fbpx

Benzina alle stelle, salgono le preoccupazioni anche nel Regno Unito

Benzina alle stelle, salgono le preoccupazioni anche nel Regno Unito

K metro 0 – Londra – I prezzi della benzina nel Regno Unito hanno raggiunto una media di 155 centesimi al litro, stando a quanto riferito dal gruppo automobilistico AA. Le turbolenze di mercato alimentano le preoccupazioni che il prezzo di molti articoli quotidiani, dal cibo alla benzina e al riscaldamento, già in crescita al

Condividi su:

K metro 0 – Londra – I prezzi della benzina nel Regno Unito hanno raggiunto una media di 155 centesimi al litro, stando a quanto riferito dal gruppo automobilistico AA. Le turbolenze di mercato alimentano le preoccupazioni che il prezzo di molti articoli quotidiani, dal cibo alla benzina e al riscaldamento, già in crescita al ritmo più veloce da 30 anni, possa spingersi ancora più in alto. Gli analisti hanno difatti avvertito che le bollette energetiche del Regno Unito potrebbero raggiungere le 3.000 sterline all’anno a causa dell’impennata dei prezzi del petrolio e del gas.

La Russia è difatti il secondo produttore mondiale di greggio dopo l’Arabia Saudita, e fornisce circa un terzo del fabbisogno europeo. Il prezzo del greggio Brent è salito di più di un quinto la scorsa settimana tra i timori di una riduzione delle forniture russe. Il petrolio è così balzato a 139 dollari al barile, il livello più alto da quasi 14 anni, mentre i prezzi del gas all’ingrosso per la consegna il giorno dopo sono più che raddoppiati.

Tutto questo accade mentre gli Stati Uniti hanno accennato a un divieto di acquisto di energia russa, guardando ad altri paesi per aumentare le forniture. Tuttavia, i leader europei hanno respinto questa idea. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che l’Europa ha “deliberatamente esentato l’energia russa dalle sanzioni perché la sua fornitura non può essere assicurata in nessun altro modo al momento”.

E il primo ministro olandese Mark Rutte ha ribadito: “La dolorosa realtà è che siamo ancora molto dipendenti dal gas e dal petrolio russo e se ora costringete le aziende europee a smettere di fare affari con la Russia, questo avrebbe enormi conseguenze in tutta Europa, compresa l’Ucraina, ma anche in tutto il mondo. Dobbiamo ridurre la nostra dipendenza, e questo richiederà tempo”.

Nel Regno Unito l’ultimo incremento dei prezzi della benzina nel paese ha spinto il costo a più di 7 sterline al gallone, ha detto sempre l’AA. Riempire un’auto con un serbatoio da 55 litri costa ora quasi 17 sterline in più rispetto a un anno fa, passando da 68,60 a 85,59 sterline. E il capo della ditta di consegna del carburante Portland Fuel, James Spencer ha fatto capire alla BBC che i prezzi del carburante potrebbero raggiungere 1,70-1,75 centesimi di sterlina al litro. “Anche se riusciamo ad avere forniture extra sul mercato, non ci saranno cambiamenti così in fretta”.

La crisi continua a colpire anche i mercati azionari. Le principali borse francesi e tedesche sono affondate di oltre il 4% nelle prime contrattazioni prima di ridurre le perdite, chiudendo rispettivamente all’1,3% e al 2%. A Londra, il FTSE 100 è sceso di oltre il 2%, ma poi ha recuperato per chiudere più in basso dello 0,4%. La scorsa settimana, il FTSE ha registrato la sua peggiore settimana dall’inizio della pandemia nel marzo 2020. Negli Stati Uniti, i mercati hanno chiuso più in basso con il Dow Jones e l’S&P 500 in calo rispettivamente del 2,4% e del 3%. Il Dow è ora in una “correzione”, essendo sceso del 10% dal suo ultimo livello record di chiusura del 4 gennaio.

Il prezzo dell’oro, un rifugio in tempi difficili per gli investitori in cerca di sicurezza, ha raggiunto i 2.000 dollari l’oncia per la prima volta in quasi 18 mesi. Il crollo dei mercati deriva anche dalle voci di un embargo sul petrolio russo. Un timore molto sentito dai mercati, perché la Russia è il secondo più grande esportatore mondiale. Se ci fosse un vero embargo, il prezzo di un serbatoio medio potrebbe avvicinarsi alle 100 sterline nel Regno Unito.

Domenica, il segretario di stato americano Antony Blinken ha detto che l’amministrazione Biden e i suoi alleati stavano discutendo un divieto delle forniture di petrolio russo. I commenti sono arrivati mentre cresce la pressione sulla Casa Bianca e su altre nazioni occidentali per intraprendere azioni più dure contro Mosca per la sua invasione dell’Ucraina. Ma un embargo sul petrolio russo sarebbe una grande escalation nella risposta all’invasione dell’Ucraina e avrebbe potenzialmente un grande impatto sull’economia globale. Tuttavia, alcuni paesi europei sono riluttanti, data la loro dipendenza dalle forniture energetiche russe.

“Mentre gli Stati Uniti potrebbero semplicemente imporre un divieto sulle importazioni di petrolio russo, l’Europa non può permettersi di fare lo stesso. Con le spalle al muro, Putin potrebbe interrompere le forniture di gas all’Europa, tagliando l’ancora di salvezza energetica del continente”, ha detto Vandana Hari della società di analisi dei mercati petroliferi Vanda Insights.

Johnson ha precisato che l’Europa non potrebbe semplicemente chiudere l’uso del petrolio e del gas durante la notte, ma che i paesi dovrebbero muoversi insieme rapidamente per guardare oltre la Russia per le sue forniture di petrolio e gas. Domenica, il gigante dell’energia Shell ha difeso la sua decisione di acquistare petrolio russo nonostante l’invasione dell’Ucraina. La società ha detto che è stata costretta a comprare petrolio dalla Russia per mantenere le forniture di carburante in tempo utile per l’Europa.

Un possibile divieto di acquistare petrolio russo ha intensificato la pressione per trovare forniture alternative. Questa settimana gli Stati Uniti dovrebbero fare pressione sull’Arabia Saudita per aumentare la produzione di greggio, e c’è un nuovo impulso per un accordo sulle ambizioni nucleari dell’Iran che eliminerebbe le sanzioni sulle sue esportazioni di petrolio.

Tuttavia, i progressi su un accordo sono stati ostacolati dopo che la Russia ha chiesto agli Stati Uniti la garanzia che le sanzioni che deve affrontare per il conflitto in Ucraina non influiranno sul suo commercio con Teheran.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Marzo, mese della Donna! su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: