Criminalità: L’UE stabilisce un piano quinquennale di contrasto

Criminalità: L’UE stabilisce un piano quinquennale di contrasto

K metro 0 – Bruxelles – L’esecutivo dell’UE, ha stabilito oggi una tabella di marcia quinquennale di proposte legislative e iniziative volte a combattere le bande criminali organizzate. Organizzazioni che usano sempre più il digitale per commettere reati, e hanno persino sfruttato la pandemia per la vendita di prodotti medici contraffatti. Tra gli altri obiettivi

Condividi:

K metro 0 – Bruxelles – L’esecutivo dell’UE, ha stabilito oggi una tabella di marcia quinquennale di proposte legislative e iniziative volte a combattere le bande criminali organizzate. Organizzazioni che usano sempre più il digitale per commettere reati, e hanno persino sfruttato la pandemia per la vendita di prodotti medici contraffatti.

Tra gli altri obiettivi dell’Unione è previsto anche l’aumento di cooperazione tra le polizie, contrastare la tratta di esseri umani e stabilire nuove regole per combattere il riciclaggio di denaro, riferisce Reuters.

Recentemente, alcuni gruppi criminali hanno già cercato di vendere oltre 1 miliardo di dosi di vaccini falsi o inesistenti, ha affermato la Commissione, aggiungendo che vuole concentrarsi sullo smantellamento delle bande e sull’arresto dei loro leader.

La Commissione ha affermato che il 70% delle bande criminali opera in quattro o più paesi dell’UE, e le entrate derivanti dal traffico di armi, droga o persone, dal traffico di migranti, dalla criminalità informatica e da altri reati gravi, nel 2019, ammontavano a 139 miliardi di euro (166 miliardi di dollari), pari all’1% del prodotto interno lordo dell’UE.

L’esecutivo, le cui proposte necessitano dell’approvazione dei paesi dell’UE e del Parlamento europeo, ha affermato che stabilirà un nuovo codice di cooperazione di polizia e negozierà un accordo di collaborazione Europol-Interpol.

Inoltre, stabilirebbe nuove regole antiriciclaggio, aggiornando quelle per la confisca dei profitti criminali. Oggi solo l’1% dei beni criminali viene confiscato e viene rilevata una quota minore di riciclaggio di denaro.

Con l’80% dei crimini che ora ha una componente digitale, la Commissione ha affermato che rivedrà gli orientamenti sulla conservazione dei dati e proporrà modalità per le autorità di contrasto, volte ad ottenere l’accesso alle informazioni crittografate.

Per quanto riguarda la tratta di esseri umani, nell’UE, si cercherà di stabilire di norme minime sulla criminalizzazione. Norme circa lo sfruttamento consapevole delle persone vittime della tratta. Si discuterà anche dei modi in cui le società Internet potranno rimuovere le piattaforme utilizzate per reclutare o sfruttare le persone vulnerabili.

Tra il 2017 e il 2018, nell’Unione europea sono state registrate più di 14.000 vittime di tratta, in maggioranza donne e ragazze.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: