fbpx

Aria troppo inquinata: la Corte di giustizia europea condanna la Germania

Aria troppo inquinata: la Corte di giustizia europea condanna la Germania

K metro 0 – Berlino – Tira una “brutta aria” sulle città tedesche. Alte concentrazioni di diossido di azoto (NO2) avvelenano l’atmosfera di grandi centri urbani come Berlino, Stoccarda, Monaco di Baviera, Colonia, Dusseldorf. Per anni, la Germania ha notevolmente superato i valori limite di NO2 indicati dall’UE. E non ha fatto abbastanza per contrastare

K metro 0 – Berlino – Tira una “brutta aria” sulle città tedesche. Alte concentrazioni di diossido di azoto (NO2) avvelenano l’atmosfera di grandi centri urbani come Berlino, Stoccarda, Monaco di Baviera, Colonia, Dusseldorf.

Per anni, la Germania ha notevolmente superato i valori limite di NO2 indicati dall’UE. E non ha fatto abbastanza per contrastare gli alti livelli di inquinamento da diossido di azoto, che in 26 grandi aree urbane sono stati “sistematicamente e continuamente” superati.

Lo ha stabilito una sentenza della Corte di Giustizia europea in Lussemburgo, che potrebbe comportare sanzioni finanziarie per la Germania se la situazione non migliorerà in alcune grandi città.

Il diossido di azoto è un inquinante dell’aria dovuto soprattutto al traffico veicolare. Un gas irritante per l’apparato respiratorio che può provocare bronchiti croniche e, nel peggiore dei casi, edemi polmonari e persino decessi.

La Corte di Giustizia Europea ha ora accolto un ricorso per inadempienza presentato dalla Commissione Europea contro la Repubblica Federale. E ha emesso una sentenza che non esclude nuovi requisiti, ad esempio per i veicoli diesel in determinate località.

Tuttavia, la qualità dell’aria nelle città tedesche è recentemente migliorata, tra l’altro a causa della crisi del coronavirus che ha diradato notevolmente il traffico. Secondo il ministero federale dell’Ambiente, i valori limite sono stati in alcuni casi significativamente superati in 90 città nel 2016. Da allora, il numero delle città altamente inquinate è diminuito ogni anno. Se ne contavano ancora 25 nel 2019, poi sei nel 2020, l’anno della pandemia, tra cui Monaco e Amburgo.

La Commissione europea ha avviato una procedura di infrazione contro la Germania presso la Corte di giustizia europea nel 2018. All’epoca, giustificata dal fatto che i valori limite annuali per il biossido di azoto in vigore nell’UE dal 2010 erano stati sistematicamente superati in 26 grandi aree urbane.

Il valore limite annuo per il biossido di azoto è di 40 microgrammi per metro cubo in media annua. Secondo la Deutsche Umwelthilfe, un’associazione per la difesa dell’ambiente, la sentenza della Corte di giustizia dell’UE scaturisce “dall’importanza fondamentale attribuita alla lotta per l’aria pulita” e la considera una grave sconfitta per il governo federale. Il verdetto è stato un “clamoroso schiaffo in faccia per i lobbisti del diesel in panchina” sempre indaffarati a far pressioni sul governo, ha detto Jürgen Resch, l’ambientalista che ha fatto causa a 28 città tedesche, all’insegna del motto “L’aria pulita non è negoziabile”, dichiarando guerra ai motori diesel e bloccando le macchine ovunque.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: