Francia: Gli allevamenti di maiali inquinano i fiumi in Bretagna

Francia: Gli allevamenti di maiali inquinano i fiumi in Bretagna

“Life is easy, Fish are jumping and the cotton is high”. I pesci saltano e il cotone cresce alto. Ma la vita non è così facile, come in Summertime, la famosa canzone di George Gershwin. K metro 0 – Parigi – In Bretagna, regione nordoccidentale della Francia, terra dai dolci microclimi favoriti dalla calda corrente

Condividi:

“Life is easy, Fish are jumping and the cotton is high”. I pesci saltano e il cotone cresce alto. Ma la vita non è così facile, come in Summertime, la famosa canzone di George Gershwin.

K metro 0 – Parigi – In Bretagna, regione nordoccidentale della Francia, terra dai dolci microclimi favoriti dalla calda corrente del Golfo, che arriva dal Messico, i fiumi sono inquinati, i pesci sono morti, e le bocche di chi dovrebbe denunciare queste devastazioni dell’ambiente restano cucite.

I liquami degli allevamenti di maiali intorbidano i corsi d’acqua che sfociano mell’armor (il mare, nell’antica lingua bretone).

Gli incidenti dovuti a perdite di liquame sono aumentati negli ultimi anni. Pescatori e associazioni ambientaliste denunciano “negligenza” da parte degli allevatori e mancanza di controllo da parte delle autorità. Il 2 aprile, una perdita di liquame in un allevamento industriale di suini ha causato un forte inquinamento del Penzé, un piccolo fiume, vicino a Morlaix (nella regione del Finistère).

Drammatica la testimonianza di Pierre, un pescatore di 49 anni, che proprio quel giorno, tornando da un paese vicino lancia uno sguardo, come al solito, verso il fiume, che scorre lungo la strada che costeggia il Penzé, uno dei “gioielli” dei pescatori locali. Ma quel pomeriggio, il piccolo fiume costiero non offre il suo volto abituale. “Ho visto il muschio uscire dal torrente che sfocia nel Penzé. Ricopriva un liquame nerastro che affondava. C’era nell’aria un forte odore di ammoniaca”.

Pierre allerta subito il presidente della sua associazione, che avverte i servizi di emergenza. Lui sa dove guardare: a 700 metri c’è la fattoria Kerjean con i suoi 21.000 maiali, come si legge sul sito governativo Géorisques.

Per immagazzinare e trattare gli escrementi prodotti dai suini, il sito dispone di una stazione di depurazione e di diversi bacini, a valle della fattoria. “C’era liquame tutto intorno ai serbatoi. Stava traboccando e ha continuato a traboccare quando sono arrivato. Ho cercato qualcuno ma non ho trovato nessuno”, dice Pierre. Dopo diversi squilli al cancello principale, un impiegato esce ad incontrarlo. “Non era turbato più di tanto… Gli ho detto ‘Tutto è morto nel fiume’, ma lui non ha detto niente”.

Scaricato in un fiume, il liquame è una doppia minaccia per le specie animali. Stracarico di materia organica, stuzzica l’appetito dei batteri, avidi di escrementi come di ossigeno. Così l’acqua viene svuotata di questo prezioso gas e fa soffocare rapidamente il pesce. L’’ammoniaca che contiene, tossica per gli organismi acquatici, completa l’opera.

Secondo la prefettura, tra i 100 ei 150 m3 di liquame si sono riversati quel giorno nel Penzé, inquinando il fiume fino all’estuario, due chilometri a valle, dove la città di Carantec ha dovuto vietare la balneazione e la raccolta di conchiglie.

“In questo tratto del fiume sono morti tutti i pesci. A migliaia, tutte le specie messe insieme”, stima Thomas Villette, responsabile per la pesca e la protezione dell’ambiente acquatico dell’AAPPMA di Morlaix. Trote, pesciolini, cernie, lamprede, salmoni … “Si è perduto l’equivalente di un anno di riproduzione del salmone, ormai in estinzione in questo corso d’acqua”, lamenta il tecnico, meno preoccupato per le altre specie, che torneranno dalle zone a monte del fiume.

Queste specie e questi fiumi “hanno altrettanto valore delle chiese e dei castelli del nostro Paese. Non abbiamo il diritto di rovinare tutto col pretesto di produrre sempre di più o di nutrire la Francia”, protesta Philippe Bras, presidente di l’AAPPMA di Morlaix, senza però voler incriminare “l’intero settore dell’agricoltura”. Insieme alla federazione delle pesca del Finistère e all’associazione Water and Rivers of Brittany, l’AAPPMA ha presentato una denuncia per inquinamento del corso d’acqua e mancata dichiarazione di incidente.

Se la rabbia è così forte è perché l’incidente di Taulé non è un caso isolato in Bretagna, una regione in cui, secondo l’INSEE (l’istituto nazionale di statistica) si alleva il 58% dei suini francesi. La federazione della pesca del Finistère stima che negli ultimi cinque anni si sono verificati una cinquantina di casi di inquinamento, causati per lo più da fughe di liquame, spesso di suini, e a volte di bovini.

L’elenco dei fiumi interessati in Bretagna è lungo: il Jet, la Flèche, il torrente Pointe du Millier, il Quillimadec, lo Jaudy, lo Stang, la Mignonne … Solo un mese prima del Penzé, il Bélon, un fiume del sud del Finistère, era stato vittima di liquami. A volte, questo inquinamento minaccia ostriche e mitili allevati alla foce dei fiumi, così come i bacini di acqua potabile. “Con questa frequenza, per noi questi non sono più incidenti (…) È negligenza, scarsa considerazione del rischio industriale e scarsa manutenzione degli impianti, alcuni dei quali sono in gran parte finanziati dal contribuente”, insiste Mickaël Raguénès, membro di Eau et rivières de Bretagne.

“La domanda ora non è se ci sarà un incidente, ma in quale fiume e in che data”, ha dichiarato a Franceinfo.

La percezione delle associazioni è confermata dai dati ufficiali. Analizzando quelli di Aria, il database del Bureau of Analysis of Industrial Risks and Pollution (Barpi), Franceinfo ha potuto osservare un notevole aumento delle perdite di letame negli allevamenti di suini bretoni negli ultimi anni: da sei, in otto anni (2008 -2015) a dodici in quattro anni (2016-2019). Questa banca dati, che raccoglie principalmente gli incidenti più gravi, non tiene ancora in conto alcuni fatti riportati dai pescatori e dall’associazione Eau et rivières de Bretagne. In un rapporto del novembre 2020, il Consiglio Generale per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile ha rilevato, confrontando i controlli effettuati nel quadro della Politica Agricola Comune, che molte fughe di notizie non erano state segnalate a Barpi.

Siamo di fronte a “incidenti troppo frequenti”, era scritto in una newsletter agricola del giugno 2019, che citava 23 casi di inquinamento accidentale di liquami suini o bovini in 18 mesi.

Franceinfo ha contattato più volte l’allevamento Kerjean, le cooperative agricole, le camere dell’agricoltura dipartimentale e regionale e l’Unione dei gruppi di produttori di carne della Bretagna. Senza successo. “Non vogliono rispondere”, ci sussurrano in una camera dell’agricoltura. Secondo un ambientalista eletto, che non vuol essere citato perché “vuole stare tranquillo”, i sindacati e le cooperative impongono una legge del silenzio nelle campagne. “Quando un giornalista si aggira fra i campi, tutti i produttori del settore vengono allertati tramite SMS. Si dà ordine di non parlare. E guai a chi ignora queste raccomandazioni”, dice uno che conosce l’ambiente, lui stesso un ex contadino.

“Gli incidenti, quando svolgi un’attività, possono succedere, è come quando prendi la macchina”, minimizza Thierry Coué, vicepresidente della FNSEA, presidente della commissione ambiente dell’unione agricola e della sua sezione bretone, contestando l’aumento degli scarichi di letame negli ultimi anni.

Gli agricoltori denunciano una campagna diffamatoria contro l’allevamento del bestiame.

E allora che dire dei dati forniti da Aria? “Se questi sono dati ufficiali, bene. Noi lanciamo regolarmente appelli alla vigilanza. Cosa volete che vi dica? Ovviamente, ci dispiace per gli incidenti”. Ma come si evitano? A questa domanda, risponde sottolineando il costo degli investimenti necessari allo scopo.

“La scommessa, forse sottaciuta, è di dire: non sto investendo 100 perché metterei a repentaglio il mio modello economico e se poi qualcosa va storto mi costerà solo 10 o 20”, schematizza il direttore di Water and Rivers di Bretagna, Arnaud Clugery.

“Tutto è buono per colpire l’allevamento, la mano che ci nutre. Diamo da mangiare alla Francia ogni giorno”, spiega Coué, mettendo in guardia contro “il giorno in cui arriverà questo cibo da altre parti”. Anche lui crede che il Penzé si riprenderà: “È un danno irreversibile? Secondo me no”. Nel 2017, un agricoltore della Côtes-d’Armor si è suicidato dopo che il muro del suo porcile è crollato e il liquame è defluito in un ruscello. Dopo questa tragedia, i suoi parenti avevano denunciato in una lettera aperta “il linciaggio di un pover’uomo”.

In assenza di testimonianze dirette, non ci resta che esaminare i dati di Aria per cercare di capire le ragioni di questi incidenti. Sebbene non esaustivo, l’elenco del Bureau of Analysis of Industrial Risks and Pollution (Barpi) può essere utile per rilevare tendenze e somiglianze tra i livelli di gravità, gli ambienti naturali interessati, i materiali coinvolti o le cause degli incidenti. Nel caso di perdite di liquame negli allevamenti di suini in Bretagna, sembra che dei 18 incidenti registrati dal 2008 al 2019, 14 abbiano provocato sversamenti nell’ambiente acquatico.

Tra le cause elencate da Barpi per ogni incidente, si segnala l’errore umano nel 50% dei casi. Potrebbe trattarsi di una pompa azionata inavvertitamente da un operatore, di un tubo rotto dopo una manovra con un trattore o di valvole mal chiuse che provocano traboccamenti. Nel 44% dei casi sono implicate le installazioni stesse.

Tra gli esempi citati nel database di Aria: un problema tecnico a una cisterna che ha provocato la fuoriuscita di 100 tonnellate di liquame, oppure il crollo di un edificio in amianto che ha causato una fuoriuscita di 600 m3 di liquame.

Ulteriori analisi condotte da Barpi rivelano un problema di gestione del rischio nel 75% dei casi: installazioni che favoriscono il verificarsi di incidenti, lavoratori scarsamente formati o mancanza di supervisione.

Per Eau et rivières de Bretagne, parte delle responsabilità sono attribuibili anche alle autorità pubbliche. Mancherebbero sufficienti controlli da parte dei servizi dello Stato, che sarebbero per giunta troppo concilianti, consentendo regolarizzazioni post facto. “E’ come se fossi scoperto in autostrada senza patente e invece di sanzionarti, ti chiedessero di passare l’esame di guida entro un anno”, dice Brieuc Le Roch, consulente legale di Acqua e fiumi.

E quando la sanzione arriva, ha poco effetto dissuasivo secondo le associazioni ambientaliste. “Ogni procura ha la sua politica penale e nella Bretagna occidentale non abbiamo assistito ad alcuna repressione di questo tipo di crimini ambientali”, spiega Brieuc Le Roch, riferendo che questi casi di inquinamento sono spesso risolti tramite CRPC, “comparizioni su previo riconoscimento di colpevolezza” per evitare di passare attraverso un’udienza pubblica.

Nell’agosto del 2018, un allevatore di Saint-Derrien, i cui liquami avevano ucciso 12,5 tonnellate di pesce d’allevamento è sfuggito così al processo. L’allevatore è stato condannato a una semplice multa di 750 euro per questi atti, punibili invece, con un regolare processo, con due anni di reclusione e una multa di 18.000 euro.

Lo stesso anno, a Elliant, 300 m3 di liquame sono stati scaricati nel Jet, uccidendo 50 tonnellate di trote del vicino allevamento ittico. L’operatore è stato deferito al tribunale penale, ma l’intervento di Eau et Rivières è stato necessario per ricordare al giudice che l’imputato aveva già inquinato il fiume nel 2012. Sei anni prima se l’era cavata con una multa di 1500 euro, grazie a una transazione. Questa volta l’agricoltore, che rigetta la responsabilità dell’infortunio sull’artigiano che ha eseguito il lavoro, è stato scagionato. E il pubblico ministero ha presentato ricorso su pressione delle associazioni ambientaliste.

A questo clima giudiziario, troppo clemente, si aggiunge un clima pesante per chi osa criticare l’agroindustria bretone. Quando si parla dell’argomento si tirano indietro non solo gli allevatori di suini, ma anche quelli di molluschi, che per quanto potenziali vittime dell’inquinamento del Penzé, non vogliono parlare. Come del resto anche il sindaco di un comune interessato, i rappresentanti eletti della maggioranza (PS) nel consiglio regionale, e la prefettura del Finistère. Negli ultimi anni, diversi giornalisti locali, come Morgan Large di Radio Kreiz Breizh o lo sceneggiatore del fumetto “Green Algae, The Forbidden History”, Inès Léraud, sono stati intimiditi e minacciati per le loro inchiestsull’agroindustria. Il cane della Léraud è stato avvelenato e una ruota della sua auto è stata svitata silenziosamente per causare un incidente.

“Noi vogliamo solo che gli agricoltori si rendano conto di ciò che stanno facendo e facciano ciò che è necessario per rimediare. Un bacino di raccolta dei liquami non è molto costoso”, insiste Patrick Clérin, vicepresidente della federazione della pesca del Finistère. Per il legale di Water and Rivers, Brieuc Le Roch, occorrerebbero “maggiori risorse per i servizi prefettizi e giudiziari, in modo che ci sia una vera prevenzione tramite l’amministrazione e una vera repressione attraverso il sistema giudiziario”. Nella loro lotta, i difensori dell’ambiente troveranno forse un nuovo alleato: la Corte dei conti dovrà consegnare, dopo le elezioni regionali, il tanto atteso rapporto sulle alghe verdi. Un’altra piaga, causata dalla diffusione del liquame nei campi.

Condividi:
1 comment

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

1 Comment

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: