fbpx

Al Festival di Cannes, torna a vincere il cinema italiano

Al Festival di Cannes, torna a vincere il cinema italiano

K metro 0 – Cannes – Il trionfo del calcio europeo in Italia domenica è stato celebrato a gran voce sulla Costa Azzurra italofila, dove il festival più importante del mondo è stato benedetto da uno stuolo di film dalla penisola, segnando una rinascita del cinema italiano. I registi italiani hanno una lunga e leggendaria

Condividi su:

K metro 0 – Cannes – Il trionfo del calcio europeo in Italia domenica è stato celebrato a gran voce sulla Costa Azzurra italofila, dove il festival più importante del mondo è stato benedetto da uno stuolo di film dalla penisola, segnando una rinascita del cinema italiano.

I registi italiani hanno una lunga e leggendaria storia al più importante festival cinematografico del mondo, dove seguono solo i francesi e gli americani nel numero di vittorie della Palma d’Oro. L’Italia ha vinto l’ultima volta l’ambito premio 20 anni fa, ma è ancora una presenza onnipresente, dentro e fuori dallo schermo.

Tra i precedenti vincitori della Palma d’oro c’è Nanni Moretti, che è stato un appuntamento fisso del festival cinematografico più prestigioso del mondo sin dalla sua prima partecipazione in concorso, “Ecce Bombo”, nel 1978. Ha vinto il premio come miglior regista nel 1994 per “Caro diario” e il più grande premio del cinema sette anni dopo per “The Son’s Room”.

Moretti a Cannes”, ha presentato regolarmente il suo ultimo film al Palais des Festivals, il suo ottavo film in concorso. Adattato da un libro dell’autore israeliano Eshkol Nevo, sulle vite in un elegante condominio di Tel Aviv, “Tre piani” porta la storia in Italia e vede protagonisti Margherita Buy, Alba Rohrwacher, Riccardo Scamarcio e Moretti come residenti di un condominio romano le cui vite sono capovolte da eventi a cascata.

La ‘linea ribelle’ del cinema italiano

Moretti è l’unico italiano nella competizione principale di quest’anno, gli altri segmenti di Cannes sono pieni di film del Boot.

Marco Bellocchio, un altro autore veterano e beniamino di Cannes, presenterà il suo documentario personale “Marx Can Wait” in una proiezione speciale alla fine di questa settimana. Sarà onorato con una Palma d’oro onoraria, due anni dopo aver fatto una settima apparizione in competizione con “Il traditore”.

L’esordiente Laura Samani è nella selezione parallela della Settimana della Critica con la favola “Small Body”, mentre la Quinzaine des Réalisateurs ha quattro voci italiane. Tra questi “Futura”, un ritratto dell’Italia osservata attraverso gli occhi degli adolescenti, co-diretto da Alice Rohrbacher (di “Happy as Lazzaro”). Torna anche Jonas Carpignano con “A Chiara”, ultimo capitolo di una trilogia a tema migranti ambientata nel sud Italia, iniziata con “Mediterranea” .

Come il cinema francese, che quest’anno ha anche un ruolo di primo piano, l’industria cinematografica italiana ha continuato ad andare avanti per gran parte della pandemia. Ora è pronto per una massiccia iniezione di denaro nell’ambito del fondo di recupero dalla pandemia dell’Unione europea, che finanzierà una ristrutturazione degli studi cinematografici di Cinecittà di Roma, ancora i più grandi d’Europa.

L’investimento tanto necessario arriva mentre il cinema italiano sta godendo di un’esplosione di creatività, guidata da una nuova generazione di registi desiderosi di abbracciare argomenti e generi diversi. Tra questi c’è il regista italo-iracheno,Haider Rashid, il cui dramma sui migranti “Europa”, ambientato al confine turco-bulgaro, sarà proiettato questa settimana alla Quinzaine des Réalisateurs.

Il cinema italiano ha una storia immensa, è stato a lungo un trend setter nel linguaggio cinematografico”, ha detto Rashid. “A volte ci dimentichiamo che i grandi autori del passato, come Rossellini o De Sica, hanno avuto una vena ribelle. Bisogna riscoprirlo”.

Ciò significa continuare a introdurre una maggiore diversità nel cinema italiano, ha aggiunto Rashid, e trarre ispirazione dal cinema francese. “La demografia del paese sta cambiando molto rapidamente e dobbiamo vedere più diversità anche nel cinema”.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Marzo, mese della Donna! su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: