Il Regno Unito, ricrea un suo mini mercato comune con Norvegia, Islanda e Lichtenstein

Il Regno Unito, ricrea un suo mini mercato comune con Norvegia, Islanda e Lichtenstein

K metro 0 – Copenhagen – Da Gulliver a Lilliput. Dopo la Brexit, l’uscita dalla grande unione europea, il Regno Unito ricrea un suo spazio economico con tre piccoli paesi (Norvegia, Islanda e Lichtenstein) che insieme arrivano a meno di 6 milioni di abitanti (5.786.000 per l’esattezza, con la Norvegia che fa la parte de

Condividi:

K metro 0 – Copenhagen – Da Gulliver a Lilliput. Dopo la Brexit, l’uscita dalla grande unione europea, il Regno Unito ricrea un suo spazio economico con tre piccoli paesi (Norvegia, Islanda e Lichtenstein) che insieme arrivano a meno di 6 milioni di abitanti (5.786.000 per l’esattezza, con la Norvegia che fa la parte de leone: 5.392.000 abitanti).

Un accordo commerciale con tre nazioni europee non UE, raggiunto venerdì, che la premier norvegese Erna Solberg ha definito “ampio ed ambizioso”

La Gran Bretagna è il più grande partner commerciale della Norvegia al di fuori dell’Unione europea.

Trattative fra Gran Bretagna e Norvegia sono in corso dal 2020. I negoziatori hanno dovuto affrontare questioni spinose tra cui l’importazione in Norvegia di prodotti agricoli come carne e formaggio e le esportazioni di pesce in Gran Bretagna.

L’appartenenza dei tre piccoli paesi all’EFTA (European Free Trade Association) un mercato comune creato nel 1960 fra paesi non aderenti alla CEE (Inghilterra, Danimarca, Svezia, Norvegia, Svizzera, Portogallo e nel 1970 anche l’Islanda) garantisce loro l’accesso al vasto mercato comune dell’UE e la maggior parte delle merci è esente da dazi. Tuttavia, il commercio senza ostacoli attraverso il Mare del Nord è terminato quando la Gran Bretagna ha abbandonato le regole economiche dell’UE alla fine del 2020.

Secondo stime preliminari della ministra del Commercio internazionale britannica Liz Truss, l’accordo prevede un volume di scambi pari a più di 26 miliardi di sterline (30,5 miliardi di dollari) nel 2020. Erna Solberg ha calcolato che le esportazioni della Norvegia in Gran Bretagna valgono quasi 200 miliardi di corone (24 miliardi di dollari).

La Gran Bretagna sostiene che gli agricoltori britannici beneficeranno di tariffe più basse e di un maggiore accesso duty-free per prodotti come formaggio, maiale e pollame. E ha inoltre sottolineato che la riduzione dei dazi all’importazione su gamberetti, gamberi ed eglefino (pesce asinello) contribuirà a tagliare i costi per la lavorazione del pesce nel Regno Unito. Ovvero i costi del trattamento e impacchettamento dei prodotti: processi che normalmente avvengono in Scozia, East Yorkshire e Lincolnshire. E ciò favorirà la creazione di 18.000 posti di lavoro in queste regioni.

L’accordo, tuttavia, non è privo di ostacoli poiché la Gran Bretagna aveva un commercio completamente libero con i tre paesi firmatari quando faceva parte dell’UE.

Secondo la premier norvegese, rimangono almeno due problemi. “Uno è che (l’accordo) non è dinamico. Ciò significa che quando le regole vengono cambiate, non vengono seguite ovunque”.

“Il secondo sono le regole veterinarie al confine, che non sono state completamente chiarite”.

(AP)

Leggi anche:

G7: “accordo storico”, tassare le multinazionali

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: