fbpx

I Carabinieri del Ros, catturano il latitante Graziano Mesina

I Carabinieri del Ros, catturano il latitante Graziano Mesina

K metro 0 – Cagliari – E’ stato arrestato Graziano Mesina. Nel corso della notte i carabinieri del Ros, con il supporto in fase esecutiva del Gis, del comando provinciale carabinieri di Nuoro e dello squadrone eliportato cacciatori di Sardegna, hanno tratto in arresto Mesina, latitante dal luglio 2020, destinatario di un provvedimento di esecuzione

Condividi su:

K metro 0 – Cagliari – E’ stato arrestato Graziano Mesina. Nel corso della notte i carabinieri del Ros, con il supporto in fase esecutiva del Gis, del comando provinciale carabinieri di Nuoro e dello squadrone eliportato cacciatori di Sardegna, hanno tratto in arresto Mesina, latitante dal luglio 2020, destinatario di un provvedimento di esecuzione pena a 24 anni di reclusione, emesso dalla procura generale presso la corte di Appello di Cagliari.

Mesina è stato rintracciato in una abitazione di Desulo, centro del nuorese.

L’ARRESTO – “Quando lo abbiamo arrestato ha alzato gli occhi al cielo, sembrava che stesse dicendo ‘E’ finita’. Ma è rimasto in silenzio. Non ha detto una sola parola. Non ha avuto alcuna reazione” dice l’Adnkronos uno dei carabinieri che ha messo le manette a Mesina.

A quanto racconta chi era presente al blitz, Mesina sembrava “sorpreso”. Forse non si aspettava che i carabinieri riuscissero a scoprire il suo covo. Era ospite di due coniugi, anche loro, come apprende l’Adnkronos, rimasti in silenzio dopo l’irruzione del Gis e del Ros. I due, accusati di favoreggiamento, sono stati arrestati. A casa i militari dell’Arma hanno trovato una somma di denaro che è stata sequestrata. La coppia di coniugi

Una indagine “lunga e complessa” quella che ha portato i carabinieri all’arresto di Mesina. Adesso gli investigatori sono alla ricerca di eventuali complicità dietro la sua fuga.

LATITANZA La latitanza di Mesina è durata 17 mesi. L’ex primula rossa del banditismo sardo aveva fatto perdere le sue tracce il 2 luglio del 2020, giorno in cui era arrivata la condanna definitiva per traffico internazionale di droga. Mesina, che dei suoi 79 anni circa 40 li ha trascorsi dietro le sbarre, aveva ottenuto la grazia nel 2004 facendo così rientro nella sua casa di Orgosolo, nel cuore della Barbagia.

Nel 2013 era arrivato però un nuovo arresto: stavolta l’accusa era quella di aver messo in piedi un sodalizio dedito al traffico internazionale di droga: condannato a 30 anni di carcere in primo grado, la pena era stata confermata in Appello nel 2018 e a luglio dello scorso anno confermata dalla Cassazione. Ma quando i carabinieri si sono presentati per notificare la decisione Mesina non si era fatto trovare. Il suo nome era così finito anche nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità con le ricerche che non si sono mai fermate fino al ritrovamento la notte scorsa.

LE EVASIONI – Un ‘maestro’ della fuga. E’ stato anche questo Graziano Mesina. Nella sua vita criminale, infatti, di evasioni, alcune delle quali rocambolesche, l’ex primula rossa del banditismo sardo ne ha totalizzate 22, dieci perfettamente riuscite. “Grazianeddu” finì in carcere la prima volta nel 1956, ad appena 14 anni, con l’accusa di porto abusivo di armi. Dietro le sbarre, però, ci rimase poco, riuscendo ad evadere dopo aver forzato la camera di sicurezza per poi far perdere le sue tracce nascondendosi sulle montagne di Orgosolo (Nuoro). Nel 1962 riuscì ancora a fuggire mentre veniva trasferito dal penitenziario di Sassari. Si liberò dalle manette e nel momento in cui il treno su cui viaggiava giunse nei pressi della stazione di Macomer, si lanciò per poi tentare di dileguarsi, ma stavolta venne preso subito. La terza fuga la tentò lo stesso anno.

“Grazianeddu” era ricoverato nel carcere di Nuoro, da dove in qualche modo riuscì a scavalcare il davanzale di una finestra per poi calarsi attraverso un grosso tubo dell’acqua, all’interno del quale rimase nascosto per tre giorni prima di sparire. Poco tempo dopo ancora un arresto e una nuova evasione. Mesina, infatti, detenuto nel carcere San Sebastiano di Sassari, si calò dal muro di cinta della sua cella e sparì fino al 1968. Nove anni più tardi ancora una fuga. Era rinchiuso nel penitenziario di massima sicurezza di Lecce, quando misteriosamente riuscì a fuggire senza lasciare tracce per un anno. Di nuovo arrestato e imprigionato nel carcere di Porto Azzurro sull’Isola d’Elba, “Grazianeddu” riuscì ancora nell’impresa di darsi alla fuga. Nel 1984, poi, dopo essere stato nuovamente braccato e arrestato, ottenne un permesso di tre giorni per andare a far visita alla madre a Orgosolo.

Un’occasione troppo ghiotta per non essere sfruttata. E infatti Mesina ne approfittò per fuggire a Milano e poi a Vigevano, dopo venne fermato dai carabinieri. Dopo molte altre fughe, soprattutto tentate, l’ex primula rossa del banditismo sardo venne arrestato definitivamente nel 1993, rimanendo dietro le sbarre fino al 2004, anno in cui ottenne la grazia. Nel 2013, però, il nuovo arresto per traffico di droga. Condannato a 30 anni, quando le forze dell’ordine, il 2 luglio del 2020, si presentarono a casa sua per condurlo ancora una volta in prigione, Mesina non si fece trovare. Era sparito di nuovo, l’ennesima fuga della primula rossa sarda durata 17 mesi.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Marzo, mese della Donna! su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: