BCE: intensificato il programma di stimolo all’acquisto di obbligazioni

BCE: intensificato il programma di stimolo all’acquisto di obbligazioni

K metro 0 – Francoforte – La Banca centrale europea ha dichiarato oggi che intensificherà il suo programma di stimolo all’acquisto di obbligazioni per evitare che la ripresa economica venga deviata da un aumento prematuro dei costi di prestito, riferisce AP. La Banca centrale punto di riferimento dei 19 paesi che utilizzano l’euro ha affermato

Condividi:

K metro 0 – Francoforte – La Banca centrale europea ha dichiarato oggi che intensificherà il suo programma di stimolo all’acquisto di obbligazioni per evitare che la ripresa economica venga deviata da un aumento prematuro dei costi di prestito, riferisce AP.

La Banca centrale punto di riferimento dei 19 paesi che utilizzano l’euro ha affermato che nel prossimo trimestre gli acquisti saranno effettuati a un ritmo notevolmente superiore rispetto ai primi mesi dell’anno.

I rendimenti dei titoli di Stato a lungo termine sono aumentati di circa lo 0,3% dall’inizio dell’anno nella zona euro. Non è molto e le tariffe rimangono basse. Ma la BCE vuole evitare qualsiasi inasprimento prematuro del credito mentre le aziende stanno ancora lottando per la crisi causata dalle misure anticovid.

Il presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde ha dichiarato in una conferenza stampa che l’aumento dei tassi di prestito di mercato, se lasciato incontrollato, potrebbe tradursi in un inasprimento prematuro delle condizioni finanziarie per tutti i settori dell’economia.

Gli acquisti di obbligazioni hanno l’effetto di spingere verso il basso i rendimenti obbligazionari, che vengono utilizzati come parametri di riferimento per l’indebitamento in tutta la zona euro. Quindi, un ritmo più rapido degli acquisti di obbligazioni in teoria aiuterebbe a mantenere il credito a buon mercato per le aziende che hanno bisogno di investire o chiedere prestiti per superare la pandemia.

La Bce ha acquistato 59,9 miliardi di euro a febbraio e 53 miliardi di euro a gennaio. Gli acquisti hanno raggiunto i 120 miliardi a giugno 2020. Gli acquisti proverranno dal totale di 1,85 trilioni di euro accantonati per il programma; quasi 1 trilione di euro di quello deve ancora essere utilizzato. La Bce afferma che proseguirà gli acquisti almeno fino alla fine di marzo 2022, e comunque fino a quando non giudicherà che la fase di crisi pandemica sia terminata.

La mossa della banca centrale sottolinea come l’Eurozona sia in ritardo rispetto alle altre principali economie in ripresa. La Cina è stata l’unica grande economia a crescere lo scorso anno e si prevede che gli Stati Uniti raggiungeranno livelli di produzione pre-pandemici entro la metà di quest’anno.

Al contrario, l’economia della zona euro non dovrebbe riprendersi fino alla metà del 2022, frenata da una lenta introduzione del vaccino e da livelli inferiori di spesa per aiuti governativi rispetto agli Stati Uniti.

La mossa della BCE ha provocato una reazione immediata nei mercati finanziari, con i rendimenti obbligazionari in calo e i mercati azionari in aumento in Europa.

Condividi:
Nizar Ramadan
Nizar Ramadan
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: