Azioni mondiali in calo, aumentano i rendimenti obbligazionari

Azioni mondiali in calo, aumentano i rendimenti obbligazionari

K metro 0 – New York – Oggi le azioni mondiali registrano un calo a Wall Street, mentre si rileva un aumento dei rendimenti obbligazionari. Questo ha scosso gli investitori, i quali temono che una inflazione più elevata possa spingere le banche centrali ad aumentare i tassi di interesse al momento bassissimi. I benchmark sono

Condividi:

K metro 0 – New York – Oggi le azioni mondiali registrano un calo a Wall Street, mentre si rileva un aumento dei rendimenti obbligazionari. Questo ha scosso gli investitori, i quali temono che una inflazione più elevata possa spingere le banche centrali ad aumentare i tassi di interesse al momento bassissimi.

I benchmark sono stati inferiori nella maggior parte dei principali mercati e il dollaro è salito rispetto allo yen giapponese, riferisce AP.

I rendimenti dei titoli di stato statunitensi sono rimbalzati dopo un rallentamento all’inizio della settimana. Il rendimento della nota del Tesoro a 10 anni di riferimento è tornato all’1,45% dopo essere salito all’1,48% all’inizio della giornata.

Il DAX tedesco ha perso lo 0,4% a 14.028,59 e il CAC 40 a Parigi è sceso dello 0,1% a 5.823,28. Il FTSE 100 britannico ha ceduto lo 0,8% a 6.623,47. I futures statunitensi sembravano destinati a un inizio lento, con il futuro per l’S & P 500 scambiato in ribasso dello 0,1% mentre il futuro per gli industriali Dow è rimasto pressoché invariato.

Nel commercio asiatico, il Nikkei 225 giapponese ha perso il 2,1% a 28.930,11 e l’Hang Seng a Hong Kong è sceso del 2,2% a 29.236,79. L’S & P / ASX 200 australiano ha perso lo 0,8% a 6.760,70.

L’indice Shanghai Composite è sceso del 2,1% a 3.503,49. Gli investitori si aspettano che le politiche delineate durante la sessione annuale del Congresso nazionale del popolo, una legislatura in gran parte cerimoniale che si riunisce venerdì, possano indicare un inasprimento degli stimoli monetari e governativi.

Il Kospi della Corea del Sud ha perso l’1,3% a 3.043,49 dopo che la banca centrale ha segnalato che l’economia si è contratta nel 2020 per la prima volta dal 1998.

Il dollaro USA è salito a 107,29 yen giapponesi, il livello più alto in sette mesi, da 106,99 yen alla fine di mercoledì. Rendimenti e tassi di interesse più elevati tenderebbero a spingere il biglietto verde più in alto.

L’euro è scivolato a $ 1,2039 da $ 1,2066. I trader hanno anche venduto azioni di società più piccole, trascinando l’indice Russell 2000 dell’1,1% a 2.207,79.

Wall Street continua a guardare a Washington, dove i dati economici, i commenti della Federal Reserve e il pacchetto di stimoli del presidente Joe Biden rimangono in primo piano. La scorsa settimana i rendimenti del Tesoro hanno raggiunto un livello importante dell’1,50%, poiché gli investitori si sono preparati ad una crescita economica più forte, ma anche ad un possibile aumento dell’inflazione.

Le prospettive sono in aumento per l’approvazione del pacchetto di aiuti COVID-19 da $ 1.9 trilioni del presidente Biden con pagamenti individuali di $ 1.400 e arrivano buone notizie anche sulla distribuzione di vaccini.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: