fbpx

Ucraina, Zelensky: “Mai più una nuova Chernobyl”

Ucraina, Zelensky: “Mai più una nuova Chernobyl”

K metro 0 – Kiev – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky oggi, ha esortato la comunità internazionale a lavorare insieme per garantire la sicurezza nucleare e prevenire il ripetersi del disastro di Chernobyl nel 35° anniversario del peggior incidente nucleare del mondo. “Il nostro compito è fare tutto il possibile per rafforzare la sicurezza per

K metro 0 – Kiev – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky oggi, ha esortato la comunità internazionale a lavorare insieme per garantire la sicurezza nucleare e prevenire il ripetersi del disastro di Chernobyl nel 35° anniversario del peggior incidente nucleare del mondo.

Il nostro compito è fare tutto il possibile per rafforzare la sicurezza per evitare e non ripetere mai un simile disastro in futuro“, ha detto Zelensky in un discorso alla nazione. Nella capitale Kiev, centinaia di persone, compresi leader religiosi e anziani veterani in uniforme militare, coinvolti negli sforzi di bonifica subito dopo l’incidente, si sono uniti a una cerimonia e hanno collocato fiori in un memoriale dedicato alle vittime di Chernobyl. “La storia non va indietro”, ha detto Zelensky nel suo discorso televisivo, “quindi Chernobyl oggi è una sfida comune e una responsabilità comune per il futuro e la sicurezza del pianeta”. La morte di circa 30 persone è stata direttamente collegata all’esplosione nel quarto reattore di Chernobyl durante un test di sicurezza il 26 aprile 1986. Ma si teme che altre migliaia di persone siano morte negli anni seguenti per avvelenamento da radiazioni in tutta l’Ucraina, nella vicina Bielorussia settentrionale e nell’est della Russia. Il numero esatto delle vittime rimane oggetto di un intenso dibattito perché le autorità sovietiche hanno tenuto nascoste la maggior parte delle informazioni sul disastro. Tuttavia, quasi 8,4 milioni di persone nei tre paesi sono state esposte alle radiazioni, secondo le Nazioni Unite.

Centinaia di migliaia di persone sono state evacuate dalla zona intorno al disastro, e la zona di esclusione è ormai diventata una regione spettrale disabitata. Circa 600.000 operatori d’emergenza e impiegati statali che divennero noti come “liquidatori” furono inviati con poca o nessuna attrezzatura protettiva per aiutare a ripulire le conseguenze del disastro.

Il gruppo ambientalista Greenpeace ha pubblicato nel 2006 un rapporto secondo il quale già 100.000 persone avevano perso la vita a seguito dell’incidente. Nel novembre 2016, una massiccia cupola metallica è stata eretta sui resti del reattore – costata circa 2,1 miliardi di euro di finanziamenti internazionali – per fermare future fughe di radiazioni e garantire la sicurezza degli europei per generazioni. Le autorità ucraine affermano che l’area potrebbe non essere adatta agli esseri umani per 24.000 anni, ma il sito ha attirato moltissimi turisti negli ultimi anni e Kiev vuole renderlo un patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Zelensky nel suo discorso ha ribadito la sua ambizione di rivedere la zona di esclusione e renderla sia una destinazione turistica attraente che un paradiso ambientale. “Il nostro obiettivo oggi è trasformare la zona di esclusione … in un’area rinascimentale.” La flora e la fauna in aumento hanno preso il sopravvento sui palazzi deserti, sui negozi e sugli edifici ufficiali, poiché l’area si è trasformata in una gigantesca riserva di dimensioni senza precedenti in Europa.

 

foto:di Emiliano Caruso

Condividi su:
Admir Ceman
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: