Paesi Bassi, Il governo allenterà le misure dal 28 aprile

Paesi Bassi, Il governo allenterà le misure dal 28 aprile

K metro 0 – Amsterdam – Il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha annunciato stasera l’allentamento di una serie di misure restrittive, a partire dalla prossima settimana. L’afflusso di pazienti affetti da Covid negli ospedali si sta lentamente stabilizzando, Rutte ha definito la notizia “incredibilmente entusiasmante”, che consente un cauto ampliamento delle regole, ha riferito

Condividi:

K metro 0 – Amsterdam – Il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha annunciato stasera l’allentamento di una serie di misure restrittive, a partire dalla prossima settimana. L’afflusso di pazienti affetti da Covid negli ospedali si sta lentamente stabilizzando, Rutte ha definito la notizia “incredibilmente entusiasmante”, che consente un cauto ampliamento delle regole, ha riferito nel corso della conferenza stampa.

A partire da mercoledì 28 aprile, faremo il primo passo provvisorio”. Ma questo primo passo è “ancora molto cauto e attento” e secondo Rutte, che ha illustrato la situazione, i rischi devono essere giustificati, e questo per il momento rimarrà un atto di bilanciamento. Le condizioni quindi saranno implementate la prossima settimana.

Questo è anche uno dei pensieri alla base del piano governativo di apertura, grazie al quale i Paesi Bassi contano di poter dire addio alla maggior parte delle misure anti covid, verso l’inizio dell’estate.

Siamo pronti a fare questo primo “passo cauto” anche se, per il momento, il settore sanitario sarà sovraccarico. Intanto, il ministro Hugo de Jonge, ha detto che il rispetto delle regole di base diventerà ancora più importante, anche per chi è stato già vaccinato. In Primo luogo, il coprifuoco scadrà il 28 aprile, alle 4.30. In secondo luogo, le possibili visite a domicilio passano da un massimo di una a un massimo di due persone al giorno. Questa è la misura più difficile da rispettare per molte persone, ma è comunque importante perché la maggior parte delle infezioni avviene in casa. In terzo luogo, i caffè all’aperto possono riaprire dalle 12:00 alle 18:00. Per ogni terrazza possono essere ammesse al massimo cinquanta persone. Gli ospiti devono mantenere una distanza di 1,5 metri l’uno dall’altro. I tavoli se dotati di schermi, possono essere a meno di 1,5 metri l’uno dell’altro di distanza. Naturalmente, se si hanno sintomi, si resta a casa; se si ha una visita, ci si attiene alle regole di base. “Capisco che i lavoratori della ristorazione avevano sperato di più, non cancelleremo il loro momento difficile con questo piccolo primo passo..;” ma con il secondo passo possiamo fare una nuova valutazione.” Nei negozi non essenziali, a partire dal 28 aprile, non sarà richiesto alcun appuntamento preliminare. “Questo provvedimento, darà a questi imprenditori un po’ più di spazio, per fare ciò che sanno fare meglio.” Nei piccoli negozi, ci dovranno essere un massimo di due persone per locale; in quelli grandi un cliente per ogni 25 metri quadrati. I clienti devono mantenere il distanziamento e continuare ad indossare le mascherine obbligatorie. Inoltre, ogni studente dell’istruzione superiore sarà finalmente in grado di frequentare di nuovo l’istituto “dal vivo”, una volta alla settimana, a partire da lunedì 26 aprile. Il provvedimento conferma inoltre, questo è solo un primo passo. Continueremo a pianificare come possiamo mandare alunni e studenti a scuola sempre più spesso”.”Il numero massimo di partecipanti ai funerali passerà da 50 a 100, e anche gli esami per la patenti di guida saranno di nuovo permessi”.

Tutto ciò richiederà qualche sforzo da parte di tutti noi. Dall’applicazione delle regole, deriverà la chiusura dei luoghi troppo affollati. Soprattutto, ci si appella al buon senso e alla responsabilità. “Il paese non può essere completamente sbloccato in una volta sola; dobbiamo fare delle scelte. Faremo queste scelte in consultazione con i comuni, l’industria e le agenzie specializzate, sempre guardando i movimenti di viaggio e i momenti di contatto. Ma guardiamo anche quali misure hanno il maggiore impatto sulla società.”

Inoltre, il ministro de Jonge ha spiegato che, “le scelte sono a volte difficili da spiegare, lavoriamo insieme per assicurarci di poter fare i prossimi passi il più rapidamente possibile, con il vaccino come risorsa principale”.

Saremo davvero bloccati con le misure per un po’, ma in combinazione con i test e le vaccinazioni, usciremo da questa crisi. Ogni settimana, un numero crescente di persone sarà meglio protetto.

Condividi:
Nizar Ramadan
Nizar Ramadan
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: