Serbia: allarme per i nuovi casi, sollecitato blocco anticovid

Serbia: allarme per i nuovi casi, sollecitato blocco anticovid

K metro 0 – Belgrado – In Serbia il numero di nuove infezioni giornaliere è in forte aumento, nonostante una campagna di vaccinazione di massa che finora ha visto quasi 1 milione di persone ricevere la prima dose. Tuttavia, è improbabile che la richiesta di uno stato di emergenza ottenga il sostegno del governo conservatore,

Condividi:

K metro 0 – Belgrado – In Serbia il numero di nuove infezioni giornaliere è in forte aumento, nonostante una campagna di vaccinazione di massa che finora ha visto quasi 1 milione di persone ricevere la prima dose.

Tuttavia, è improbabile che la richiesta di uno stato di emergenza ottenga il sostegno del governo conservatore, che spera che il suo programma di ottenere vaccini dall’Occidente, dalla Cina e dalla Russia tirerà la Serbia fuori dalla devastante crisi economica e sociale causata dalla pandemia. Il capo epidemiologo Predrag Kon nominato dal governo per gestire la crisi del coronavirus ha affermato oggi alla rete televisiva statale RTS che non c’è alternativa all’ordinazione di un blocco, riferisce AP.

“Dobbiamo vietare i contatti. E poi ci renderemo conto di che cosa significa quando il sistema sanitario crolla. L’esaurimento è oltre ogni limite, non può più essere tollerato.”

Le autorità sanitarie affermano che 4.000 pazienti COVID-19 rimangono ricoverati in Serbia e che le nuove infezioni segnalate hanno raggiunto il numero di 3.500 al giorno, rispetto a meno di 2.000 al giorno solo poche settimane fa. La Serbia ha registrato quasi 4.500 decessi correlati al virus.

Gli esperti hanno affermato che la causa della recente ondata di infezioni è da attribuire alle feste private e ai locali notturni che violano le regole anti-virus, nonché alle stazioni sciistiche che sono rimaste aperte per tutto l’inverno. Intanto, i massimi funzionari della nazione sono contrari all’imposizione di un blocco, avvertimento che danneggerebbe l’economia serba.

Il presidente Aleksandar Vucic ha dichiarato da Sarajevo che non sono vicini a introdurre uno stato di emergenza. Vucic ha aggiunto che la Serbia prevede di ricevere ulteriori vaccini nelle prossime settimane e ha espresso la speranza che ulteriori vaccinazioni contribuiranno a ridurre l’ondata dei nuovi casi. “Dobbiamo mostrare più disciplina, ci siamo comportati tutti in modo irresponsabile”, ha detto Vucic. “Ma le persone sono stufe. Devono funzionare le nostre economie”.

Aleksandar Vucic, è volato nella capitale bosniaca Sarajevo per consegnare i vaccini AstraZeneca alle autorità locali. La consegna è sufficiente per 5.000 persone per ricevere entrambe le dosi richieste. Vucic ha descritto la passo come un atto di solidarietà e ha sollecitato una più stretta cooperazione tra i paesi balcanici.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: