fbpx

Parigi restituisce i tesori africani rubati, altri paesi seguiranno l’esempio della Francia?

Parigi restituisce i tesori africani rubati, altri paesi seguiranno l’esempio della Francia?

K metro 0 – Parigi – La restituzione al Benin di 26 opere d’arte saccheggiate dalle truppe coloniali francesi ha alimentato la speranza che altri paesi europei possano seguire presto l’esempio. La Germania e il Belgio hanno difatti avviato processi di restituzione con la Nigeria e la Repubblica Democratica del Congo. Ma il Regno Unito,

Condividi:

K metro 0 – Parigi – La restituzione al Benin di 26 opere d’arte saccheggiate dalle truppe coloniali francesi ha alimentato la speranza che altri paesi europei possano seguire presto l’esempio. La Germania e il Belgio hanno difatti avviato processi di restituzione con la Nigeria e la Repubblica Democratica del Congo. Ma il Regno Unito, il cui British Museum ospita la più grande collezione al mondo di bronzi del Benin, è sordo alle richieste di restituzione.

Un numero crescente di paesi ha preso così provvedimenti per restituire le opere d’arte saccheggiate durante il periodo coloniale dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha promesso di “restituire il patrimonio africano all’Africa” nel corso di una visita in Burkina Faso nel 2017.

Una promessa che ha cominciato a prendere forma martedì scorso, quando la Francia ha firmato un accordo storico che trasferisce la proprietà di 26 opere d’arte beninesi alla Repubblica del paese proprietario delle stesse. E così, il giorno dopo, un’enorme folla entusiasta si è riversata a Cotonou, la più grande città e capitale economica del Benin, per dare il benvenuto ai tesori storici. “Il presidente Macron ha sorpreso tutti con la sua promessa, non ce lo aspettavamo. All’improvviso, la Francia ha iniziato a muoversi”, ha dichiarato a France 24 Marie-Cécile Zinsou, presidente della Fondazione Zinsou Art.

Per la specialista dell’arte africana e figlia dell’ex premier beninese Lionel Zinsou, la spinta alla restituzione delle opere d’arte è innanzitutto “un movimento globale, che sarà difficile evitare d’ora in poi. La Francia ha probabilmente acceso una scintilla”, ha aggiunto. “È una grande questione internazionale ora”, ha dichiarato ad Al Jazeera in ottobre Abba Isa Tijani, il direttore generale della Commissione nazionale per i musei e i monumenti della Nigeria. “Ovunque ci imbattiamo in questi oggetti, sia in collezioni private sia in istituzioni pubbliche, ne rivendicheremo la restituzione”.

La vicina Nigeria si è unita in maniera pro-attiva alla campagna di restituzione, negoziando accordi con musei e istituzioni negli Stati Uniti, Germania, Irlanda e Regno Unito, tra cui il Fowler Museum di Los Angeles, il National Museum of Ireland e l’Ethnologisches Museum di Berlino. Lo Smithsonian Institution’s National Museum of African Art di Washington DC ha dichiarato la settimana scorsa di aver rimosso dalla sua collezione i bronzi del Regno del Benin, un territorio situato nell’attuale Nigeria, che comprendeva l’odierna Lagos.

L’istituzione culturale americana prevede di iniziare un processo di rimpatrio per 16 pezzi identificati come oggetti saccheggiati durante una spedizione britannica nel 1897, e questo senza alcuna richiesta formale da parte della Nigeria. Alla fine di ottobre, anche due università britanniche hanno restituito alla Nigeria oggetti depredati nel Regno del Benin. L’Università di Aberdeen, in Scozia, ha restituito una scultura in bronzo acquistata dall’istituzione nel 1957 e proveniente dallo stesso bottino del 1897.

A Cambridge, il Jesus College ha restituito il 27 ottobre una scultura in bronzo di un gallo che si trovava nella sala dal 1905. La statua era stata donata dal genitore di uno studente che aveva partecipato alla spedizione coloniale. Gli studenti del campus britannico hanno chiesto la sua restituzione per anni, in particolare sulla scia del movimento Black Lives Matter. Il British Museum, che ospita le più grandi collezioni, invece, si oppone decisamente alle restituzioni: con 928 opere d’arte, ospita la più grande collezione al mondo di bronzi dell’ex Regno del Benin – tra circa 73.000 oggetti africani – e non ha intenzione di restituirli. Più comunemente noti come i Bronzi del Benin, le sculture e le placche in avorio, bronzo e ottone non sono solo opere d’arte, testimoniano anche la storia della regione africana. La Nigeria ha chiesto la restituzione lo scorso ottobre, ma i britannici sono d’accordo solo per un prestito.

Secondo lo storico dell’arte britannico John Picton, che ha lavorato sia per il British Museum sia per la commissione del museo statale in Nigeria, la ragione principale per non restituire le opere d’arte è “la mancanza di qualsiasi struttura per ospitare adeguatamente questo materiale”. Ma secondo Marie-Cécile Zinsou, il museo londinese è soprattutto preoccupato di creare un precedente che potrebbe incoraggiare altre richieste.

“Il British Museum si rifiuta di restituire le opere del Benin perché i britannici temono che la Grecia colga l’opportunità di rivendicare i fregi del Partenone”, dice. Il governo greco ha chiesto da tempo la restituzione dei marmi iconici presi da Lord Elgin nel XIX secolo.

La Germania prevede invece restituzioni dal 2022. Seguendo l’esempio della Francia, le autorità tedesche hanno firmato un memorandum d’intesa con la Nigeria a metà ottobre, stabilendo un calendario per la restituzione di circa 1.100 sculture beninesi ora ospitate nei musei tedeschi. I primi rimpatri sono previsti per il secondo trimestre del 2022. In tutto il mondo, “molte persone si sono interrogate sulla provenienza di questi pezzi”, dice Zinsou, “ma ora abbiamo preso provvedimenti”. In tutta la Francia, i musei hanno iniziato a creare posti di lavoro dedicati appositamente allo studio della provenienza delle loro collezioni. È il caso del museo di Quai Branly, così come quello di Angoulême, che ha una grande collezione francese di arte africana e oceanica lasciata in eredità da un medico locale e grande collezionista d’arte nel 1934.

Il Belgio, che ha un passato coloniale travagliato, ha anche intrapreso un lungo processo per identificare e studiare la provenienza di migliaia di oggetti delle sue ex colonie. L’AfricaMuseum del paese (ex Museo Reale dell’Africa Centrale) ospita circa 85.000 oggetti dell’ex Congo belga (attuale Repubblica Democratica del Congo). Grazie ai programmi scientifici avviati dal museo, e con l’aiuto degli archivi nazionali, sono stati esaminati circa 35.000-40.000 oggetti, circa la metà della collezione congolese del museo. Tra 1.500 e 2.000 opere d’arte sono già state classificate come guadagni illeciti e quindi ammissibili alla restituzione. Il processo fa parte di un programma più ampio presentato a luglio dal segretario di stato belga per la politica scientifica, Thomas Dermine, che chiesto la restituzione di “tutto ciò che è stato acquisito con la forza e la violenza in condizioni illegittime”. “Gli oggetti che sono stati acquisiti illegittimamente dai nostri nonni e bisnonni non ci appartengono. Appartengono al popolo congolese”, ha concluso.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
14°
Partly Cloudy
ThuFriSat
12/4°C
13/0°C
11/0°C

Newsletter


Condividi: