Turchia: sostenere la stabilità dei prezzi e difendere la moneta

Turchia: sostenere la stabilità dei prezzi e difendere la moneta

K metro 0 – Ankara – La Turchia potrebbe prendere in considerazione l’idea di mettere in atto una serie di strategie volte a difendere la sua lira. Il Paese, non scenderà a compromessi dal meccanismo di libero mercato, ha detto lunedì il Ministro del tesoro e delle finanze Lutfi Elvan. “Continueremo ad attuare politiche fiscali

Condividi:

K metro 0 – Ankara – La Turchia potrebbe prendere in considerazione l’idea di mettere in atto una serie di strategie volte a difendere la sua lira. Il Paese, non scenderà a compromessi dal meccanismo di libero mercato, ha detto lunedì il Ministro del tesoro e delle finanze Lutfi Elvan.

“Continueremo ad attuare politiche fiscali per sostenere la stabilità dei prezzi in un modo che integri la politica monetaria”, ha osservato Elvan. La decisione shock del presidente Erdogan che sabato scorso ha rimosso il numero uno della banca centrale Naci Agbal, in carica da meno di cinque mesi, dopo che aveva alzato i tassi in modo più aggressivo del previsto.

Mentre il ministro delle finanze Lutfi Elvan, ha affermato che la Turchia si atterrà alle regole del libero mercato e ad una valuta fluttuante, gli analisti hanno riferito che il governo probabilmente tornerà a modalità meno ortodosse, usate prima che Agbal aumentasse i tassi per proteggere la lira e le riserve estere in diminuzione, riferisce Reuters.

Molti hanno sottolineato i costosi interventi di mercato che hanno prevalso sotto l’ex ministro delle finanze Berat Albayrak, genero di Erdogan, che si è dimesso il giorno dopo la nomina di Agbal a novembre.

Negli ultimi due anni le banche statali hanno venduto circa 130 miliardi di dollari per stabilizzare la lira, sostenute dagli swap della banca centrale. Di conseguenza, lo scorso anno la valuta estera della banca centrale è diminuita di tre quarti, a soli $ 11 miliardi.

Ma se le riserve estere non possono essere ricaricate e la lira continua a scendere e gli investitori si aspettano un taglio dei tassi di interesse, si profila una crisi dei pagamenti che lascia poche opzioni appetibili.

Una minoranza di analisti, anche alla SEB, ha affermato che la Turchia alla fine sarà costretta ad adottare controlli sui capitali, comprese nuove tasse sui guadagni e limitare l’acquisto locale di valute forti. Intanto, Nurettin Canikli, il vice capo del partito AK al governo, ha avvertito oggi che i controlli sui capitali sono una linea rossa da non superare.

Le disponibilità turche in valuta estera hanno toccato un record di 236 miliardi di dollari a gennaio, riflettendo le preoccupazioni per un’inflazione vicina al 16% – rispetto a un obiettivo della banca centrale del 5% – e la sfiducia nella lira, che ha perso la metà del suo valore in meno di tre anni.

“I risparmiatori nazionali avevano di nuovo ragione”, ha affermato Kerim Rota, membro fondatore e capo della politica economica presso il Future Party di opposizione in Turchia, lanciato nel 2019.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: