Germania: Armonie e dissonanze. Laender: regole Covid, interpretate in modo diverso

Germania: Armonie e dissonanze. Laender: regole Covid, interpretate in modo diverso

K metro 0 – Berlino – Il governo centrale di Berlino e i singoli Stati federali tedeschi (Laender) hanno concordato regole comuni per combattere il coronavirus decidendo di prorogare il lockdown fino al 18 aprile. Ma le regole vengono interpretate in modo diverso in ogni Land. L’essenziale in breve – Estensione del lockdown fino al

Condividi:

K metro 0 – Berlino – Il governo centrale di Berlino e i singoli Stati federali tedeschi (Laender) hanno concordato regole comuni per combattere il coronavirus decidendo di prorogare il lockdown fino al 18 aprile.

Ma le regole vengono interpretate in modo diverso in ogni Land.

L’essenziale in breve

– Estensione del lockdown fino al 18 aprile.

– Attenuazione delle misure più stringenti del lockdown di Pasqua.

– Accordo fra governo e Laender che consente agli stati federali di avviare progetti pilota temporanei in alcune regioni selezionate, “con misure di protezione rigorose e verifiche puntuali” per eventuali riaperture diparticolari settori della vita pubblica.

– Sulla base delle delibere comuni, i singoli Stati federali possono emanare ordinanze che convertono quanto concordato in norme giuridicamente vincolanti.


Dopo l’accordo sull’attenuazione del lockdown di Pasqua non c’è stato nessun nuovo vertice sulla lotta al coronoavirus.. Le regole concordate sono state tuttavia rafforzate in molti Stati federali. Soprattutto, il coprifuoco si applica in molti luoghi, ma per la vendita al dettaglio le regole sono talvolta più rigide rispetto a gennaio o febbraio.

Le regole però differiscono da un luogo all’altro, da distretto a distretto. Anche i regolamenti per le scuole e gli asili nido sono molto diversi. Il capo della CDU Armin Laschet chiede norme uniformi a livello nazionale. Si discute molto anche sui test obbligatori per studenti e insegnanti.

Sassonia-Anhalt, Bassa Sassonia, Schleswig-Holstein e Nord Reno-Westfalia li hanno già annunciati per dopo le vacanze di Pasqua. In Sassonia il test obbligatorio già in vigore sarà esteso alle scuole primarie. Nella Saar, dovrebbe applicarsi solo alle scuole secondarie.

Proviamo a tratteggiare a grandi linee una panoramica delle regole che si applicano nei vari stati federali:

Baden-Wuerttemberg

Quando si viaggia in automobile con persone estranee alla propria famiglia tutti l sono tenutìi a indossare una mascherina.

Se l’ incidenza settimanale dei nuovi contagi è superiore a 100 ogni 100mila abianti, per diversi giorni consecutivi, è previsto il coprifuoco locale (dalle 21:00 alle 5:00) . Se è inferiore, le restrizioni dei contatti non vengono rafforzate. Ciò significa che possono ancora incontrarsi un massimo di cinque persone provenienti da non più di due nuclei familiari, esclusi i ragazzi fino a 14 anni. Le coppie che non vivono insieme sono considerate un’unica famiglia.

Nei distretti urbani e rurali con un’incidenza settimanale stabile inferiore a 50, biblioteche e musei possono aprire senza restrizioni.

Baviera

In Baviera, il lockdown in vigore dall’8 marzo, continuerà fino al 18 aprile.

Ciò significa, ad esempio, che se l’incidenza settimanale dei nuovi contagi è compresa tra 35 e 100 per 100mila abitanti in un quartiere o in una città, possono incontrarsi un massimo di cinque persone di due nuclei familiari . Se l’incidenza è compresa fra tra 50 e 100, i negozi di vendita al dettaglio possono aprire.

Le ulteriori fasi di apertura previste nei distretti rurali o urbani con un’incidenza settimanale non superiore a 50 o 100 nei settori della ristorazione all’aperto, della cultura e dello sport saranno sospese fino al 12 aprile 2021 .

Se l’incidenza è pari a 100 il coprifuoco entra in vigore dalle 22:00 alle 5:00. Le riunioni sono quindi consentite solo con i membri della propria famiglia e con un’altra persona. Il commercio al dettaglio dovrà quindi chiudere nuovamente.

Berlino

A Berlino, dal Venerdì Santo, 2 aprile, sono entrate in vigore restrizioni più severe sui contatti. Tra le 21:00 e le 5:00, le persone possono stare all’aperto solo da sole o in coppia. Durante il giorno rimane il regolamento precedente. Possono incontrarsi all’aperto e a casa un massimo di cinque persone di due nuclei familiari, esclusi i bambini in entrambi i casi.

Da martedì 6 aprile le regole per gli incontri privati indoor saranno nuovamente inasprite. Durante il giorno, solo i membri della stessa famiglia più un’altra persona possono stare insieme.

Da mercoledì 31 marzo il commercio al dettaglio può rimanere aperto. Ma in tutti i negozi che vanno oltre le esigenze quotidiane, devono essere presentati test anticovid negativi. Sono escluse le attività di importanza sistemica come supermercati, farmacie, panifici e drogherie. Non è più necessaria la prenotazione di un appuntamento, vale ancora il numero massimo di clienti.

Anche i fornitori di servizi come parrucchieri o saloni di bellezza, ma anche musei o gallerie, possono rimanere aperti, soggetti però alla presentazione di un test anticovid negativo.

Regole più severe per le aziende. Devono consentire ai propri dipendenti di sottoporsi a un test a settimana in futuro. Non è previsto tuttavia alcun test obbligatorio .

Inoltre, esiste un obbligo di smartworking per le aziende. In futuro le aziende dovrebbero offrire in smarteworking il 50% dei loro posti di lavoro.

Brandeburgo

Brandeburgo è in testa per gli alti livelli di infezione da coronavirus. Durante la Pasqua entrerà di nuovo in vigore un coprifuoco notturno dalle 22:00 alle 5:00 del mattino. È valido dall’ 1 aprile fino alla mattina del 6 aprile. Con l’eccezione per i pendolari che debbono recarsi al lavoro.

Per il momento non sono possibili progetti pilota per testare l’allentamento delle restrizioni. Il nuovo regolamento dovrebbe applicarsi fino al 18 aprile .

Il ” freno di emergenza ” si applica se l’incidenza locale settimanale dei nuovi contagi ogni 100mila abitanti è superiore a 100 per tre giorni consecutivi. Poi dovrebbe chiudere di nuovo anche il commercio al dettaglio – a parte le attività essenziali per le necessità quotidiane. Parrucchieri, studi estetici, ecc. dovrebbero rimanere aperti.

Nelle regioni con un’incidenza inferiore a 100, possono incontrarsi fino a cinque persone di un massimo di due nuclei familiari.

I datori di lavoro devono permettere ai dipendenti di sottoporsi ad almeno un test anticovid a settimana.

Brema

Nello stato di Brema, dal 29 marzo sono di nuovo in vigore regole anticovid più severe a causa dell’aumento dei tassi di infezione.

Lo shopping è sospeso. Musei e mostre devono chiudere nuovamente.

Per quanto riguarda i contatti, possono riunirsi un massimo di cinque persone appartenenti a un massimo di due nuclei familiari esclusi i bambini.

Gli sport all’aria aperta sono consentiti solo da soli, in coppia o con i membri della propria famiglia. Questa regola non si applica ai bambini. I ragazzi fino a 14 anni possono fare sport all’aperto con un massimo di 20 persone e con due istruttori.

Persone provenienti da più di due famiglie a bordo di un veicolo, devono indossare dispositivi di protezione individuali.

A Bremerhaven, i cittadini devono rimanere a casa tra le 21:00 e le 5:00 fino al 18 aprile .

Amburgo

I residenti non sono autorizzati a uscire di casa fino al 18 aprile, durante questo periodo, senza una buona ragione. Le eccezioni si applicano, ad esempio, alle attività professionali, alle passeggiate con il cane o agli sport all’aria aperta, ma solo per una persona alla volta.

Il divieto di consumo di alcol in tutta la città , in vigore da metà dicembre, è stato revocato dal 29 marzo.l consumo di bevande alcoliche è limitato nel tempo e nello spazio. Colpiti dalle proibizioni sono i luoghi in cui, secondo l’esperienza della polizia, ci sono incontri con bevute in comune.

Il requisito della mascherina sarà ulteriormente rafforzato. Ora si applica anche ai passeggeri delle auto, ma non al conducente: se gli occupanti appartengono alla stessa famiglia, sono esonerati dall’obbligo di indossarla. La copertura della bocca e del naso è ancora necessaria in molti luoghi all’aperto affollati.

Il ” freno di emergenza ” , in vigore dal 20 marzo, resta invariato. Inoltre, i membri di una famiglia possono incontrare solo un’altra persona. I bambini non vengono conteggiati. Rimangono chiusi la maggior parte dei negozi , a meno che non vendano beni di necessità quotidiana, libri o fiori.

Secondo l’accordo tra il governo federale e quello centrale, il Senato di Amburgo ammette la sperimentazione di progetti pilota con cui testare eventuali aperture della vita sociale.

Assia

Dal 29 marzo sono consentite riunioni in spazi pubblici con un massimo di due famiglie. Divieto di bevande alcoliche nei luoghi pubblici.

Zoo, giardini botanici e musei all’aperto rimarranno accessibili. Le palestre rimangono aperte e possono essere frequentate su appuntamento.

Durante lo shopping verrà nuovamente rimossa la regola secondo cui i clienti possono visitare i negozi previo appuntamento. In futuro, saranno solo in grado di ordinare i prodotti in negozi al dettaglio on-line e di ritirarli in loco.

Librerie, garden center e negozi di ferramenta, tra gli altri, rimangono aperti, indipendentemente dall’incidenza settimanale dei contagi. Parrucchieri e studi estetici sono ancora accessibili ai clienti, ma esibendo preferibilmente un test anticovid negativo .

Resta possibile lo sport all’aria aperta in gruppo per ragazzi sotto i 14 anni. Lo sport individuale è possibile all’interno e all’esterno secondo le norme adottate per la regolazione della vita sociale.

Nelle regioni con un numero crescente di infezioni, sono possibili regolamentazioni autonome, incluso il coprifuoco notturno.

Meclemburgo-Pomerania occidentale

Da lunedì 29 marzo possono incontrarsi un massimo di cinque persone di due nuclei familiari, esclusi i ragazzi fino a 14 anni. Le coppie che non vivono insieme sono considerate un’unica famiglia.

I negozi di fiori, le librerie e i centri di orticoltura rimarranno aperti ovunque. Sono possibili acquisti in altri negozi, ad esempio di abbigliamento, ma previo appuntamento in anticipo ed esibizione di un test rapido anticovid negativo. Aperti anche parrucchieri e studi estetici.

Se l’incidenza settimanale dei nuovi contagi ogni 100mila abitanti in due distretti urbani è superiore a 100 , può essere imposto un coprifuoco dalle 21:00 alle 6:00. Se supera 150, scattano le chiusure.

Bassa Sassonia

Dal 29 marzo , gli incontri sono consentiti solo con persone di una famiglia e un massimo di due persone di un’altra famiglia , esclusi i figli di queste persone fino all’età di 14 anni. Le coppie che non vivono insieme sono considerate un nucleo familiare.

In considerazione del forte aumento delle nuove infezioni, il nuovo regolamento anticovid in Bassa Sassonia contiene ora regole per il coprifuoco notturno negli hotspot . Se l’incidenza settimanale dei nuovi contagi è superiore a 100 ogni 100mila abitanti, i membri di una famiglia possono riunirsi solo con un’altra persona e con i loro figli fino all’età di sei anni. Inoltre, possono essere adottate misure come l’obbligo di mascherina e il divieto di accesso in alcuni luoghi pubblici come i parchi.

Sono consentite sperimentazioni di progetti pilota sulle aperture nel commercio al dettaglio, nella ristorazione e nelle attività culturali a condizione di effettuare test rapidi anticovid e tracciamenti digitali dei contatti.

Renania settentrionale-Vestfalia

Con un’incidenza settimanale dei nuovi contagi ogni 100mila abitanti inferiore a 100, valgono le misure adottate dal 29 marzo 2021 nella Renania settentrionale-Vestfalia.

Sono possibili riunioni in spazi pubblici con un massimo di cinque persone appartenenti a due distinte famiglie, esclusi i bambini fino ai 14 anni. Le coppie, conviventi o meno, contano come una famiglia.

L’accesso a musei, mostre d’arte, gallerie, palazzi, castelli, monumenti e simili è consentito previa prenotazione su appuntamento e con tracciabilità garantita. Il numero di visitatori ammessi contemporaneamente in spazi chiusi non deve superare una persona ogni 20 mq.

L’accesso a zoo e parchi faunistici è consentito previa prenotazione su appuntamento e ne è assicurata la tracciabilità. Il numero di visitatori ammessi contemporaneamente in locali chiusi non deve superare una persona ogni 20 mq. All’esterno questo non è richiesto.

Nonostante i contagi in rapida crescita, la Renania settentrionale-Vestfalia non sta tirando il freno di emergenza sull’intero territorio regionale. Negozi, impianti sportivi e istituzioni culturali devono chiudere solo in caso di incidenza settimanale dei nuovi contagi superiore a 100 ogni 100mila abitanti.

I distretti urbani interessati possono, tuttavia, ammettere eccezioni previo un test rapido giornaliero negativo. Queste opzioni eccezionali devono essere però concordate in anticipo con il Ministero della Salute.

Durante il fine settimana di Pasqua, le restrizioni sui contatti vengono allentate nelle regioni con un’elevata incidenza del coronavirus: cinque persone di due famiglie diverse, bambini esclusi, possono incontrarsi sul territorio regionale dal giovedì santo al lunedì di Pasqua (dal 1 ° al 5 aprile), indipendentemente dal tasso di infezione locale.

Ad eccezione della Pasqua, tuttavia, nei comuni con un’incidenza superiore a 100, membri di un nucleo familiare possono incontrare solo un’altra persona nello spazio pubblico.

Renania-Palatinato

In Renania-Palatinato, sono possibili incontri privati con i membri della propria famiglia e con un’altra famiglia, ma limitati a un massimo di cinque persone, esclusi i ragazzi fino a 14 anni.

Nei comuni con incidenza dei nuovi contagi inferiore a 100 per 100mila abitanti è consentita la ristorazione all’aperto a condizione che si effettuino test anticovid rapidi, prenotazioni e tracciamenti dei contatti. Musei, gallerie, zoo e giardini botanici possono essere visitati su appuntamento. Lo sport individuale è possibile solo all’esterno.

Il freno di emergenza si applica nei comuni con valori superiori a 100. Sono possibili coprifuoco tra le 21:00 e le 5:00 e sono permesse riunioni in spazi pubblici solo con i membri della propria famiglia e una persona di un’altra famiglia.

Parrucchieri e studi estetici possono restare aperti solo se rispettano severi requisiti di igiene e sicurezza.

Saar

La Saar vorrebbe allentare le restrizioni anticovid attraverso la sperimentazione di un progetto pilota dopo Pasqua. Martedì 6 aprile riapriranno cinema, teatri, centri fitness e ristoranti all’aperto.

In occasione di riunioni private ed eventi all’aperto, dovrebbe essere consentito l’accesso a un massimo di dieci persone dopo il fine settimana di Pasqua.

Gli sport di contatto all’aperto dovrebbero quindi essere nuovamente possibili, sempre esibendo un test anticovid negativo. Se tutto va bene, potrebbero esserci ulteriori aperture dopo il 18 aprile, ad esempio nel settore della ristorazione o nelle attività di volontariato .

Sassonia

Con il nuovo regolamento, che si applica dall’ 1 al 18 aprile, la Sassonia estenderà l’obbligo di test anticovid e mascherine in alcune aree. In futuro molte attività, come andare dal parrucchiere o fare la spesa su appuntamento. saranno possibili solo esibendo un test anticovid negativo.

Le restrizioni sui contatti privati rimangono in vigore. Possono incontrarsi due famiglie con un massimo di cinque persone, esclusi i ragazzi di età inferiore ai 15 anni. In alcune contee e città, tuttavia, si applicano nuovamente normative più severe.

In Sassonia vale sempre l’obbligo di indossare la mascherina in pubblico. Dall’ 1 aprile, le nuove norme si applicheranno alle zone pedonali dalle 6:00 a mezzanotte, nonché ai parchi giochi, ai mercati settimanali, alle bancarelle e al ritiro e alla consegna del cibo.

Anche se l’incidenza settimanale di nuovi contagi è superiore a 100 per 100mila abitanti, le città e le contee possono offrire servizi di “Click & Meet” (ordinare per telefono o su internet beni che potranno essere ritirati in seguito. In questo modo, si permette ai negozi di riaprire, ovviamente con determinate regole). Dopo Pasqua potranno aprire zoo, musei e gallerie. Sempre a condizione che non ci siano più di 1.300 pazienti Covid nei normali reparti degli ospedali in Sassonia. Inoltre, clienti e visitatori devono presentare giornalmente un test anticovid negativo. I negozi di giardinaggio e ferramenta rimarranno aperti e d’ora in poi anche i negozi di articoli speciali per bambini, indipendentemente dall’incidenza settimanale dei nuovi contagi.

I dipendenti e i lavoratori autonomi con contatto diretto con i clienti devono sottoporsi a test anticovid due volte a settimana . Il datore di lavoro deve fornire i test. I clienti devono presentare un test negativo per visitare il parrucchiere.

Sassonia-Anhalt

L’ordinanza di contenimento della pandemia emanata dallo Stato di Sassonia-Anhalt si applica dal 29 marzo al 18 aprile 2021 compreso .

Niente di fondamentale cambia nei giorni di Pasqua: le stesse norme che regolano i contatti si applicano alle festività di prima. Nelle contee con un’incidenza settimanale stabile dei nuovi contagi inferiore a 100 per 100mila abitanti, sono consentiti incontri con un massimo di cinque persone che non appartengono alla stessa famiglia. Se l’incidenza è superiore a 100 per tre giorni, si potrà incontrare una sola persona.

A causa dell’elevato livello di infezione e della diffusione di varianti di virus, non sono previste ulteriori fasi di apertura in Sassonia-Anhalt.

Dopo Pasqua, la Sassonia-Anhalt vuole intraprendere ulteriori iniziative di apertura come parte di progetti pilota con rigide misure igieniche. Lo scopo è quello di valutare possibili riaperture in base ai test. È importante che il raggio di sperimentazione dei progetto pilota specifico sia limitato nello spazio.

L’approvazione delle riaperture potrebbe essere revocata se, entro un periodo di sette giorni, i nuovi contagi superassero i 200 ogni 100.mila abitanti per cinque giorni consecutivi.

Schleswig-Holstein

Lo Schleswig-Holstein ha prorogato la chiusura fino all’11 aprile. Ciò significa che le restrizioni esistenti per il tempo libero, la cultura, il turismo e la gastronomia continuano in gran parte ad applicarsi. Sono previste tuttavia alcune attenuazioni. Tra le altre cose, è stata revocata la limitazione a due persone fisse per le visite personali.

Le autorità sanitarie, inoltre, possono consentire l’apertura delle piscine per i corsi collettivi di nuoto per bambini (fino a 14 anni). Viene meno il precedente obbligo di notifica all’autorità competente di eventi religiosi con più di dieci partecipanti. Il canto congregazionale è possibile all’aperto con la mascherina. I noleggi di sdraio possono riaprire.

Se l’incidenza dei nuovi contagi è superiore a 100 ogni 100mila abitanti per tre giorni consecutivi e l’epidemia non può ancora essere ridotta quasi completamente, le famiglie, ad esempio, possono incontrare solo un’altra persona , esclusi i ragazzi sotto i 14 anni.

Nelle regioni con un’elevata incidenza, possono aprire solo i negozi per le necessità quotidiane come alimentari, drogherie, mercati settimanali o ferramenta. Solo una persona per famiglia può fare acquisti. Nel resto del commercio al dettaglio, possono essere ritirate solo le merci preordinate.

Per i servizi che prevedono un contatto fisico , i clienti in aree ad alta incidenza dovranno esibire in futuro test anticovid negativi . Ciò non si applica ai servizi medici e infermieristici, né alla frequentazione di parrucchieri o saloni di bellezza. L’esercizio fisico è possibile solo con persone che vivono nella stessa famiglia o con un’altra persona.

Nelle aree con un’incidenza di nuovi contagi piuttosto bassa, lo stato vuole consentire progetti pilota temporanei con eventuali di riaperture nei settori del turismo, della cultura e dello sport a partire dal 19 aprile, a condizione che vengano osservate rigide precauzioni igieniche ed effettuati test approfonditi. E che siano applicati efficaci sistemi tracciamento elettronico dei contatti.

Turingia

Il nuovo regolamento in Turingia sarà in vigore dall’ 1 al 24 aprile .

Sono previsti incontri privati tra la propria famiglia ed un’altra per un massimo di cinque persone. Inoltre, con un’incidenza settimanale dei nuovi contagi stabile inferiore a 200 per 100mila abitanti, si potranno effettuare acquisti al dettaglio con il sistema “Click & Meet” a partire dal 12 aprile .

Durante lo shopping dovrebbe essere esibito un test negativo. Inoltre, si dovrebbe garantire anche il monitoraggio dei contatti. Zoo e parchi zoologici dovrebbero essere in grado di riaprire, a determinate condizioni, dal 10 aprile .

Dovrebbe continuare ad essere garantita, a determinate condizioni, la possibilità di sperimentare progetti pilota in singole aree, cpome ad ad esempio a Weimar.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: