fbpx

Ucraina, si riaccende il conflitto con i separatisti, 4 soldati uccisi

Ucraina, si riaccende il conflitto con i separatisti, 4 soldati uccisi

K metro 0 – Kiev – Quattro soldati ucraini sono stati uccisi in tre giorni dai separatisti filorussi nell’est del paese. Si riaccendono così i combattimenti nella guerra in corso da anni. L’esercito ucraino lotta difatti in due regioni secessioniste che confinano con la Russia dal 2014, da quando Mosca ha annesso la penisola di

Condividi:

K metro 0 – Kiev – Quattro soldati ucraini sono stati uccisi in tre giorni dai separatisti filorussi nell’est del paese. Si riaccendono così i combattimenti nella guerra in corso da anni. L’esercito ucraino lotta difatti in due regioni secessioniste che confinano con la Russia dal 2014, da quando Mosca ha annesso la penisola di Crimea dall’Ucraina.

L’esercito di Kiev ha annunciato su Facebook martedì che i separatisti avevano preso di mira le posizioni militari ucraine lungo le linee del fronte con mortai, lanciagranate e mitragliatrici. “Come risultato del fuoco nemico, un militare è stato ucciso”, ha dichiarato un loro comunicato.

La situazione è dunque sempre più tesa sulla linea del fronte. Vicino al villaggio governativo di Verkhnyotoretske, lunedì, l’agenzia di stampa AFP ha confermato lo scambio di fuoco da entrambe le parti. Altri tre soldati ucraini sono stati uccisi a seguito di combattimenti durante il fine settimana. Uno di loro, Artur Golub, stava guidando un veicolo e “consegnando cibo” ai suoi colleghi quando è stato ucciso da due razzi anticarro, ha riferito un collega soldato all’AFP. “Non aveva alcuna possibilità di sopravvivere”, ha aggiunto il milite, che ha dato solo il suo nome di battesimo, Oleksandr. Yuriy, un altro militare, ha precisato che i separatisti hanno spesso “aperto il fuoco”.

L’AFP riferisce così di un attacco di mitragliatrice dei separatisti avvenuto lunedì, con la parte ucraina che ha risposto e si è riparata in un rifugio. L’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), che sta monitorando con attenzione il conflitto, ha dichiarato nel suo ultimo rapporto lunedì che ci sono state più di 400 violazioni del cessate il fuoco durante il fine settimana. E questo rispetto alle 210 violazioni del fine settimana precedente in entrambe le regioni secessioniste di Donetsk e Lugansk.

Un periodo di relativa calma nel conflitto è finito pertanto all’inizio di quest’anno, quando la Russia ha ammassato decine di migliaia di truppe al confine dell’Ucraina e i combattimenti tra i separatisti e l’esercito ucraino si sono intensificati. Secondo un conteggio ufficiale AFP, almeno 54 truppe ucraine sono state uccise dall’inizio del 2021, rispetto ai 50 del 2020. I separatisti affermano di aver perso più di 30 combattenti dall’inizio dell’anno, e la Russia ha sempre sostenuto che il suo sostegno alle regioni separatiste è puramente politico; tuttavia, Kiev e i suoi alleati occidentali hanno accusato Mosca di inviare loro truppe e armi. La guerra ha lasciato finora più di 13.000 morti.

Intanto la Russia rivendica oltre 4.000 monumenti in Crimea e rimuove i manufatti Unesco; mentre lo stato dei diritti umani nella Crimea occupata dalla Russia e nella città di Sebastopoli si deteriora sempre più, i siti del patrimonio mondiale dell’Unesco e altri siti culturali subiscono saccheggi barbari da parte della potenza occupante.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
Partly Cloudy
WedThuFri
15/11°C
14/8°C
14/2°C

Newsletter


Condividi: