La Francia approva la legge sul separatismo, critiche dei parlamentari di sinistra e di destra

La Francia approva la legge sul separatismo, critiche dei parlamentari di sinistra e di destra

K metro 0 – Parigi – L’Assemblea nazionale francese ha approvato oggi un controverso progetto di legge “anti-separatismo” nonostante le forti critiche dei parlamentari di sinistra e di destra. Il governo ha sostenuto difatti che la legislazione era necessaria per rafforzare il sistema laico della Francia, ma i critici sostengono invece che viola la libertà

Condividi:

K metro 0 – Parigi – L’Assemblea nazionale francese ha approvato oggi un controverso progetto di legge “anti-separatismo” nonostante le forti critiche dei parlamentari di sinistra e di destra. Il governo ha sostenuto difatti che la legislazione era necessaria per rafforzare il sistema laico della Francia, ma i critici sostengono invece che viola la libertà religiosa.

Dopo un acrimonioso dibattito durato sette mesi – con il testo che andava avanti e indietro tra la Camera bassa della Francia, l’Assemblea nazionale, e il Senato – la legge anti-separatista è stata così approvata con 49 voti contro 19, cinque le astensioni. In un discorso infuocato, il leader dell’estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon ha inveito contro la “legge antirepubblicana”, che ha dichiarato essere “anti-musulmana”. I principali partiti dell’opposizione francese, tra cui i socialisti (PS) e il centro-destra Les Républicains, insieme al Partito Comunista Francese, hanno votato contro la legge per motivi diversi. Solo tre partiti dell’Assemblea nazionale – il partito al potere La République en marche (LREM) e i suoi due alleati – hanno votato a favore.

Il National Rally di estrema destra, guidato da Marine Le Pen, si è invece astenuto. Presentato dal ministro dell’Interno francese Gérald Darmanin, il progetto di legge contiene una serie di misure sulla neutralità della funzione pubblica, la lotta contro l’odio online, e la protezione dei dipendenti pubblici come gli insegnanti.

Il progetto di legge è stato discusso in un’atmosfera di tensione in Francia dopo tre attacchi alla fine dell’anno scorso da parte di estremisti, tra cui la decapitazione in ottobre dell’insegnante Samuel Paty, che nel corso di una lezione di educazione civica aveva mostrato ai suoi alunni vignette del profeta Maometto. La Francia, sede della più grande comunità musulmana d’Europa, è ancora scossa difatti dalla successione di massacri commessi da militanti islamisti a partire dal gennaio 2015 che hanno causato centinaia di morti.

Un inviato degli Stati Uniti per la libertà religiosa nel 2020 ha criticato la legge come “pesante” e ha scatenato una copertura insolitamente critica nei media di lingua inglese, spingendo anche il presidente francese Emmanuel Macron a scrivere personalmente al Financial Times per difenderla. Gli analisti hanno detto che Macron, che è salito al potere nel 2017 come un riformatore centrista, ha notevolmente virato a destra negli ultimi mesi, mentre sente che la sua battaglia per la rielezione presidenziale del 2022 si ridurrà a un duello di ballottaggio con l’estrema destra di Le Pen.

Leggi anche:

Cina: giornalisti dell’AP entrano nel grande campo di prigionia degli uiguri

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
30°
Fair
WedThuFri
28/17°C
29/17°C
27/16°C

Newsletter


Condividi: