fbpx

Detenuto evaso dall’ospedale: Di Giacomo: carenza di personale penitenziario

Detenuto evaso dall’ospedale: Di Giacomo: carenza di personale penitenziario

K metro 0 – Roma – “L’ennesima evasione di un detenuto dopo il ricovero all’ospedale Pertini di Roma, ripreso grazie al pronto intervento della Polizia di Stato, è l’ennesimo campanello d’allarme su come è facile evadere dalla detenzione potendo approfittare soprattutto della carenza di personale penitenziario di sorveglianza”. È il commento del segretario generale del

Condividi su:

K metro 0 – Roma – “L’ennesima evasione di un detenuto dopo il ricovero all’ospedale Pertini di Roma, ripreso grazie al pronto intervento della Polizia di Stato, è l’ennesimo campanello d’allarme su come è facile evadere dalla detenzione potendo approfittare soprattutto della carenza di personale penitenziario di sorveglianza”. È il commento del segretario generale del S.PP. Aldo Di Giacomo che aggiunge: “mentre il sindacato accentua la mobilitazione sui problemi sempre più gravi del sistema penitenziario, le carceri sono diventati alberghi dove non solo è consentito soggiornare quanto più comodamente possibile, con il cellulare per parlare con l’esterno e magari con il vitto per i boss da ristorante gourmet, ma uscire con facilità. Il sistema escogitato come abbiamo denunciato da tempo concentrando l’attenzione proprio sull’ospedale Pertini è quello di far ricorso ad una struttura ospedaliera esterna in modo da rendere più semplice la fuga con il personale di guardia che non riesce, per carenza di uomini e soprattutto di mezzi e strumenti, ad assicurare la vigilanza”.

In questo caso specifico – continua Di Giacomo – è il sistema di assistenza sanitario all’interno dei nostri penitenziari, fortemente inadeguato a dare risposte efficaci ad una popolazione carceraria che registra un incremento di patologie pregresse e che vede un numero elevato di tossicodipendenti, malati psichici, cronici, a fornire l’alibi perfetto per uscire dalle celle ed essere curati fuori.

Sono questi – dice il segretario S.PP. – i problemi veri del sistema penitenziario che vanno affrontati senza spostare l’attenzione dell’opinione pubblica, sul personale mettendolo alla gogna perché paghi per tutti i veri responsabili.

Leggi anche:

Pensioni, Inps: ecco l’alternativa a quota 41 e quota 100

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Marzo, mese della Donna! su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: