fbpx

Borse asiatiche altalenanti dopo il crollo tardivo di Wall Street

Borse asiatiche altalenanti dopo il crollo tardivo di Wall Street

K metro 0 – Tokyo – Azioni asiatiche altalenanti il 23 novembre, dopo che i principali indici di Wall Street sono rimasti più bassi. La Borsa di Tokyo era chiusa martedì per una festività, Hong Kong e Seoul sono calate, mentre Shanghai è salita. Gli operatori di mercato sono apparsi però sollevati nell’apprendere che il

Condividi:

K metro 0 – Tokyo – Azioni asiatiche altalenanti il 23 novembre, dopo che i principali indici di Wall Street sono rimasti più bassi. La Borsa di Tokyo era chiusa martedì per una festività, Hong Kong e Seoul sono calate, mentre Shanghai è salita. Gli operatori di mercato sono apparsi però sollevati nell’apprendere che il presidente Joe Biden nominerà Jerome Powell per un secondo mandato quadriennale alla guida della Federal Reserve Bank. Un voto che esprime piena fiducia alla gestione dell’avvocato e banchiere statunitense delle politiche della Banca Centrale durante le brutali interruzioni causate dalla pandemia di coronavirus.

L’Hang Seng di Hong Kong è così sceso dell’1,1% a 24.669,59 e il Kospi di Seul ha perso lo 0,5% a 2.997,33. A Sydney, l’S&P/ASX 200 è salito dello 0,8% a 7.410,60 e l’indice Shanghai Composite ha aggiunto lo 0,2% a 3.588,77. Le azioni sono salite in India ma scese a Taiwan. “Con il Giappone in vacanza martedì, l’azione dei prezzi nei mercati statunitensi si sta riflettendo abbondantemente in Asia. Gli indici ad alto contenuto tecnologico sono in tensione, mentre quelli con pesi più tradizionali di risorse, banche e proprietà stanno tenendo duro”, ha commentato Jeffrey Halley di Oanda.

Gli investitori sono dunque molto attenti alle prossime mosse della Fed per vedere se la pressione dell’aumento dell’inflazione la spingerà a tagliare gli acquisti di obbligazioni e aumentare il tasso di interesse di riferimento. “Powell al secondo mandato è comunque un segnale che Biden sta mantenendo la rotta giusta sulla politica monetaria e la Fed si sta muovendo costantemente verso la normalizzazione della politica”, ha dichiarato Brad McMillan, responsabile degli investimenti per Commonwealth Financial Network. “Nel complesso, la Fed continuerà ad essere una grande forza per la stabilità monetaria”. Tuttavia, una raffica di vendite nel tardo pomeriggio di lunedì ha fatto deragliare il mercato da un altro massimo storico.

Lo S&P 500 è sceso difatti dello 0,3% a 4.682,94. Il Dow Jones ha guadagnato meno dello 0,1% a 35.619,25. Il Nasdaq, che è ricco di società tecnologiche, ha ceduto l’1,3% a 15.854,76. Anche i titoli delle piccole aziende sono scesi. L’indice Russell 2000 è passato dallo 0,5% a 2.331,35. I rendimenti obbligazionari si sono consolidati più in alto su pesanti vendite. Il rendimento del Tesoro a 10 anni è salito all’1,63% dall’1,54% di venerdì.

I rendimenti più alti del Tesoro rendono le aree più costose del mercato, come i titoli tecnologici, meno appetibili, il che può spiegare perché c’è stata più vendita di azioni verso la fine della giornata mentre il mercato obbligazionario si spostava. Con l’aumento dell’inflazione che incombe sulla ripresa dalla pandemia, la Federal Reserve sta iniziando a tagliare gli acquisti di obbligazioni che hanno contribuito a mantenere bassi i tassi di interesse per sostenere l’economia e i mercati. Più del 55% dei titoli dell’S&P 500 sono saliti lunedì, ma le perdite delle grandi aziende tecnologiche e di comunicazione hanno superato i guadagni altrove nell’indice di riferimento. Il chipmaker Nvidia è scivolato del 3,1% e Netflix del 2,9%. Le compagnie energetiche hanno avuto una “botta” quando i prezzi del greggio americano sono saliti dello 0,9%. Negli Stati Uniti i mercati finanziari rimarranno chiusi giovedì per la festa del Ringraziamento.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
Mostly Cloudy
ThuFriSat
14/8°C
14/2°C
12/9°C

Newsletter


Condividi: