le più grandi città ucraine non solo per vincere militarmente, ma con l’obiettivo anche di creare nel Paese condizioni di vita così miserabili (con le interruzioni delle linee energetiche e di comunicazione) da indurre – nei loro calcoli – gli ucraini a collaborare. I russi – ha precisato Zelenskyy – stanno anche impedendo ai rifornimenti di raggiungere le città circondate nell’Ucraina centrale e sudorientale. Da parte di Mosca, si tratta di “una tattica totalmente deliberata”, ha aggiunto nel suo discorso video notturno alla nazione, registrato fuori di Kiev. Ma è “ora di incontrarsi, è ora di parlare”, ha detto Zelenskyy esortando nuovamente Putin a incontrarlo direttamente per trattare. “Voglio essere ascoltato da tutti, specialmente a Mosca”, ha aggiunto.

Intanto, Kiev ieri ha continuato a bruciare sotto il fuoco russo, e gli aggressori hanno martellato persino un’installazione di riparazione aerei alla periferia di Leopoli, vicino al confine con la Polonia. Funzionari ucraini han detto, sempre ieri, che la città portuale meridionale di Mariupol, assediata, ha perso ora l’accesso al Mar d’Azov, e che le forze russe stanno concentrandosi su un nuovo, pesante attacco.

A Mosca, la polizia ha precisato che più di 200.000 persone erano dentro e intorno allo stadio “Luzhniki” per l’evento cui ha partecipato Putin: che includeva canzoni patriottiche come “Made in the USSR”, con le battute di apertura “Ucraina e Crimea, Bielorussia e Moldova, è tutto il mio paese”. Mentre diversi canali di Telegram, critici nei confronti del Cremlino, hanno riferito che agli studenti e ai dipendenti delle istituzioni statali, in un certo numero di regioni, in questi giorni è stato ordinato dai superiori di partecipare a manifestazioni e concerti in occasione dell’ottavo anniversario dell’annessione della Crimea da parte di Mosca (marzo 2014). Cercando di ritrarre la guerra come giusta, Putin, intervenendo allo stadio, ha addirittura parafrasato la Bibbia, per dire delle truppe russe: “Non c’è amore più grande che rinunciare alla propria anima per i propri amici”.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: