L’Azerbaigian ha rimpatriato tutti i detenuti classificati come prigionieri di guerra

L’Azerbaigian ha rimpatriato tutti i detenuti classificati come prigionieri di guerra

K metro 0 – Baku – Il Servizio Stampa del MAE della Repubblica dell’Azerbaigian è intervenuto sui presunti casi di maltrattamento di prigionieri di guerra armeni, come da report di Human Rights Watch. Nel suo comunicato stampa il MAE ha evidenziato che “L’Azerbaigian si impegna a sostenere le norme internazionali, tra cui il diritto internazionale

Condividi:

K metro 0 – Baku – Il Servizio Stampa del MAE della Repubblica dell’Azerbaigian è intervenuto sui presunti casi di maltrattamento di prigionieri di guerra armeni, come da report di Human Rights Watch.

Nel suo comunicato stampa il MAE ha evidenziato che “L’Azerbaigian si impegna a sostenere le norme internazionali, tra cui il diritto internazionale umanitario e la normativa sui diritti umani. In quanto tale, respingiamo le affermazioni di Human Rights Watch secondo cui i prigionieri di guerra non sono stati trattati in conformità con le Convenzioni di Ginevra.

Ci rammarichiamo che il recente rapporto di HRW sui presunti casi di maltrattamento di prigionieri di guerra armeni sia unilaterale e non sia in grado di fornire una situazione oggettiva. La natura sistematica di tali rapporti basati su argomenti non comprovati e fatti incontrollati mette in dubbio la loro validità.

I prigionieri di guerra armeni e i civili detenuti in Azerbaigian sono stati trattati in conformità con i requisiti delle Convenzioni di Ginevra del 1949, non sono stati sottoposti a torture, umiliazioni e trattamenti inumani e sono state fornite loro le cure mediche necessarie. Ognuno di loro è stato sottoposto a visita medica durante la detenzione. L’esame non ha rivelato alcuna traccia di ferite (ad eccezione delle lesioni subite in operazioni di combattimento).

Contrariamente a quanto sostenuto in relazione a prigionieri di guerra che rimangano in custodia, l’Azerbaigian ha restituito tutti i prigionieri di guerra armeni all’Armenia. Ciò è stato concordato nella dichiarazione trilaterale del 10 novembre 2020.

Durante la detenzione, a partire dall’ottobre 2020, ai prigionieri di guerra armeni e ai civili sono state fornite visite regolari da parte di rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa e sono state agevolate telefonate e videochiamate con i familiari.

Inoltre, i rappresentanti dell’ufficio del difensore civico della Repubblica dell’Azerbaigian hanno riesaminato regolarmente le condizioni dei prigionieri di guerra, visitando i loro luoghi di detenzione.

L’Azerbaigian ha avviato indagini penali contro coloro che sarebbero legati a casi di abuso. Va notato che, nonostante le ripetute richieste e le numerose accuse, l’Armenia non ha avviato alcuna indagine sui casi di trattamento degradante dei prigionieri di guerra azerbaigiani e dei civili detenuti.

Il governo dell’Armenia ha tentato di confondere il contesto in cui sono stati effettuati gli arresti. Dopo la fine del conflitto, segnata dalla firma della Dichiarazione Trilaterale del 10 novembre 2020, chiunque sia detenuto in Azerbaigian non può essere considerato prigioniero di guerra.

Coloro che sono stati inviati dall’Armenia nel territorio dell’Azerbaigian con l’obiettivo di impegnarsi in attività di sabotaggio e terrorismo nel periodo successivo alla firma della citata dichiarazione trilaterale, non sono e non possono essere considerati prigionieri di guerra ai sensi del diritto internazionale umanitario e sono responsabili ai sensi del diritto penale della Repubblica dell’Azerbaigian. I detenuti vengono trattati in conformità con la legge internazionale sui diritti umani e la legge azerbaigiana che difende i loro diritti.

Per ribadire, l’Azerbaigian ha rimpatriato tutti i detenuti classificati come prigionieri di guerra.

Il governo dell’Azerbaigian invita HRW a rivolgere la sua attenzione alle testimonianze dei maltrattamenti dei prigionieri di guerra azerbaigiani e dei detenuti civili da parte dell’Armenia, nonché ai migliaia di azerbaigiani scomparsi.

Come risultato della prima guerra del Karabakh, 3890 azerbaigiani sono scomparsi e il loro destino rimane ancora sconosciuto. Queste persone scomparse erano composte da 3171 militari e 719 civili (inclusi 71 bambini, 267 donne, 326 anziani). Secondo le testimonianze di 1480 ex prigionieri di guerra azerbaigiani, in grave violazione del diritto internazionale umanitario, comprese le Convenzioni di Ginevra del 1949, i prigionieri di guerra azerbaigiani furono torturati, maltrattati e tenuti in condizioni degradanti. Le indagini penali hanno dimostrato che 35 persone sono state responsabili di trattamenti degradanti e torture contro prigionieri di guerra e detenuti azerbaigiani. I nomi dei responsabili sono stati presentati all’Interpol.

Ci sono anche numerose prove, incluso materiale video, che mostrano i maltrattamenti dei prigionieri di guerra azerbaigiani da parte delle forze armate dell’Armenia durante le ultime operazioni militari, che sono stati ampiamente diffusi sui social media.

Tutti i prigionieri di guerra e i civili precedentemente detenuti in Armenia e successivamente tornati in Azerbaigian sono stati sottoposti a una visita medica forense e sono stati interrogati sulle condizioni della loro detenzione. Opinioni di esperti, dichiarazioni personali e altri materiali hanno confermato che la stragrande maggioranza dei detenuti è stata sottoposta a torture fisiche e trattamenti disumani.

A differenza dell’Azerbaigian, il governo dell’Armenia si è rifiutato di indagare su queste accuse.

Chiediamo alle istituzioni internazionali competenti di astenersi da tale posizione unilaterale e di garantire la completa imparzialità nella compilazione dei rapporti in merito alla situazione post-conflitto nella regione.”

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: