fbpx

Bosnia Erzegovina, invia note di protesta alle ambasciate di Russia, Cina e Serbia

Bosnia Erzegovina, invia note di protesta alle ambasciate di Russia, Cina e Serbia

K metro 0 – Sarajevo – Ambasciator non porta pena. Il detto in questo caso non vale. La Bosnia Erzegovina non ha gradito la presenza di rappresentanti delle ambasciate di Russia, Cina e, men che mai, della Serbia alle celebrazioni dell’anniversario della fondazione della Republika Srpska autonoma. E ha inviato note di protesta alle ambasciate

Condividi:

K metro 0 – Sarajevo – Ambasciator non porta pena. Il detto in questo caso non vale. La Bosnia Erzegovina non ha gradito la presenza di rappresentanti delle ambasciate di Russia, Cina e, men che mai, della Serbia alle celebrazioni dell’anniversario della fondazione della Republika Srpska autonoma. E ha inviato note di protesta alle ambasciate di questi tre paesi, per il tramite del ministro degli Esteri di Bosnia Erzegovina, la signora Bisera Turkovic, che ha sottolineato che la partecipazione ufficiale a queste celebrazioni è stata una grave ingerenza negli affari interni del suo paese.

I serbi bosniaci separatisti hanno celebrato l’anniversario della fondazione della Republika Srpska, con una parata a Banja Luka, la capitale amministrativa di questa entità che occupa quasi il 50% del territorio della Bosnia Erzegovina, divisa in due entità: Republika Srpska (Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina) e Federazione di Bosnia ed Erzegovina.

Tra i presenti ai festeggiamenti dell’anniversario dei separatisti c’erano il primo ministro serbo Ana Brnabic insieme al presidente del parlamento serbo Ivica Dacic e a ministri del suo gabinetto, nonché gli ambasciatori cinese e russo a Sarajevo e deputati francesi di estrema destra.

I serbi bosniaci considerano il 9 gennaio la festa più importante del loro piccolo stato. Tuttavia, alla fine di novembre 2015, la Corte costituzionale della Bosnia ha stabilito che celebrare la Giornata della statualità della Republika Srpska potrebbe essere discriminatorio nei confronti di altri gruppi etnici nel paese (la popolazione non serba della piccola repubblica secessionista è drasticamente diminuita dopo la guerra intestina del 1991 e la pulizia etnica, prevalentemente dei croato-musulmani, che ne è seguita).

La Corte costituzionale della Federazione di Bosnia ed Erzegovina è stata istituita dall’accordo di pace di Dayton che ha posto fine alla guerra in Bosnia nel 1995. È composta da due “bosgnacchi” (bosniaci musulmani), due serbi, due croati e tre giudici stranieri e le sue decisioni sono giuridicamente vincolanti.

Tuttavia, i serbi della Republika Srpska hanno approvato in modo schiacciante un controverso referendum su una “festa nazionale” a dispetto della più alta corte della Bosnia nel settembre 2016.

Oltre il 99% degli elettori nel territorio a maggioranza serba ha scelto di celebrare il 9 gennaio la “Giornata dello Stato”, alimentando i timori che il referendum potesse essere un primo passo verso la ricerca dell’indipendenza dalla Bosnia ed Erzegovina, un paese dilaniato da violenti conflitti etnici negli anni ’90.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
12°
Fair
ThuFriSat
12/4°C
13/0°C
11/0°C

Newsletter


Condividi: