Medio Oriente, la comunità internazionale condanna le violenze israeliane

Medio Oriente, la comunità internazionale condanna le violenze israeliane

K metro 0 – Gerusalemme – Decine di persone sono rimaste ferite sabato negli scontri tra la polizia israeliana e un folto gruppo di manifestanti palestinesi. Le forze di sicurezza israeliane hanno costretto i fedeli a lasciare con la forza la moschea di Al-Aqsa, le nuove violenze, sono arrivate dopo che più di 200 agenti

Condividi:

K metro 0 – Gerusalemme – Decine di persone sono rimaste ferite sabato negli scontri tra la polizia israeliana e un folto gruppo di manifestanti palestinesi. Le forze di sicurezza israeliane hanno costretto i fedeli a lasciare con la forza la moschea di Al-Aqsa, le nuove violenze, sono arrivate dopo che più di 200 agenti di polizia hanno fatto irruzione nei cortili dell’edificio religioso nelle sale di preghiera coperte.

La comunità internazionale ha espresso “profonda preoccupazione” per le violenze e chiedendo alle autorità israeliane di non adottare la forza. Gli Stati Uniti – un alleato israeliano il cui tono si è inasprito sotto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden – si sono detti “estremamente preoccupati” e hanno esortato entrambe le parti a “evitare passi che inaspriscano le tensioni o ci allontanino dalla pace. Questo include sfratti a Gerusalemme est, attività di insediamento, demolizioni di case e atti di terrorismo”, ha detto il Dipartimento di Stato. L’Unione Europea ha invitato le autorità “ad agire con urgenza per allentare le attuali tensioni”, affermando che “la violenza e l’incitamento sono inaccettabili e gli autori di tutte le parti devono essere ritenuti responsabili”. La Russia ha espresso “profonda preoccupazione”, definendo l’espropriazione di terre e proprietà nei territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme est, “una violazione del diritto internazionale”. Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha affermato di ritenere il governo israeliano responsabile dei disordini e ha espresso “pieno sostegno ai nostri eroi ad Al-Aqsa”. Mentre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha denunciato Israele come “stato terrorista crudele” in un discorso ad Ankara sabato, chiedendo alle Nazioni Unite di intervenire per “fermare la persecuzione”.

Intanto, la polizia israeliana ha fatto sapere di aver disperso i manifestanti nel quartiere di Sheikh Jarrah, dopo che questi ultimi avevano lanciato pietre contro le forze di sicurezza. Testimoni oculari, citati dall’Agenzia WAFA, hanno riferito che le forze di sicurezza israeliane. hanno sparato proiettili di metallo rivestiti di gomma, bombe sonore e gas lacrimogeni nella sala di preghiera di Al-Qibli per costringere i cittadini a lasciarla, e l’hanno evacuata in mezzo a violenti scontri nel luogo, che hanno provocato il ferimento di oltre 163 civili, un gran numero di loro sono stati feriti alla testa e agli occhi. Secondo la Mezzaluna Rossa locale, almeno 80 persone sono rimaste ferite, tra cui diversi bambini, e 14 persone sono state portate in ospedale.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha difeso le azioni della polizia. “Israele sta agendo in modo responsabile per garantire il rispetto della legge e dell’ordine a Gerusalemme pur consentendo la libertà di culto”, ha detto in una riunione di funzionari della sicurezza. Il movimento Hamas, ha esortato i palestinesi a rimanere ad Al-Aqsa fino alla fine del Ramadan, avvertendo che “la resistenza è pronta a difendere Al-Aqsa ad ogni costo”.

Condividi:
Admir Ceman
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: