fbpx

Festival di Cannes: Sogno diventa realtà – Il film del Bangladesh “Rehana Maryam Noor”

Festival di Cannes: Sogno diventa realtà – Il film del Bangladesh “Rehana Maryam Noor”

K metro 0 – Parigi – Il film del Bangladesh “Rehana Maryam Noor” è stato proiettato 7 luglio al festival cinematografico internazionale di Cannes. FRANCE 24 ha intervistato lo sceneggiatore e regista Abdullah Mohammad Saad del dramma psicologico e della sua esperienza di pioniere in Costa Azzurra. Naturalmente, il festival cinematografico più prestigioso del mondo

Condividi su:

K metro 0 – Parigi – Il film del Bangladesh “Rehana Maryam Noor” è stato proiettato 7 luglio al festival cinematografico internazionale di Cannes. FRANCE 24 ha intervistato lo sceneggiatore e regista Abdullah Mohammad Saad del dramma psicologico e della sua esperienza di pioniere in Costa Azzurra.

Naturalmente, il festival cinematografico più prestigioso del mondo è molto importante per le nuove star del cinema. È una delle grandi meraviglie di Cannes che i giovani registi di talento di tutto il mondo possano stare fianco a fianco con i più grandi nomi del cinema, in condizioni di parità.

Lo sceneggiatore e regista 36enne Abdullah Mohammad Saad, il cui lungometraggio “Rehana Maryam Noor” è stato proiettato mercoledì nella sezione Un Certain Regard, diventando il primo film del Bangladesh a far parte della line-up ufficiale del festival.

Rehana” è il secondo lungometraggio di Saad dopo il suo “Live from Dhaka” del 2016 che ha vinto il premio come miglior regista al Singapore International Film Festival ed è apparso in diversi festival europei. Come il suo film d’esordio, è un pezzo incentrato sui personaggi, alimentato da una performance straordinariamente intensa dell’attrice e modella Azmeri Haque Badhon.

Badhon interpreta il personaggio del titolo Rehana, una severa e inflessibile assistente professore in una scuola di medicina che lotta per bilanciare il suo lavoro con le esigenze di genitori single e prendersi cura di una madre malata e di un fratello senza speranza. L’equilibrio precario va presto fuori controllo quando si imbatte in uno dei suoi studenti in lacrime e decide di perseguire caparbiamente il professore maschio che apparentemente l’ha aggredita.

Il film mina il territorio familiare delle donne resilienti e ostinate che combattono l’ingiustizia in un ambiente profondamente sessista. Ma la sua protagonista, moralmente complessa, non è un campione facile per la causa femminista. Rehana è incorruttibile e tuttavia pronta a mentire – e ferire coloro che ha di più caro – nella sua ossessiva ricerca di punizione. La sua situazione è enfatizzata dalle scelte stilistiche audaci di Saad, dall’illuminazione dura alla telecamera portatile che la segue in ogni suo passo.

FRANCE 24 : Intervista con lo sceneggiatore e regista 36enne del suo film Bangladesh.

Come ci si sente a far parte della selezione ufficiale di Cannes? E come è stata accolta la notizia a casa?

È una grande ispirazione e un grande onore essere qui. Fare un film richiede molto sacrificio, devozione, tempo ed energia, quindi quando succede qualcosa del genere ti ispira davvero a continuare.

La gente a casa era sopraffatta. È stato un traguardo più per loro che per me. Quest’anno è il 50° anniversario dell’indipendenza del Bangladesh, quindi ha portato più gioia alle persone e anche fiducia nel continuare a fare film.

Quanto è stato difficile per un regista indipendente come te finanziare questo film?

Ovviamente abbiamo più sfide in Bangladesh se si confronta con le industrie cinematografiche più sofisticate, ma in realtà il finanziamento non è stato una tale lotta. Mi piace lavorare con i miei amici, come

ho fatto nel mio film precedente. E sono stato fortunato ad avere il mio produttore, Jeremy Chua, che ha anche aiutato molto con la scrittura.

La mia attrice protagonista ha messo cuore e anima nel film; tutto ciò di cui avevamo bisogno ci ha dato. Il mio direttore della fotografia è andato in palestra per più di un anno, perché gli ho detto che avrebbe dovuto essere molto in forma per fare questa produzione, a causa delle lunghe riprese e della telecamera a mano. Questi sono solo alcuni esempi di come il team mi ha aiutato a realizzare questo film.

Il tuo film è un’affascinante esplorazione del personaggio; dove è nata la ricerca?

Sono cresciuto con tre sorelle maggiori. Sono persone molto audaci, belle, dinamiche e intelligenti. Hanno sempre dominato la nostra famiglia e hanno una grande influenza su di me. Le ho viste da vicino, da figlie a sorelle e poi madri e professioniste. L’ho sempre trovato molto affascinante. Tutto il progetto è partito da questa immagine che avevo di una donna testarda. Volevo vedere di che pasta è fatta e quanto potevo spingere e scoprire che tipo di persona fosse.

Rehana non è un ovvio campione per il movimento MeToo. È stato importante per te creare un personaggio complesso e moralmente ambivalente?

Il mio film è un’indagine sulla natura umana. Non l’ho scritto da un punto di vista politico. Ovviamente c’è un aspetto molto politico in questo film. Ma non mi vedo come un regista politico. Sono molto guidato dal carattere. Quello che mi interessa è sempre questo personaggio e quanto sia complessa. Non ho cercato di ritrarla come un’eroina o una paladina di un movimento, ma più come una persona e come si muove in questo mondo contemporaneo.

C’è qualcosa di specifico nell’esperienza del tuo paese che volevi trasmettere?

Ovviamente non posso scrivere al di fuori della mia esperienza personale, quindi quello che ho ritratto l’ho in qualche modo vissuto o osservato nel mio paese. Ma volevo assolutamente che tutti potessero relazionarsi con lei, non solo dal punto di vista del mio paese. Quando un amico ha detto che potrebbe accadere ovunque, in Francia o altrove in Europa, ho pensato che forse avevo toccato quel nervo scoperto o quel punto in cui sembrava che la storia potesse essere ovunque.

Hai menzionato la dedizione della tua attrice protagonista. Quanto è stata coinvolta nella formazione del personaggio?

Quando l’ho incontrata per la prima volta e ho discusso del personaggio, non avevo l’intera sceneggiatura. Abbiamo iniziato a provare e abbiamo continuato a parlare del suo personaggio. Ho osservato lei e il suo rapporto con Emu [sua figlia nel film, interpretata da una deliziosa Afia Jahin Jaima]. Ho cercato di creare un’atmosfera in cui potessero sentirsi al sicuro l’uno con l’altro e interagire.

Sicuramente le nostre discussioni con Bathoum hanno avuto un grande impatto sulla mia bozza finale. Ovviamente è anche perché è una madre single. Ha anche una figlia di nove anni e ho visto come interagiscono. Ha provato per nove mesi per questo personaggio e ha messo tutto il resto da parte. Finanziariamente, non abbiamo potuto compensarla abbastanza! Ma lei sentiva davvero di volerlo fare e si è portata l’intero film sulle spalle.

Speri che i riflettori di Cannes susciteranno più interesse per i film del Bangladesh?

Personalmente non voglio troppe attenzioni; Mi piace rimanere il più invisibile possibile. Non mi sento molto a mio agio sotto i riflettori. Ma ovviamente questo risultato aiuterà molto il nostro settore. Soprattutto, ispirerà davvero i nostri registi indipendenti. Ho ricevuto molte risposte positive da persone che ora credono davvero che i nostri film possano essere a Cannes, che fino ad ora era un sogno. Penso che sia uno dei più grandi successi del nostro film, avere quel tipo di eredità per i miei colleghi registi.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Marzo, mese della Donna! su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: