fbpx

Francia: Il nuovo protocollo sanitario anticovid è in vigore dal 1 settembre

Francia: Il nuovo protocollo sanitario anticovid è in vigore dal 1 settembre

K metro 0 – Parigi Fine della crisi? Visitando un centro di vaccinazione mobile a Illkirch-Graffenstaden (Bas-Rhin), Jean Castex, Primo ministro della Francia, ha dichiarato martedì 31 agosto che la Francia “è sulla strada giusta per un ritorno alla “vita normale“. E questo percorso inizia mercoledì 1 settembre con l’entrata in vigore di nuove norme

Condividi:

K metro 0Parigi Fine della crisi? Visitando un centro di vaccinazione mobile a Illkirch-Graffenstaden (Bas-Rhin), Jean Castex, Primo ministro della Francia, ha dichiarato martedì 31 agosto che la Francia “è sulla strada giusta per un ritorno alla “vita normale“. E questo percorso inizia mercoledì 1 settembre con l’entrata in vigore di nuove norme legate alla pandemia del Covid-19, come l’evoluzione del telelavoro o l’estensione del fondo di solidarietà per sostenere le aziende in difficoltà, ma a certe condizioni.

Altri cambiamenti sono previsti, con tutta probabilità il nuovo aumento del prezzo del gas, l’abbonamento a Netflix o i pacchetti di alcune marche di sigarette.

Da mercoledì 1 settembre, dunque, cambiano le regole applicabili nelle aziende, in conformità con il nuovo protocollo sanitario pubblicato dal Ministero del Lavoro, che copre una vasta gamma di questioni, tra cui l’uso delle mascherine, la ventilazione sul posto di lavoro, la vaccinazione e lo screening , e il telelavoro. Vediamo quelle principali.

Innanzi tutto, il governo non prevede più un “numero minimo di giorni” di lavoro a distanza, ha annunciato lunedì il ministro del Lavoro, Elisabeth Borne. I datori di lavoro possono quindi chiedere ai loro dipendenti di tornare al 100% al lavoro in presenza. Tuttavia, lo smart working rimane possibile. Spetta ai datori di lavoro, però, stabilire “nel quadro del dialogo sociale locale, le condizioni di ricorso a questa modalità”, sempre secondo il protocollo sanitario. Da notare che i dipendenti pubblici possono lavorare da casa un massimo di tre giorni alla settimana, secondo un accordo quadro firmato a metà luglio dalle nove organizzazioni sindacali, dai datori di lavoro pubblici e dal governo.

Indossare la mascherina rimane la regola principale da rispettare. Così, la mascherina generica o chirurgica deve essere indossata “sistematicamente” in “luoghi pubblici chiusi”. Tuttavia, il nuovo protocollo sanitario prevede alcune eccezioni. I dipendenti che lavorano in un ufficio non devono indossare una maschera quando sono soli nel loro ufficio. Anche i dipendenti che lavorano negli uffici non sono obbligati a indossarle “purché le condizioni di ventilazione funzionale siano conformi alla normativa”, il numero di persone presenti nell’area di lavoro “sia limitato”, si rispettino almeno due metri di distanza fisica e si indossi una visiera. Quando si lavora all’aperto, le maschere sono necessarie solo in caso di raggruppamenti o quando è impossibile mantenere il distanziamento fisico. Infine, per i dipendenti che lavorano in luoghi soggetti al green pass sanitario, l’uso della maschera non è più obbligatorio, salvo per decisione del prefetto “quando è giustificato dalle circostanze locali”, del gestore o dell’organizzatore.

Le aziende possono poi partecipare alle campagne di screening organizzate dalle autorità sanitarie o avviare le proprie campagne di test rapidi tra i dipendenti volontari. Quest’ultima deve essere finanziata dal datore di lavoro e realizzata nel rispetto del segreto medico. Di conseguenza, “nessun risultato può essere comunicato al datore di lavoro o ai suoi dipendenti”, afferma il protocollo. “I dipendenti e i datori di lavoro sono poi incoraggiati ad essere vaccinati”, spiega sempre il protocollo. La vaccinazione può essere effettuata dai servizi di medicina del lavoro.

Inoltre, in conformità con la legge sanitaria, il protocollo ricorda che la vaccinazione diventa obbligatoria per alcune professioni. Tuttavia, è stato introdotto un “periodo di transizione”: fino al 14 settembre compreso, i professionisti interessati possono continuare la loro attività se non sono stati vaccinati, a condizione di presentare “il risultato negativo di un test virologico risalente a meno di 72 ore prima“. Tra il 15 settembre e il 15 ottobre compresi, solo i dipendenti che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino potranno continuare a lavorare se presentano un test recente negativo. Dopo questo periodo, tutti i professionisti interessati dovranno aver ricevuto un programma di vaccinazione completo, o rischieranno di essere sospesi. E i datori di lavoro sono responsabili del controllo dell’obbligo di vaccinazione. Dal 30 agosto, i professionisti che lavorano negli uffici in cui è richiesto il pass sanitario devono anche essere in grado di presentare questo documento. Tuttavia, l’obbligo non si applica ai lavoratori che “intervengono fuori dagli spazi accessibili al pubblico o al di fuori degli orari di apertura al pubblico”. Né il certificato verde è richiesto “in caso di interventi urgenti” o “per attività di consegna”. Nelle aziende interessate, la mancata presentazione del green pass comporterà delle sanzioni. I datori di lavoro possono inoltre sospendere i dipendenti con contratto a tempo determinato o indeterminato senza retribuzione. Il dipendente può comunque prendere delle ferie o dei permessi se il datore di lavoro è d’accordo; è previsto tuttavia un colloquio alla fine del terzo giorno successivo alla sospensione per esaminare i modi per “regolarizzare la situazione” del dipendente, “per esempio, proponendogli di essere assegnato ad un altro posto o di lavorare a distanza, se possibile”, precisa il protocollo.

È ancora possibile organizzare, infine, una festa d’addio o qualsiasi altro “momento di convivialità” tra colleghi. Tuttavia, questi eventi devono “essere organizzati nel rigoroso rispetto delle misure di barriera, in particolare l’uso di mascherine, misure di ventilazione e regole di distanziamento”, avverte il protocollo sanitario. È anche “fortemente raccomandato” che questi eventi siano tenuti all’aperto.

Leggi anche:

Ilo, rapporto: “4 miliardi di persone senza protezione sociale”

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
Rain Shower
MonTueWed
9/1°C
11/4°C
14/11°C

Newsletter


Condividi: