fbpx

Novavax, via libera del Aifa a vaccino proteico

Novavax, via libera del Aifa a vaccino proteico

K metro 0 – Adnkronos – Roma – Via libera del Cts Aifa al vaccino Novavax, che può sbarcare in Italia nella prima parte del 2022. Come funziona il vaccino proteico? Qual è il ‘bugiardino’ del farmaco? E’ efficace contro la variante Omicron? Quali sono gli effetti collaterali? La Commissione Tecnico Scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana

Condividi:

K metro 0 – Adnkronos – Roma – Via libera del Cts Aifa al vaccino Novavax, che può sbarcare in Italia nella prima parte del 2022. Come funziona il vaccino proteico? Qual è il ‘bugiardino’ del farmaco? E’ efficace contro la variante Omicron? Quali sono gli effetti collaterali?

La Commissione Tecnico Scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), nella riunione di oggi, ha approvato l’utilizzo del vaccino Nuvaxovid, rendendolo disponibile nell’intera indicazione autorizzata da Ema per i soggetti di età uguale o superiore ai 18 anni.

“Abbiamo un nuovo vaccino, Novavax. E’ un’ulteriore arma potente, con un’efficacia di oltre l’89% per proteggere dal Covid sintomatico”, ha detto Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa.

VACCINAZIONE CON DUE DOSI, EFFICACIA

La vaccinazione prevede un ciclo vaccinale primario di due dosi a distanza di tre settimane l’una dall’altra. “I dati disponibili sul vaccino Nuvaxovid – rileva la Cts – hanno mostrato una efficacia di circa il 90% nel prevenire la malattia Covid-19 sintomatica anche nella popolazione di età superiore ai 64 anni. Il profilo di sicurezza si è dimostrato positivo, con reazioni avverse prevalentemente di tipo locale. Attualmente, ha precisato nei giorni scorso l’agenzia europea per il farmaco (Ema), sono disponibili dati limitati sull’efficacia di Nuvaxovid contro altre varianti preoccupanti, inclusa Omicron.

BUGIARDINO, COME FUNZIONA IL VACCINO

Il vaccino del colosso americano utilizza le proteine e quindi una tecnologia più tradizionale: per questo motivo si ritiene che possa convincere molti esitanti a vaccinarsi contro il covid. Nuvaxovid contiene una versione prodotta in laboratorio della proteina Spike che si trova sulla superficie del virus, e un ‘adiuvante’, una sostanza che aiuta a rafforzare la risposta immunitaria al vaccino.

Il sistema immunitario identifica la proteina come estranea e produce difese naturali – anticorpi e cellule T – contro di essa. Se in seguito la persona vaccinata entra in contatto con il coronavirus, il sistema immunitario riconoscerà la proteina Spike sul virus e sarà pronto ad attaccarla. Gli anticorpi e le cellule immunitarie possono proteggere da Covid lavorando insieme per uccidere il virus, impedire il suo ingresso nelle cellule e distruggere le cellule infette.

QUANDO ARRIVA IN ITALIA

Le prime dosi del vaccino anti-Covid di Novavax dovrebbero arrivare ai Paesi membri dell’Ue “nei primi mesi del 2022”, poiché le capitali ne hanno ordinate “per il primo trimestre 2022 circa 27 milioni di dosi”, ha reso noto la commissione europea. Il contratto di acquisto preliminare con Novavax è stato siglato dalla Commissione il 4 agosto 2021 e riguarda la fornitura ai Paesi membri dell’Ue di 100 milioni di dosi di vaccino, a partire dal primo trimestre del prossimo anno. Il contratto permette poi agli Stati di acquistare ulteriori 100 milioni di dosi, da consegnarsi nel corso del 2022 e del 2023. Le fiale di Novavax si aggiungono ai 2,4 miliardi di dosi acquistate o prenotate da Pfizer/BioNtech, ai 460 milioni di Moderna, 400 milioni di Astrazeneca e 400 milioni del farmaco di Janssen (Johnson & Johnson).

EFFETTI COLLATERALI

Gli effetti indesiderati osservati con Nuvaxovid negli studi, spiega l’Ema, sono stati generalmente lievi o moderati e sono scomparsi entro un paio di giorni dopo la vaccinazione. I più comuni sono risultati sensibilità o dolore al sito di iniezione, stanchezza, dolori muscolari, mal di testa, sensazione generale di malessere, dolori articolari e nausea o vomito.

La sicurezza e l’efficacia del vaccino continueranno a essere monitorate man mano che verrà utilizzato in tutta l’Ue, attraverso il sistema di farmacovigilanza dell’Unione e ulteriori studi da parte dell’azienda e delle autorità europee.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
14°
Fair
ThuFriSat
12/4°C
13/0°C
11/0°C

Newsletter


Condividi: