fbpx

Messico, ucciso giornalista, ottavo finora quest’anno

Messico, ucciso giornalista, ottavo finora quest’anno

K metro 0 – Messico – Un altro giornalista è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in Messico martedì. Si tratta dell’ottavo giornalista assassinato finora, quest’anno, in un’ondata di omicidi senza precedenti che ha reso il Messico il luogo più pericoloso al mondo per la stampa. Reporter e fotografi sono stati assassinati quest’anno

K metro 0 – Messico – Un altro giornalista è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in Messico martedì. Si tratta dell’ottavo giornalista assassinato finora, quest’anno, in un’ondata di omicidi senza precedenti che ha reso il Messico il luogo più pericoloso al mondo per la stampa.

Reporter e fotografi sono stati assassinati quest’anno in Messico al ritmo di quasi uno alla settimana, contrariamente a quanto afferma il governo, secondo cui la situazione è sotto controllo.

Secondo i pubblici ministeri nello stato occidentale di Michoacan, il giornalista Armando Linares è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in una casa nella città di Zitacuaro. La sua uccisione è avvenuta sei settimane dopo l’uccisione di un collega, Roberto Toledo, dello stesso outlet Monitor Michoacan. È stato Linares ad annunciare la morte di Toledo il 31 gennaio in un video pubblicato sui social media.

Non ci sono ancora informazioni immediate su un possibile motivo dell’omicidio.

Toledo, operatore di ripresa e montatore video per Monitor Michoacan, è stato colpito da una fucilata il 31 gennaio mentre si preparava per un’intervista a Zitacuaro.

Al momento della morte di Toledo, Linares ha detto all’Associated Press di aver ricevuto diverse minacce di morte dopo essersi iscritto a un programma governativo di protezione dei giornalisti.

Alla domanda su chi secondo lui ci fosse dietro le minacce, Linares ha detto: “si spacciano per un gruppo armato, si spacciano per una banda criminale. Non possiamo verificare se sia vero o meno che si tratti di questa banda armata”.

I criminali in Messico spesso affermano di far parte di un’organizzazione criminale dedita alla droga per infondere paura nelle loro vittime, che lo siano davvero o meno.

“Abbiamo la criminalità organizzata, proprio come nel resto del paese, e Monitor ha lavorato su molte questioni come il disboscamento illegale, dato che siamo vicino alla riserva del monarca”, ha detto Linares all’inizio di febbraio.

“Abbiamo scritto molto sul disboscamento illegale e anche su molti problemi come la corruzione nel governo municipale”.

“L’incubo continua per la stampa in Messico”, ha scritto il gruppo giornalistico Reporters sans frontières nei suoi account sui social media.

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha reagito con rabbia alle critiche mondiali sugli omicidi. A febbraio, López Obrador ha affermato che il segretario di Stato americano Antony Blinken era male informato, dopo che Blinken aveva scritto “Mi unisco a coloro che chiedono maggiore responsabilità e protezione per i giornalisti messicani”.

López Obrador afferma che il governo sta indagando su tutti gli omicidi e ha affermato che Blinken ha ricevuto cattive informazioni da altre agenzie statunitensi, citando la CIA, l’FBI e la Drug Enforcement Administration.

Il presidente messicano ha criticato il sostegno dell’UE all’Ucraina e ha definito “pecore” i membri del Parlamento europeo. “È un peccato che voi votiate come pecore per unirvi alla strategia reazionaria e golpista del gruppo corrotto contrario alla Quarta Trasformazione”, come López Obrador chiama la sua amministrazione, ha scritto in una lettera aperta al parlamento. Giovedì scorso il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione in cui esorta López Obrador a fermare i suoi aspri attacchi verbali ai giornalisti che lo criticano e a garantire la loro sicurezza. I gruppi di stampa affermano che le critiche quotidiane di López Obrador ai giornalisti, che lui chiama “conservatori” e “mercenari”, li rendono più vulnerabili alla violenza. A febbraio, l’Inter American Press Association ha invitato il presidente a “sospendere immediatamente le aggressioni e gli insulti, perché tali attacchi dai vertici del potere incoraggiano la violenza contro la stampa”. La risoluzione Ue “invita le autorità, e in particolare quelle più alte, ad astenersi dall’emettere qualsiasi comunicazione che possa stigmatizzare difensori dei diritti umani, giornalisti e operatori dei media, esacerbare l’atmosfera contro di loro o distorcere le loro linee di indagine”.

I giornalisti sono spesso il bersaglio delle organizzazioni criminali dedite alla droga. Anche i politici locali e i funzionari del governo sono spesso collegati agli omicidi, secondo il governo, che ha riconosciuto che l’impunità in quegli omicidi supera il 90%.

Foto_Ap

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: