Londra: ombre sul governo per un appalto assegnato senza gara

Londra: ombre sul governo per un appalto assegnato senza gara

K metro 0 – Londra – Un’altra tegola stava per cadere sulla testa di Dominic Cummings, il falco della Brexit, l’architetto della campagna per il “Leave” (il “sì” alla fuoriuscita della Gran Bretagna dall’UE) consigliere capo del premier Boris Johnson, costretto alle dimissioni, lo scorso novembre, per contasti con Carrie Symonds, allora fidanzata di BoJo,

Condividi:

K metro 0 – Londra – Un’altra tegola stava per cadere sulla testa di Dominic Cummings, il falco della Brexit, l’architetto della campagna per il “Leave” (il “sì” alla fuoriuscita della Gran Bretagna dall’UE) consigliere capo del premier Boris Johnson, costretto alle dimissioni, lo scorso novembre, per contasti con Carrie Symonds, allora fidanzata di BoJo, oggi sua moglie.

Insieme a Michael Gove, candidato alla leadership dei conservatori (che aveva ammesso di aver fatto uso di cocaina in passato) e oggi ministro dell’Ufficio di Gabinetto, Cummings è rimasto coinvolto in un affaire poco chiaro.

L’Alta Corte di giustizia britannica (un tribunale di primo grado nonostante il nome altisonante) ha stabilito che il governo ha agito illegalmente quando, il 5 giugno del 2020, ha assegnato un contratto da 560.000 sterline a un’azienda gestita da ex colleghi di Michael Gove e di Dominic Cummings.

Mr. Gove, ha negato qualsiasi favoritismo nei confronti dell’agenzia di ricerche di mercato Public First, ingaggiata per valutare la comprensione pubblica dell’emergenza coronavirus. Ma la giudice Finola O’Farrell ha affermato che il fatto di non aver preso in considerazione altre aziende potrebbe esser visto come una manifestazione di parzialità.

Tutto è nato da un’iniziativa del gruppo di attivisti Good Law Project che ha deciso di avviare un’azione legale contro il governo per la decisione di appaltare la ricerca alla società, una decisione presa dopo l’inizio della pandemia nel marzo dello scorso anno.

Gli attivisti hanno intrapreso un’azione legale contro Mr. Gove per la decisione del Cabinet Office di utilizzare Public First. Ma hanno avanzato anche il sospetto su un coinvolgimento di Cummings, che ha lavorato a Downing Street fino a quando non ha lasciato la carica di consigliere capo del primo ministro lo scorso autunno.

Gli avvocati del Good Law Project hanno affermato che Cummings voleva che il lavoro di focus group e servizi di supporto alle comunicazioni fosse affidato a Public First, i cui soci fondatori erano Rachel Wolf e James Frayne.

Nel 2011, Frayne è diventato direttore delle comunicazioni presso il Dipartimento dell’Istruzione, dove ha lavorato a fianco di Cummings, consigliere speciale di Mr. Gove, allora segretario all’istruzione.

La signora Wolf ha lavorato in precedenza come consigliere di Gove e Cummings ed è stata co-autrice del manifesto elettorale dei conservatori per le elezioni politiche del 2019.

Nel pronunciare la sua sentenza, la giudice O’Farrell ha dichiarato: “La mancata considerazione, da parte dell’imputato, di qualsiasi altra agenzia di ricerca, con riferimento all’esperienza, competenza, disponibilità o capacità, porterebbe un osservatore imparziale e informato a concludere che esisteva una possibilità reale, o un pericolo reale, che il decisore era di parte”. Ma ha anche affermato: “Un osservatore imparziale e informato avrebbe tenuto conto dell’urgente necessità di (…) comunicazioni efficaci in risposta alla crisi del Covid-19 e del fatto che quei servizi di ricerca erano necessari immediatamente”.

Per la sua esperienza e competenza, Mr. Cummings si era ritrovato, secondo la giudice O’Farrell, in una posizione unica per comprendere rapidamente quale organizzazione avrebbe potuto soddisfare al meglio tali requisiti urgenti

Nella sua testimonianza, Cummings ha dichiarato alla corte che “il paese stava affrontando un’emergenza nazionale senza precedenti. Erano in gioco migliaia di vite, centinaia di miliardi di sterline”.

“Il denaro extra speso per raddoppiare i focus group e i sondaggi era essenzialmente irrilevante in quelle circostanze”.

Ma il direttore del Good Law Project, Jo Maugham, ha dichiarato: “Questo non è un governo per il bene pubblico, è un governo per il bene degli amici del Partito Conservatore”. La vicesegretaria del Partito laburista, Angela Rayner, ha accusato il governo di agire “in modo immorale e non etico”.

“Nel mezzo di una pandemia mortale, quelli che stavano al governo non solo hanno distribuito i soldi dei contribuenti ai loro amici e colleghi, ma hanno sprecato ancora di più cercando di nasconderlo”, ha aggiunto.

Tuttavia, un portavoce di Public First ha affermato che la società era “profondamente orgogliosa del lavoro svolto nelle prime fasi della pandemia, che ha contribuito a salvare vite umane”.

E ha aggiunto: “Il giudice ha respinto la maggior parte delle affermazioni del Good Law Project, non trovando effettivi pregiudizi nell’assegnazione di questo lavoro” né alcun problema con i tempi o i costi dell’incarico.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: