CEDU, ordina alla Russia il rilascio immediato di Navalny

CEDU, ordina alla Russia il rilascio immediato di Navalny

K metro 0 – Strasburgo – La Corte europei dei diritti umani (Cedu) ha chiesto oggi l’immediato rilascio dell’oppositore russo Alexeï Navalny. Mosca ha respinto la richiesta e ha parlato di “interferenze inaccettabili”, riporta Interfax. “La Corte ha tenuto conto della natura e della portata del rischio per la vita del ricorrente, (…) considerato alla

Condividi:

K metro 0 – Strasburgo – La Corte europei dei diritti umani (Cedu) ha chiesto oggi l’immediato rilascio dell’oppositore russo Alexeï Navalny. Mosca ha respinto la richiesta e ha parlato di “interferenze inaccettabili”, riporta Interfax.

“La Corte ha tenuto conto della natura e della portata del rischio per la vita del ricorrente, (…) considerato alla luce delle circostanze generali dell’attuale detenzione del ricorrente”, riporta la CEDU in un comunicato stampa. La Russia, in quanto firmataria della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, ha “l’obbligo di rispettare” questa decisione, sottolinea la CEDU.

La Corte non fa riferimento al caso dell’avvelenamento che è stato stabilito dall’analisi dei laboratori europei. Tuttavia, ritiene che dovrebbe essere rilasciato in considerazione “dell’entità del rischio per la vita del ricorrente”. “È la prima volta che la Corte prende una tale decisione e le autorità russe dovrebbero attuarla”, ha sottolineato l’avvocato dell’oppositore, Olga Mikhailova.

La richiesta della Corte europea dei diritti umani di scarcerare Navalny è illegittima e non può essere attuata, ha detto il ministro della Giustizia russo Konstantin Chuychenko, citato da Interfax.

Alexeï Navalny è stato arrestato il 17 gennaio scorso, al ritorno da una convalescenza di diversi mesi in Germania. La sua detenzione ha scatenato proteste in tutta la Russia che hanno portato a circa 11.000 arresti.

La Commissaria per i diritti umani, Dunja Mijatović, aveva reso pubblica una lettera dello scorso 11 febbraio, indirizzata al Ministro dell’Interno della Federazione Russa, Vladimir Kolokoltsev, in cui richiama l’attenzione su una serie di preoccupazioni riguardanti i diritti umani in relazione ai metodi di mantenimento dell’ordine utilizzati dalla polizia durante le manifestazioni che hanno avuto luogo nelle ultime settimane in molte città russe.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: