Germania: blindati i confini con Austria e Repubblica Ceca

Germania: blindati i confini con Austria e Repubblica Ceca

K metro 0 – Berlino – Da oggi, la Germania ha imposto un’ulteriore stretta sugli spostamenti alla frontiera con il Tirolo austriaco e con la Repubblica Ceca. Il governo tedesco ha recentemente deciso di estendere il blocco parziale in Germania fino al 7 marzo a causa dei rischi posti dalle varianti, anche se il numero

Condividi:

K metro 0 – Berlino – Da oggi, la Germania ha imposto un’ulteriore stretta sugli spostamenti alla frontiera con il Tirolo austriaco e con la Repubblica Ceca. Il governo tedesco ha recentemente deciso di estendere il blocco parziale in Germania fino al 7 marzo a causa dei rischi posti dalle varianti, anche se il numero di infezioni giornaliere è diminuito nelle ultime settimane.

Controlli più serrati al confine in ingresso e in uscita con Baviera e Sassonia, all’incrocio di Kiefersfelden nel sud della Baviera. Gli agenti di polizia indossano giubbotti gialli ad alta visibilità e passamontagna per evitare il freddo a -5 gradi e controllano meticolosamente ogni veicolo proveniente dall’Austria. I severi controlli alle frontiere, ricordano i controlli durante i primi giorni della pandemia. Solo i residenti possono entrare nel Paese, ma devono fornire un test negativo di coronavirus non superiore alle 72 ore. Le nuove regole rimarranno in vigore fino al 17 febbraio, tuttavia, sono consentite alcune eccezioni per i lavoratori essenziali nei settori come la sanità e i trasporti, nonché per urgenti motivi umanitari, aveva affermato giovedì il ministero degli Interni tedesco Horst Seehofer.

Oltre a maggiori controlli sugli spostamenti autostradali, sono stati sospesi i servizi delle ferrovie tedesche della Deutsche Bahn in partenza e in arrivo per i due Land. Anche all’aeroporto di Francoforte, oggi la polizia federale sta effettuando controlli sui passeggeri in arrivo da Vienna e Praga.

Le restrizioni hanno lo scopo di rallentare la diffusione di nuove varianti più contagiose che sono emerse per la prima volta in Gran Bretagna e Sud Africa e hanno creato nuovi hotspot di virus lungo il confine ceco e nella regione austriaca del Tirolo.

Berlino, non esclude l’espansione di nuovi controlli anche al confine francese, dopo l’aumento della variante nella regione della Mosella. Parigi si è lamentata della “mancanza di discussione” tra Berlino e la Commissione europea sui controlli, tuttavia la Germania, si è difesa affermando che la sua politica è quello di combinare “il pensiero europeo con i bisogni locali”.

La Commissione europea ha condannato le recenti restrizioni della Germania e l’ha esortata a facilitare i movimenti transfrontalieri per i pendolari.

“La paura delle mutazioni del coronavirus è comprensibile”, ha detto domenica al quotidiano tedesco Augsburger Allgemeine il commissario europeo per la salute Stella Kyriakides. Tuttavia, “penso che sia sbagliato tornare in un’Europa con le frontiere chiuse come abbiamo fatto nel marzo 2020”, ha aggiunto.

Dal canto suo il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer, ha respinto le critiche di Bruxelles, l’Ue “ha fatto abbastanza errori” con il suo lento lancio di vaccini, ha detto il ministro al quotidiano Bild.

“Stiamo combattendo contro le nuove varianti covid al confine ceco e austriaco”. La Commissione europea dovrebbe sostenerci … invece di ostacolare il nostro cammino, ha aggiunto il ministro Seehofer.

Condividi:
Nizar Ramadan
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: