Libano: i manifestanti bloccano le strade per il 7° giorno consecutivo

Libano: i manifestanti bloccano le strade per il 7° giorno consecutivo

K metro 0 – Beirut – Il presidente del Libano ha chiesto alle forze di sicurezza di prevenire i blocchi stradali, dopo che oggi i manifestanti hanno chiuso le strade principali del paese per il settimo giorno consecutivo. Le misure concordate in un incontro con i massimi funzionari della sicurezza e del governo includevano l’ordinazione

Condividi:

K metro 0 – Beirut – Il presidente del Libano ha chiesto alle forze di sicurezza di prevenire i blocchi stradali, dopo che oggi i manifestanti hanno chiuso le strade principali del paese per il settimo giorno consecutivo.

Le misure concordate in un incontro con i massimi funzionari della sicurezza e del governo includevano l’ordinazione di un giro di vite su chiunque “violasse la legge monetaria e creditizia“, compresi gli uffici di cambio, si legge in una nota, secondo quanto riferisce Reuters.

Da quando la sterlina libanese, che ha perso l’85% del suo valore, è precipitata a un nuovo minimo la scorsa settimana, i manifestanti hanno bloccato le strade ogni giorno.

Tre strade principali che portano a sud nella capitale sono state bloccate, mentre nella stessa Beirut i manifestanti hanno chiuso brevemente una strada di fronte alla banca centrale. Il Paese in paralisi politica e i cittadini sono disperati per la crisi economica che va avanti da oltre un anno e mezzo. A Tiro, nel sud, un uomo ha cercato di bruciarsi versando benzina sul suo corpo, ma i membri della protezione civile lo hanno fermato in tempo, ha riferito l’agenzia di stampa statale.

A Tripoli, nel nord del Libano, una delle città colpite pesantemente della crisi economica, i manifestanti hanno costruito un muro di mattoni alto un metro per impedire il passaggio delle auto consentendo solo un percorso per i casi di emergenza.

“I nuovi sviluppi sul fronte finanziario e di sicurezza devono essere affrontati rapidamente”, si legge nella dichiarazione della presidenza.

Intanto, il nuovo primo ministro designato, Saad al-Hariri, ai ferri corti con il presidente Michel Aoun non è stato in grado di formare un nuovo governo che deve attuare le riforme necessarie per sbloccare gli aiuti internazionali.

Sabato, Diab ha minacciato di lasciare anche il lavoro di custode per aumentare la pressione su coloro che bloccano la formazione di un nuovo governo.

Il patriarca maronita Bechara Boutros al-Rai ha rimproverato i politici nell’Omelia domenicale: “Come può la gente non ribellarsi quando il prezzo di un dollaro ha superato le 10.000 sterline libanesi in un giorno, come possono non ribellarsi quando il salario minimo è di $ 70?”

Nel frattempo, il patriarca ha chiesto una conferenza internazionale promossa dall’ONU per aiutare il Libano.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: